ISOLATI DAL VIRUS - IN AUSTRALIA LE FRONTIERE INTERNE ED ESTERNE RESTERANNO CHIUSE FINO ALLA FINE DEL 2021: NIENTE TURISTI E STUDENTI STRANIERI FINO AL VACCINO - AL MOMENTO, L'AUSTRALIA È RIUSCITA A CONTENERE MOLTO BENE LA DIFFUSIONE DEL SARS-COV-2: I CONTAGI ACCERTATI FINORA SONO APPENA 27.182, CON 897 MORTI

-

Condividi questo articolo


 

Da www.leggo.it

 

Coronavirus, in Australia le frontiere interne ed esterne resteranno chiuse fino alla fine del 2021. Questo l'indirizzo politico voluto dal Governo presieduto da Scott Morrison, che non ha intenzione di aprire le frontiere a turisti e studenti internazionali fino a quando non sarà sviluppato un vaccino sicuro ed efficace.

 

coronavirus australia tamponi a melbourne coronavirus australia tamponi a melbourne

La chiusura delle frontiere vale sia in entrata che in uscita: l'Australia continuerà a vietare l'accesso a chi proviene dall'estero ed i suoi cittadini non potranno andare in vacanza fuori dai confini nazionali. A confermare la decisione del Governo Morrison è stato il Ministro del Tesoro, Josh Frydenberg: «Il turismo internazionale resterà ampiamente chiuso fino alla fine dell'anno prossimo. Solo quando avremo un vaccino, si stima entro la fine del 2021, si potrà gradualmente allentare questa restrizione. Gli scenari di questa crisi sono imprevedibili, non c'è nulla di sicuro». Lo riporta anche l'Independent.

 

 

tamponi a melbourne tamponi a melbourne

Al momento, l'Australia è riuscita a contenere molto bene la diffusione del Sars-CoV-2: i contagi accertati finora sono appena 27.182, con 897 morti. Nel paese però ci sono restrizioni anche per i viaggi interni, che resteranno in vigore almeno fino alla fine di quest'anno, anche se l'Australia occidentale ha già annunciato che non riaprirà i confini interni fino ad aprile 2021. L'efficiente contenimento del virus fa da contraltare ad una crisi senza precedenti del settore del turismo, che in sei mesi, nella sola Australia, ha perso una cifra pari a 20 miliardi di euro. Lo riporta il Telegraph.

coronavirus australia 12 coronavirus australia 12

 

Condividi questo articolo

media e tv

AIUTO! SONO IN ARRIVO LE “NUOVE KARDASHIAN” – CHARLI D’AMELIO È LA “TIKTOKER” PIÙ SEGUITA AL MONDO, CON 170 MILIONI DI “FOLLOWERS” E INSIEME ALLA SORELLA DIXIE, ANCHE LEI NELLA TOP TEN DEI “TIKTOKERS” PIÙ FAMOSI, SONO LE PROTAGONISTE DI UN REALITY SU DISNEY+ CHE RACCONTA LE LORO VITE PRIVATE – “IN TV NON NASCONDIAMO LE CRISI D’ANSIA, DOBBIAMO ANCORA FARE L'ABITUDINE A TUTTA QUESTA POPOLARITÀ” – MA INSIEME AGLI AMMIRATORI ARRIVANO ANCHE GLI “HATERS”

politica

COSI' NON SI PASS - SALLUSTI "AVVISA" SALVINI E MELONI DOPO IL FLOP DELLE PROTESTE NO PASS: “MI AUGURO CHE ANCHE GLI ESPONENTI DI CENTRODESTRA CHE IN QUESTI MESI HANNO STRIZZATO L'OCCHIO AI NO PASS PRENDANO ATTO CHE GLI ITALIANI LA PENSANO DIVERSAMENTE - SOGNO UN CENTRODESTRA CHE SI CANDIDI A GOVERNARE IL PAESE, NON UNO CHE SI METTE ALLA TESTA DI UNA MINORANZA NELLA MIGLIORE DELLE IPOTESI IMPAURITA MA PIÙ PROBABILMENTE IGNORANTE, OSTILE ALLA SCIENZA E IN CERCA DI UN RUOLO CHE ALTRIMENTI NON AVREBBE”

business

cronache

GIOVANNA BODA, INDAGATA PER CORRUZIONE, ERA CANDIDATA A DIVENTARE MINISTRO DELL'ISTRUZIONE CON L'APPOGGIO DEL QUIRINALE E DI MARIA ELENA BOSCHI, ALLA CUI COGNATA STAVA CERCANDO UN POSTO DI LAVORO - “LA VERITÀ”: “QUALCUNO AI VERTICI DELLA PROCURA O DELLA FINANZA HA AVVERTITO CHI DI DOVERE CHE QUALCUNO STAVA CANDIDANDO A MINISTRO UN'INDAGATA PER CORRUZIONE, INTERCETTATA E A RISCHIO DI ARRESTO? FONTI SMENTISCONO QUESTA SECONDA IPOTESI. LA VICENDA DIFFICILMENTE SARÀ CHIARITA, ANCHE PERCHÉ SU DI ESSA È CALATO IL SILENZIO…”

sport

cafonal

viaggi

salute

“UNA CURA PER IL COVID C'È GIÀ E SI PUÒ USARE DA SUBITO” - GIUSEPPE REMUZZI, DIRETTORE DELL'ISTITUTO MARIO NEGRI: “IL NOSTRO TRATTAMENTO CON ANTINFIAMMATORI RIDUCE LE OSPEDALIZZAZIONI DEL 90%. GLI STUDI SONO PUBBLICATI, I MEDICI POSSONO APPLICARLI A PRESCINDERE DALLE LINEE GUIDA. LE EVIDENZE A FAVORE DEGLI ANTINFIAMMATORI COMINCIANO A ESSERE TANTE ANCHE SE NON GIUSTIFICANO ANCORA IL CAMBIO DELLE RACCOMANDAZIONI DA PARTE DI AIFA. L'UNICO SCETTICO CHE ABBIAMO INCONTRATO? UN ITALIANO…”