IL CERCHIO SI STRINGE - BLITZ DELLA GUARDIA DI FINANZA NELLE SEDI DELLE 15 SOCIETÀ CHE HANNO RICEVUTO FINANZIAMENTI DA BANCA ETRURIA - TRA LE AZIENDE SOTTOPOSTE A PERQUISIZIONE, EGNATIA SHOPPING MALL. SOCIO DI RIFERIMENTO È LA NIKILA INVEST, A SUA VOLTA TITOLARE DI UNA QUOTA DEL 40 PER CENTO NELLA PARTY SRL: SOCIO È TIZIANO RENZI, PADRE DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO, MENTRE LA MADRE LAURA BOVOLI È AMMINISTRATORE UNICO

Entrambi sono indagati dalla procura per «omessa comunicazione del conflitto di interessi» per non aver comunicato al Cda che aveva autorizzato la concessione dei fidi di avere un ruolo all’interno delle aziende. Un comportamento aggravato dal fatto che quei finanziamenti sono «deteriorati» e hanno generato perdite per 18 milioni di euro

Condividi questo articolo


Fiorenza Sarzanini per Corriere della Sera

 

lorenzo rosi pier luigi boschi lorenzo rosi pier luigi boschi

Il blitz della Guardia di Finanza è scattato questa mattina. Gli investigatori del nucleo tributario di Arezzo sono entrati nelle sedi delle quindici società che hanno ricevuto finanziamenti da Banca Etruria e sono riconducibili all’ex presidente Lorenzo Rosi e all’ex consigliere Luciano Nataloni.

 

Entrambi sono indagati dalla procura per «omessa comunicazione del conflitto di interessi» per non aver comunicato al Cda che aveva autorizzato la concessione dei fidi di avere un ruolo all’interno delle aziende. Un comportamento aggravato dal fatto che quei finanziamenti sono «deteriorati» e hanno generato perdite per 18 milioni di euro.

 

TIZIANO RENZI TIZIANO RENZI

L’indagine entra dunque in una fase cruciale. La delega ai finanzieri prevede infatti l’acquisizione di tutti i documenti contabili per stabilire in che modo sia stato utilizzato il denaro e le eventuali connessioni tra le diverse società.

 

Nella relazione degli ispettori di Bankitalia che nel febbraio scorso hanno decretato il commissariamento di Etruria, è scritto: «Non è stata approfondita la convenienza della banca nel compiere le operazioni, né effettuato un confronto tra le condizioni applicate e quelle di mercato».

 

Poi i funzionari elencano le situazioni anomale e dichiarano: «Come è emerso dalla documentazione delle pratiche di fido relative al campione ispettivo, le sopra citate carenze rilevano a vario titolo, in particolare, per il dottor Nataloni e per il dottor Lorenzo Rosi».

 

TIZIANO E MATTEO RENZI TIZIANO E MATTEO RENZI LUCIANO NATALONI LUCIANO NATALONI

Tra le aziende sottoposte a perquisizione, alcune sono specializzate nella costruzione e la gestione degli outlet, nuova attività di Rosi con la sua «Egnatia Shopping Mall». Uno dei soci di questa azienda è la «Castelnuovese» (visitata giovedì dalla Finanza) mentre il socio di riferimento è la «Nikila Invest», a sua volta titolare di una quota del 40 per cento nella «Party srl»: socio è Tiziano Renzi, padre del presidente del Consiglio, mentre la madre Laura Bovoli è amministratore unico.

LAURA BOVOLI MAMMA MATTEO RENZI LAURA BOVOLI MAMMA MATTEO RENZI

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

CALTA CHE TI PASSA! – IL BLITZ DA 300 MILIONI DI POSTE NELL’AZIONARIATO DI MEDIOBANCA FA DISCUTERE I PALAZZI DEL POTERE – SI VOCIFERA DI UNA DURISSIMA TELEFONATA DEL MINISTRO GIORGETTI ALL’AD DI POSTE, MATTEO DEL FANTE – SEMBRA CHE, OLTRE IL DICASTERO DELL’ECONOMIA, ANCHE CDP DI SCANNAPIECO NON SAPESSE NULLA DELL’OPERAZIONE CHE HA FATTO FELICE CALTAGIRONE – DATO CHE POSTE È CONTROLLATA DAL MEF (29,26%) E DA CDP (30%), È CHIARO CHE IL CONSENSO A DEL FANTE PER L’OPERAZIONE NON PUÒ NON ESSERE ARRIVATO CHE DAL DUPLEX MELONI-FAZZOLARI, CHE HANNO ELETTO “IL MESSAGGERO” IL LORO QUOTIDIANO PREFERITO…

DAGONEWS - COME MAI MAMMA RAI IN MODALITÀ TELE-MELONI HA SBATTUTO LA PORTA IN FACCIA A FEDEZ? PRIMA DEL RICOVERO, IL MARITO DELLA FERRAGNI AVEVA ACCETTATO L’INVITO A “BELVE”. MA FRANCESCA FAGNANI NON AVEVA FATTO I CONTI CON I MELONIANI DI VIALE MAZZINI, A CUI IL RAPPER A MISURA DUOMO STA SULLA CIMA DEL CAZZO DOPO LE PERFORMANCE SANREMESI: DALLA FOTO STRAPPATA DEL VICEMINISTRO BIGNAMI, IMMORTALATO IN COMPLETINO NAZISTA, ALLA LINGUA IN BOCCA CON ROSA CHEMICAL… - LA CONFERMA DELLA FAGNANI - VIDEO

FLASH! – MEDIOBANCA WAR! E’ CHIARO CHE L’AD DI POSTE, MATTEO DEL FANTE (CONFERMATO GRAZIE A FDI E CARO A CALTAGIRONE) NON AVREBBE POTUTO COMPRARE AZIONI MEDIOBANCA PER LA SOMMETTA DI 300 MILIONI SENZA AUTORIZZAZIONE E CONSENSO DI PALAZZO CHIGI, MEF E CDP - ANCHE SE POSTE NON ESERCITERÀ IL DIRITTO DI VOTO NELL’ASSEMBLEA DL 28 OTTOBRE, AVENDO DELFIN IL 20% E CALTAGIRONE IL 10, È CHIARO CHE TUTTE LE AZIONI CHE VENGONO TOLTE DAL MERCATO, VENGONO TOLTE ALLA LISTA DI NAGEL (A PENSARE MALE SI FA PECCATO MA SPESSO SI INDOVINA…)

NATA SOTTO UNA CATTIVA STELLANTIS – SE SERVISSE UN'ULTERIORE DIMOSTRAZIONE CHE NEL GRUPPO FIAT-PEUGEOT COMANDANO I FRANCESI, BASTA VEDERE CHE SUCCEDE ALLA NUOVA 600 ELETTRICA “MADE IN ITALY”: È PRODOTTA IN POLONIA ED È UNA BRUTTA COPIA (È COSTRUITA SULLA STESSA PIATTAFORMA) DELLA PEUGEOT 2008, CHE INVECE VIENE PROGETTATA E ASSEMBLATA OLTRALPE. STELLANTIS PRODUCE 1 MILIONE DI AUTO IN FRANCIA E 400 MILA IN ITALIA. QUI CI SONO STATI 7500 ESUBERI, NEL PAESE DI MACRON ZERO. DOV’È LANDINI, CHE CON MARCHIONNE SI LAGNAVA UN GIORNO SÌ E L’ALTRO PURE?