ADDIO ZUCKERBERG - UNICREDIT LASCIA FACEBOOK, MESSENGER E INSTAGRAM: “VOGLIAMO VALORIZZARE I CANALI DIGITALI PROPRIETARI PER GARANTIRE UN DIALOGO RISERVATO E DI ALTA QUALITÀ” - LA DECISIONE ARRIVA DOPO LO STOP DEGLI INVESTIMENTI PUBBLICITARI SU FACEBOOK, AVVENUTO A MARZO 2018 DOPO LO SCANDALO DI CAMBRIDGE ANALYTICA

-

Condividi questo articolo

Da https://www.ilfattoquotidiano.it

 

jean pierre mustier jean pierre mustier

“Valorizzare i canali digitali proprietari per garantire un dialogo riservato e di alta qualità. In linea con questo impegno, UniCredit annuncia che a partire dal 1° giugno non sarà più su Facebook, Messenger e Instagram“. È questo l’ultimo messaggio postato da UniCredit sui social media, sui quali ha deciso di cambiare rotta.

 

E con l’addio a Facebook, scrive l’agenzia Agi, la banca rinuncia completamente a due social network e alla piattaforma di messaggistica Messenger (tutti canali che fanno capo al gruppo di Menlo Park) per concentrare la comunicazione della propria attività sui propri mezzi digitali, il sito Internet, in primo luogo, ma anche email, telefono e chat.

zuckerberg zuckerberg

 

Una decisione che arriva dopo lo stop degli investimenti pubblicitari sulla piattaforma di Mark Zuckerberg, avvenuto a marzo 2018 dopo lo scandalo di Cambridge Analytica. Motivo per cui alcuni mesi fa l’ad di Unicredit Jean Pierre Mustier aveva preso già le distanze dal social.

 

“Prendiamo le questioni di business ed etica molto seriamente”, aveva dichiarato allora Mustier, “e abbiamo interrotto ogni interazione con Facebook perché non riteniamo che Facebook si stia comportando in modo appropriato ed etico. Unicredit come gruppo non sta utilizzando Facebook per ordine del Ceo e non lo utilizzerà fino a quando non avra’ un comportamento etico appropriato”.

Cambridge Analytica Cambridge Analytica

 

Condividi questo articolo

business

“FCA IN TRATTATIVE AVANZATE PER UN'ALLEANZA CON RENAULT" - IL "FINANCIAL TIMES" SGANCIA LA BOMBA E PARLA DI UN NEGOZIATO CHE DAREBBE VITA AL MAGGIORE PRODUTTORE MONDIALE DI AUTOMOBILI – L’AD DI "FCA" MANLEY: "APERTI A VALUTARE TUTTE LE PROPOSTE FAVOREVOLI CHE SI PRESENTERANNO" - NEL CASO IN CUI FCA DOVESSE ENTRARE NELL'ALLEANZA REANULT-NISSAN-MITSUBISHI, LA BILANCIA DEL POTERE ALL'INTERNO DELLA PARTNERSHIP SI SPOSTEREBBE DAL GIAPPONE VERSO L'EUROPA, "PORTANDO AL TAVOLO JOHN ELKANN", SCRIVE "FT" – LA FIOM-CGIL: IL GOVERNO APRA UN TAVOLO CON IL LINGOTTO E I SINDACATI