PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA, UN GRUPPO DI CHIRURGHI HA REIMPIANTATO DUE MANI CONTEMPOREANAMENTE - L’INTERVENTO È STATO EFFETTUATO A VERONA: IL PAZIENTE È UN OPERAIO DI 38 ANNI A CUI ERANO STATE AMPUTATI GLI ARTI SUPERIORI A CAUSA DI UN INCIDENTE IN FABBRICA, MENTRE LAVORAVA IL LEGNO – I DUE ARTI ERANO STATI CONSERVATI IN APPOSITI CONTENITORI CON IL GHIACCIO: I MEDICI HANNO POI DOVUTO..

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Graziella Melina per “il Messaggero”

 

IL PAZIENTE DI VERONA CON LE MANI REIMPIANTATE IL PAZIENTE DI VERONA CON LE MANI REIMPIANTATE

In sette ore e mezza, 4 microchirurghi sono riusciti a reimpiantare entrambi le mani ad un operaio veneto di 38 anni. Il mese scorso, all'Unità operativa complessa di Chirurgia dell'ospedale di Verona, diretta da Massimo Corain, i medici che si sono trovati davanti quel paziente, con le mani amputate a causa di un incidente mentre lavorava il legno, hanno capito subito che non c'era tempo da perdere.

 

[…] I due arti tranciati, che nel frattempo erano stati conservati in appositi contenitori con il ghiaccio e trasportati in sala operatoria, dovevano essere reimpiantati contemporaneamente. Come spiegano dall'azienda veronese sanitaria, «la complessità del reimpianto della mano consiste nel fatto che la microchirurgia deve ricostruire l'arto amputato: dall'osso alla sutura della cute, dai tendini alla vascolarizzazione, fino alla parte neurochirurgica».

 

Massimo Corain Massimo Corain

[…] «L'intervento è eccezionale per la sua bilateralità e per la tempestività con la quale si è mosso l'intero sistema veneto del Trauma ha spiegato Corain in conferenza stampa - Nei casi di lesioni alla mano è fondamentale la celerità. Infatti, non si può attaccare prima un arto e poi l'altro, perché si avrebbe il deterioramento dei tessuti, e soprattutto non si può attaccare un arto dopo che è stato esposto all'aria per 3-4 ore».

 

IL TEAM CHE HA REIMPIANTATO LE MANI A UN PAZIENTE A VERONA IL TEAM CHE HA REIMPIANTATO LE MANI A UN PAZIENTE A VERONA

[…] Il paziente è stato ricoverato per 4 settimane nell'ospedale veronese: oltre alle cure post intervento, i medici hanno dovuto monitorare le sue condizioni per evitare complicanze vascolari o infettive. Ma per l'uomo, scampato il pericolo di restare con entrambe le mani amputate, l'anno nuovo si prospetta con la speranza di poter recuperare i movimenti: il 38enne vicentino ora si trova in un reparto di rieducazione funzionale, dove seguirà un programma di riabilitazione che durerà 7-8 mesi, e così potrà riuscire a usare di nuovo le mani.

 

[…] Per i medici di Verona, il risultato ottenuto non è di poco conto: si tratta infatti del primo reimpianto in contemporanea di entrambe le mani perse, in Italia, e il quinto in tutto il mondo.

CONFERENZA STAMPA ALL OSPEDALE DI VERONA DOPO IL REIMPIANTO DI ENTRAMBE LE MANI CONFERENZA STAMPA ALL OSPEDALE DI VERONA DOPO IL REIMPIANTO DI ENTRAMBE LE MANI Massimo Corain. Massimo Corain.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)