VOLETE PROVARE L’EBBREZZA DI SORSEGGIARE UN CAFFÈ CIRCONDATI DA SEXY CAMERIERE VESTITE DA DETENUTE IN UNA PRIGIONE? DOVERE VOLARE NELLA CITTÀ TURCA DI YALOVA DOVE È STATO COSTRUITO UN LOCALE CHE SEMBRA PROPRIO UN CARCERE: TELEFONI AI MURI, SBARRE, CELLE E CIBO SERVITO SU VASSOIO DI ACCIAIO – E SE VOLETE ENTRARE NELLA PARTE…

-

Condividi questo articolo

Alix Amer per "www.ilmessaggero.it"

 

bar prigione 7 bar prigione 7

C’è chi avrebbe pagato oro per uscirne e chi oggi invece paga un prezzo (più che accessibile) per entrarci. È il “bar-prigione” situato nella città turca di Yalova, sul lato sud-orientale del Mar di Marmara, un luogo di villeggiatura (e di seconde case per i turchi). Dalla sua apertura ha attirato l’attenzione di migliaia di turisti. È praticamente costruito come un carcere vero e proprio: il cibo viene servito su vassoi di acciaio.

bar prigione 6 bar prigione 6

 

Le sale hanno le sbarre alle pareti e i telefoni sono appesi al muro come quelli che si trovano in carcere. Secondo l’agenzia Turk Press, il caffé è stato progettato sotto forma di prigione in tutti i suoi dettagli «persino i camerieri sono vestiti con tute arancioni come quelle dei criminali o da guardie penitenziarie». Le stanze aperte assomigliano a delle celle con tanto di bagno e lavabo all’interno.

 

bar prigione 5 bar prigione 5

La struttura è composta da 4 piani e oltre a servire cibo e bevande, i suoi clienti possono indossare panni da prigionieri e scattare foto souvenir. Il proprietario del locale, ha spiegato di aver voluto creare un ambiente in cui una persona possa sentire il valore della libertà.

bar prigione 4 bar prigione 4

 

Nonostante le peculiarità dell’arredamento e della struttura, non mancano i comfort: tv a schermo piatto, wifi gratuito. Tutto in questa struttura aiuta gli ospiti a immergersi a fondo in un’esperienza sicuramente creepy e bizzarra, ma singolare e suggestiva. 

 

 

bar prigione 2 bar prigione 2 bar prigione 1 bar prigione 1 bar prigione 3 bar prigione 3

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

UNA VASCA DI VELENI - MAGNINI HA PERSO LA FEDE: “DELUSO DALLA PELLEGRINI, STRANO IL SUO SILENZIO” - L’EX IRIDATO SI LEVA I MACIGNI DAL COSTUME DOPO LA SQUALIFICA PER DOPING: “FEDE NON MI HA DIFESO, PURE LEI VENIVA DAL DOTTOR PORCELLINI. IL PROCURATORE ANTIDOPING NON L’HA MAI SENTITA…” – LA STOCCATA A MALAGO’: “ALMENO UNA FRASETTA DI SOSTEGNO DAL CONI, COME FATTO PER COLPEVOLI ACCLARATI, ME LA SAREI ASPETTATA” – IL POST DELLA PELLEGRINI SU INSTAGRAM CON QUEL PASSAGGIO SULLE "TANTE CAZZATE SENTITE OGGI..."

cafonal

viaggi

salute