NELLA VITA CI VUOLE CU…ORE – ALL’OSPEDALE “MOLINETTE” DI TORINO A UN UOMO È STATO TRAPIANTATO UN CUORE NUOVO E HA DONATO IL PROPRIO A UN'ALTRA PAZIENTE - ERA AFFETTO DA UNA GRAVE PATOLOGIA AI POLMONI CHE DOVEVANO ESSERE SOSTITUITI CON UN TRAPIANTO - PER COMPIERE L’OPERAZIONE È STATO NECESSARIO ASPORTARE ANCHE IL CUORE CHE NON È STATO "SPRECATO" ED È STATO TRAPIANTATO A UNA DONNA DI 51 ANNI...

-

Condividi questo articolo


SALA OPERATORIA SALA OPERATORIA

(ANSA) - Riceve un cuore nuovo e dona il proprio a una paziente. L'intervento è stato eseguito all'ospedale Molinette di Torino. L'uomo, un siciliano di 43 anni affetto da una grave patologia polmonare, è stato sottoposto a un trapianto associato di cuore e dei due polmoni.

 

sala operatoria sala operatoria

Il cuore espiantato è stato utilizzato per un trapianto su una donna di 51 anni. L'operazione è chiamata 'trapianto di cuore domino' e, secondo quanto comunica la Città della Salute, in Italia non si praticava da quasi trent'anni.

 

"Dopo quasi trent'anni - commentano alla Città della Salute - il trapianto di cuore domino si è nuovamente dimostrato una strategia 'semplice' per risolvere un problema complesso". Il 43enne, residente in Sicilia, soffriva di una disfunzione ai polmoni dovuta a Sindrome di Young, e già da prima del 2020 si era affidato alle cure del Centro trapianti dell'ospedale Molinette, a Torino, diretto da Mauro Rinaldi. Le analisi avevano accertato che il solo trapianto dei polmoni non era praticabile a causa di una grave asimmetria del torace ed era indispensabile la sostituzione dell'intero blocco cardio-polmonare.

 

Alla fine dello scorso aprile si è presentata l'opportunità di reperire i tre organi idonei (il donatore era a Roma). Il duplice intervento è stato eseguito in due sale operatorie adiacenti ed è durato in tutto dieci ore. L'uomo ha ricevuto il nuovo blocco cuore-polmoni e il suo cuore, che era in ottime condizioni, è stato trapiantato su una donna di 51 anni affetta da Displasia aritmogena biventricolare. La Città della Salute informa che i due pazienti "stanno migliorando e che il loro decorso "appare regolare".

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

CRACK, ALLA FINE TUTTO CROLLERÀ (GIORGIA COMPRESA) - “MONTE DI PIETÀ”, LABIRINTICA E IMPIETOSA MOSTRA DELLO SVIZZERO CHRISTOPH BUCHEL ALLA FONDAZIONE PRADA DI VENEZIA, È UN PRECIPIZIO NELL’ABISSO DEL DENARO. LÀ DOVE COLLASSA LA NOSTRA PATOLOGICA COMPULSIONE DI ACCUMULARE TUTTO E DI PIÙ, TRA CELEBRITÀ DIVORATE DALLA POLVERE DELL OBLIO E STILISTI RIDOTTI A BARZELLETTA, LÀ, IN UN MONDO-PALUDE CHE HA SUCCHIATO TUTTO, TIZIANO E CANALETTO, “MERDA D’ARTISTA” DI MANZONI E LE TELE-VENDITE DI WANNA MARCHI, CARRI ARMATI E BORSETTE TAROCCATE PRADA, L’IMMAGINE CHIAMATA AD ACCOMPAGNARCI ALL’ULTIMA MINZIONE DELL’UMANITÀ, APPOGGIATA DAVANTI AL BAGNO, SOPRA UNA SCATOLA PRONTA PER ESSERE SPEDITA VIA, È LEI, GIORGIA DEI MIRACOLI CHE SORRIDE INCORNICIATA…

DAGOREPORT - FEDEZ E FABIO MARIA DAMATO OUT: MISSIONE COMPIUTA PER MARINA DI GUARDO! LA MAMMA DI CHIARA FERRAGNI IN QUESTI MESI HA RIPETUTO A CHIUNQUE CHE IL PANDORO-GATE E LE SUE CONSEGUENZE ERANO TUTTA COLPA DI FABIO MARIA DAMATO E DI FEDEZ. LA SIGNORA AGGIUNGEVA SOVENTE, CON IMBARAZZO DEGLI ASTANTI, CHE CHIARA AVREBBE DOVUTO SUBITO DIVORZIARE. E COSÌ SARÀ – D’ALTRONDE, CHIARA HA DATO DA VIVERE A TUTTA LA FAMIGLIA MATRIARCALE: DALL’IMPROVVISATA SCRITTRICE MARINA ALLE SORELLE INFLUENCER DI SECONDA FASCIA. DI COSA VIVREBBERO SE LA STELLA DI FAMIGLIA SMETTESSE DI BRILLARE?