IL CERCHIO SI STRINGE - BLITZ DELLA GUARDIA DI FINANZA NELLE SEDI DELLE 15 SOCIETÀ CHE HANNO RICEVUTO FINANZIAMENTI DA BANCA ETRURIA - TRA LE AZIENDE SOTTOPOSTE A PERQUISIZIONE, EGNATIA SHOPPING MALL. SOCIO DI RIFERIMENTO È LA NIKILA INVEST, A SUA VOLTA TITOLARE DI UNA QUOTA DEL 40 PER CENTO NELLA PARTY SRL: SOCIO È TIZIANO RENZI, PADRE DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO, MENTRE LA MADRE LAURA BOVOLI È AMMINISTRATORE UNICO

Entrambi sono indagati dalla procura per «omessa comunicazione del conflitto di interessi» per non aver comunicato al Cda che aveva autorizzato la concessione dei fidi di avere un ruolo all’interno delle aziende. Un comportamento aggravato dal fatto che quei finanziamenti sono «deteriorati» e hanno generato perdite per 18 milioni di euro

Condividi questo articolo


Fiorenza Sarzanini per Corriere della Sera

 

lorenzo rosi pier luigi boschi lorenzo rosi pier luigi boschi

Il blitz della Guardia di Finanza è scattato questa mattina. Gli investigatori del nucleo tributario di Arezzo sono entrati nelle sedi delle quindici società che hanno ricevuto finanziamenti da Banca Etruria e sono riconducibili all’ex presidente Lorenzo Rosi e all’ex consigliere Luciano Nataloni.

 

Entrambi sono indagati dalla procura per «omessa comunicazione del conflitto di interessi» per non aver comunicato al Cda che aveva autorizzato la concessione dei fidi di avere un ruolo all’interno delle aziende. Un comportamento aggravato dal fatto che quei finanziamenti sono «deteriorati» e hanno generato perdite per 18 milioni di euro.

 

TIZIANO RENZI TIZIANO RENZI

L’indagine entra dunque in una fase cruciale. La delega ai finanzieri prevede infatti l’acquisizione di tutti i documenti contabili per stabilire in che modo sia stato utilizzato il denaro e le eventuali connessioni tra le diverse società.

 

Nella relazione degli ispettori di Bankitalia che nel febbraio scorso hanno decretato il commissariamento di Etruria, è scritto: «Non è stata approfondita la convenienza della banca nel compiere le operazioni, né effettuato un confronto tra le condizioni applicate e quelle di mercato».

 

Poi i funzionari elencano le situazioni anomale e dichiarano: «Come è emerso dalla documentazione delle pratiche di fido relative al campione ispettivo, le sopra citate carenze rilevano a vario titolo, in particolare, per il dottor Nataloni e per il dottor Lorenzo Rosi».

 

TIZIANO E MATTEO RENZI TIZIANO E MATTEO RENZI LUCIANO NATALONI LUCIANO NATALONI

Tra le aziende sottoposte a perquisizione, alcune sono specializzate nella costruzione e la gestione degli outlet, nuova attività di Rosi con la sua «Egnatia Shopping Mall». Uno dei soci di questa azienda è la «Castelnuovese» (visitata giovedì dalla Finanza) mentre il socio di riferimento è la «Nikila Invest», a sua volta titolare di una quota del 40 per cento nella «Party srl»: socio è Tiziano Renzi, padre del presidente del Consiglio, mentre la madre Laura Bovoli è amministratore unico.

LAURA BOVOLI MAMMA MATTEO RENZI LAURA BOVOLI MAMMA MATTEO RENZI

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA