ISOLATI DAL VIRUS - IN AUSTRALIA LE FRONTIERE INTERNE ED ESTERNE RESTERANNO CHIUSE FINO ALLA FINE DEL 2021: NIENTE TURISTI E STUDENTI STRANIERI FINO AL VACCINO - AL MOMENTO, L'AUSTRALIA È RIUSCITA A CONTENERE MOLTO BENE LA DIFFUSIONE DEL SARS-COV-2: I CONTAGI ACCERTATI FINORA SONO APPENA 27.182, CON 897 MORTI

-

Condividi questo articolo


 

Da www.leggo.it

 

Coronavirus, in Australia le frontiere interne ed esterne resteranno chiuse fino alla fine del 2021. Questo l'indirizzo politico voluto dal Governo presieduto da Scott Morrison, che non ha intenzione di aprire le frontiere a turisti e studenti internazionali fino a quando non sarà sviluppato un vaccino sicuro ed efficace.

 

coronavirus australia tamponi a melbourne coronavirus australia tamponi a melbourne

La chiusura delle frontiere vale sia in entrata che in uscita: l'Australia continuerà a vietare l'accesso a chi proviene dall'estero ed i suoi cittadini non potranno andare in vacanza fuori dai confini nazionali. A confermare la decisione del Governo Morrison è stato il Ministro del Tesoro, Josh Frydenberg: «Il turismo internazionale resterà ampiamente chiuso fino alla fine dell'anno prossimo. Solo quando avremo un vaccino, si stima entro la fine del 2021, si potrà gradualmente allentare questa restrizione. Gli scenari di questa crisi sono imprevedibili, non c'è nulla di sicuro». Lo riporta anche l'Independent.

 

 

tamponi a melbourne tamponi a melbourne

Al momento, l'Australia è riuscita a contenere molto bene la diffusione del Sars-CoV-2: i contagi accertati finora sono appena 27.182, con 897 morti. Nel paese però ci sono restrizioni anche per i viaggi interni, che resteranno in vigore almeno fino alla fine di quest'anno, anche se l'Australia occidentale ha già annunciato che non riaprirà i confini interni fino ad aprile 2021. L'efficiente contenimento del virus fa da contraltare ad una crisi senza precedenti del settore del turismo, che in sei mesi, nella sola Australia, ha perso una cifra pari a 20 miliardi di euro. Lo riporta il Telegraph.

coronavirus australia 12 coronavirus australia 12

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È UN MUSCOLOIDE “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GONFIAVA I MUSCOLI E GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, DI FATTO, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE