“SE IL VIRUS ENTRA IN CASA È IMPOSSIBILE DIFENDERSI” – L’APPELLO ALLA RESPONSABILITÀ DELL’IMMUNOLOGO LE FOCHE: “SU 100 ATTIVITÀ, LIMITIAMOCI A 10, LE ESSENZIALI. NON BISOGNA INCONTRARE AMICI NÉ USCIRE SE NON È NECESSARIO, TANTOMENO PRENDERE L'AUTOBUS. CAFFÈ AL BAR? SUGGERISCO DI NO. INCONTRI DI LAVORO SOLO SUL WEB. COSÌ RIUSCIREMO A RIDURRE LA CARICA INFETTIVA” – “SE UN FAMILIARE È CONTAGIATO È…”

-

Condividi questo articolo

Margherita De Bac per il "Corriere della Sera"

 

FRANCESCO LE FOCHE FRANCESCO LE FOCHE

«L'ultimo pacchetto di misure restrittive è ben modulato. Servirà a raffreddare l'ondata di contagi senza dover ricorrere a chiusure più pesanti. Dobbiamo essere noi, singoli cittadini, a placare il virus», si appella al senso di responsabilità individuale Francesco Le Foche, immunologo clinico della Sapienza.

 

 Tutto dipende da noi?

«Proprio così. Siamo noi i protagonisti di questa situazione e adesso non c'è altro tempo da perdere».

 

In che senso?

«Misure più punitive non servono. Ci aspettano altri mesi duri, fino a marzo, e non potremmo sopportare economicamente un lockdown totale. Dunque facciamo ognuno la nostra parte imponendoci quello personale».

 

contagio in famiglia 4 contagio in famiglia 4

Può fare esempi?

«Su 100 attività, limitiamoci a 10, le essenziali. Non bisogna incontrare amici né uscire se non è necessario, tantomeno prendere l'autobus. Caffè al bar? Suggerisco di no. Incontri di lavoro solo sul web. Così riusciremo a ridurre la carica infettiva espressa dal virus a livello sociale e lo raffredderemo».

 

Come difenderci dentro casa?

contagio in famiglia 6 contagio in famiglia 6

«Per quanto si usi la mascherina e ci si tenga lontani è impossibile evitare il contagio se un familiare si è contagiato. Pensiamo ai momenti della giornata dove incontrarsi è inevitabile, pranzo e cena. L'infezione non deve entrare a casa. I giovani devono capirlo e anche gli adulti».

 

La mascherina è una barriera fondamentale. E quando vediamo che qualcuno non la indossa?

«Incavoliamoci. Comunichiamo in modo chiaro la nostra disapprovazione, diamogli dell'irresponsabile. La difesa di un bene pubblico, la salute, è un obbligo morale ed etico».

 

Tenere duro nei mesi invernali. E in primavera?

«Se adesso evitiamo il peggio, ce la faremo. Ci stiamo avvicinando al vaccino e a terapie molto efficaci».

contagio in famiglia 2 contagio in famiglia 2

francesco le foche francesco le foche FRANCESCO LE FOCHE FRANCESCO LE FOCHE francesco le foche francesco le foche

contagio in famiglia 7 contagio in famiglia 7 contagio in famiglia 3 contagio in famiglia 3 contagio in famiglia 5 contagio in famiglia 5 contagio in famiglia 1 contagio in famiglia 1 contagio in famiglia 8 contagio in famiglia 8 CORONAVIRUS - COME DISINFETTARE LO SMARTPHONE CORONAVIRUS - COME DISINFETTARE LO SMARTPHONE

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

“SERVE IL LOCKDOWN A MILANO, GENOVA, TORINO E NAPOLI” - WALTER RICCIARDI: “LA SEMPLICE RACCOMANDAZIONE A NON MUOVERSI DI CASA RIDUCE DEL 3% L'INCIDENZA DEI CONTAGI, IL LOCKDOWN DEL 25%. SE A QUESTO ACCOPPIAMO LO SMART WORKING, CHE VALE UN ALTRO 13% E IL 15% DETERMINATO DALLA CHIUSURA DELLE SCUOLE SI ARRIVA A QUEL 60% CHE SERVE PER RAFFREDDARE L'EPIDEMIA - IL RINVIO DI RICOVERI E INTERVENTI STA FACENDO AUMENTARE DEL 10 PER CENTO LA MORTALITÀ PER MALATTIE ONCOLOGICHE E CARDIOVASCOLARI”

salute