ALLACCIATE LE CINTURE: IL MITICO EFROMOVICH TORNA ALLA CARICA CON ALITALIA – L’IMPRENDITORE NATO IN BOLIVIA CON ALTRE TRE CITTADINANZE, ATTRAVERSO SYNERGY GROUP HA SCRITTO UNA LETTERA A PATUANELLI IN CUI RIPROPONE L’INTERESSE PER COMPRARE TUTTA LA COMPAGNIA – I 3 MILIARDI DI AIUTI DI STATO POTREBBERO ESSERE BOCCIATI DALL’UE, E A QUEL PUNTO SI RIAPRE LA MANFRINA SULLA COMPAGNIA AEREA

-

Condividi questo articolo

 

 

 

Paolo Stefanato per ''il Giornale''

 

german efromovich 5 german efromovich 5

Mentre il governo tira dritto sulla via della statalizzazione, per il futuro di Alitalia torna a proporsi, attraverso Synergy Europe, l' imprenditore German Efromovich, 70 anni, nato in Bolivia, famiglia ebrea con origini polacche, cittadinanza brasiliana, colombiana e polacca. La sua esperienza nel settore aeronautico riguarda la compagnia colombiana Avianca, della quale egli rivendica risanamento e sviluppo.

STEFANO PATUANELLI STEFANO PATUANELLI

 

Oggi tuttavia non ne fa più parte e la compagnia è stata rilevata da United e Copa. Sebbene il bando di gara per la vendita di Alitalia sia stato sospeso, Efromovich, sempre attraverso Synergy di cui è presidente Antonio Guizzetti, ha scritto una lettera al ministro dello Sviluppo Stefano Patuanelli e al commissario Giuseppe Leogrande nella quale ripropone l' interesse per l' acquisto di tutta Alitalia, ma anche di parte di essa.

Giuseppe Leogrande Giuseppe Leogrande

 

Prevede «una specializzazione della compagnia nel lungo raggio, nel cargo, mantenendo lo stesso perimetro aziendale (aviazione, manutenzione, servizi a terra), con il rinnovo della flotta e nuove rotte». Già a fine 2019 la candidatura di Efromovich era stata cassata da Mediobanca, advisor del gruppo FS, perchè i suoi requisiti economico finanziari erano stati ritenuti «non sufficienti».

german efromovich 6 german efromovich 6

 

La cordata allora composta da Fs, Ministero dell' Economia e Delta, svanì di lì a poco. Oggi Efromovich ci riprova, non senza una certa temerarietà e in un contesto politico che sembra aver già fatto le proprie scelte. Va anche osservato che se Alitalia come appare scontato in una seconda fase cucirà un' alleanza con un grande vettore che le dia il necessario respiro commerciale, questo partner è più probabile che sia Lufthansa piuttosto che l' ex patron di Avianca.

ALITALIA ALITALIA

 

german efromovich 7 german efromovich 7

I 3 miliardi statali sono contenuti nel decreto rilancio; nello stesso testo sparsi qua e là ci sono ulteriori benefici riservati ad Alitalia, come il monopolio di fatto sulle tratte di servizio pubblico essenziale (Sardegna e Sicilia), la decisione di uniformare al contratto di Alitalia i contratti di tutte le compagnie operanti sul suolo nazionale. Tuttavia, i 3 miliardi di aiuto governativo non vengono dati per scontati dalla Commissione europea secondo la quale «gli interventi statali post Covid per le ricapitalizzazioni non possono riguardare le società già in difficoltà prima del 31 dicembre 2019».

 

PAOLA DE MICHELI CON LA MASCHERINA PAOLA DE MICHELI CON LA MASCHERINA

«Tre miliardi sono una grossa cifra sottolinea scettico l' economista Andrea Giuricin - oggi Lufthansa capitalizza in Borsa 3,8 miliardi». Paola de Micheli, ministro dei Trasporti, si è lanciata in un paragone: la nostra compagnia deve ispirarsi alla portoghese Tap, via di mezzo tra una low cost e una compagnia tradizionale. Per Giuricin, «l' esempio è poco calzante: nazionalizzata circa 3 anni fa con i conti in ordine, Tap nel 2019 ha perso 126 milioni prima delle imposte».

german efromovich 3 german efromovich 3 stefano patuanelli stefano patuanelli AEREO ALITALIA AEREO ALITALIA german efromovich 2 german efromovich 2

 

Condividi questo articolo

business

ITALIA DA RECOVERY – È ARRIVATA LA PROPOSTA DELLA COMMISSIONE EUROPEA: IL FONDO DIVENTA DA 750 MILIARDI: 500 IN ‘GRANTS’, CIOÈ STANZIAMENTI A FONDO PERDUTO (IN TEORIA) E 250 IN ‘LOANS’, CIOÈ PRESTITI – PER L’ITALIA LA QUOTA TOTALE È DI 172 MILIARDI, DI CUI 82 DI 'SUSSIDI'. TOGLIENDO I 56 CHE VERSIAMO ALL’UE FANNO 26 MILIARDI IN TRE ANNI. SENZA CONTARE LA QUOTA PARTE DI GARANZIA DEI PRESTITI – QUALCHE CONDIZIONALITÀ CI SARÀ PER FORZA, INFATTI LA COMMISSIONE HA GIÀ RIVOLTO QUATTRO ‘RACCOMANDAZIONI’ SPECIFICHE ALL’ITALIA – E L’OLANDA FRENA: “I NEGOZIATI SARANNO LUNGHI”

IL NORD PAPPA TUTTO - QUATTRO REGIONI FANNO RAZZIA DEI PRESTITI CON GARANZIA PUBBLICA: LOMBARDIA, PIEMONTE, VENETO ED EMILIA-ROMAGNA SI ASSICURANO OLTRE LA META' DEI FINANZIAMENTI - MA LA FABI DI SILEONI LANCIA L'ALLARME ROSSO: “AL SUD RESTANO LE BRICIOLE E C'E' RISCHIO USURA” - NON C'E' PROPORZIONE TRA CREDITI E PRESENZA SUL TERRITORIO DI PMI - AL NORD C'E' IL 38% DI PMI E PARTITE IVA CHE INTASCA IL 50,7% DELLA LIQUIDITA' PROTETTA DALLO STATO, MENTRE NEL CENTRO-SUD, CON IL 62%, I FINANZIAMENTI SI FERMANO AL 49%...