CHE FAI, RUBLI? - DURANTE LA CONFERENZA STAMPA A WASHINGTON, MARIO DRAGHI HA (QUASI) APERTO AL PAGAMENTO IN RUBLI: “SONO FIDUCIOSO CHE I PAGAMENTI CONTINUERANNO, MA PER UNA RAGIONE STUPIDA FORSE, NON C’È NESSUNA DICHIARAZIONE UFFICIALE CHE VIOLINO LE SANZIONI, QUINDI È UNA COSA GRIGIA” - “IL PIÙ GRANDE IMPORTATORE, LA GERMANIA HA GIÀ PAGATO IN RUBLI E LA MAGGIOR PARTE DEGLI IMPORTATORI HANNO GIÀ APERTO CONTI IN RUBLI…”

-

Condividi questo articolo


mario draghi conferenza stampa a washington 3 mario draghi conferenza stampa a washington 3

 (ANSA) - "Sono fiducioso" che continueranno "i pagamenti ma per una ragione stupida forse, non c'è nessuna dichiarazione ufficiale che i pagamenti violino le sanzioni, quindi è una zona grigia".

 

PUTIN E I RUBLINETTI - BY EMILIANO CARLI PUTIN E I RUBLINETTI - BY EMILIANO CARLI

Così il premier Mario Draghi a Washington in conferenza stampa dopo l'incontro con Joe Biden, sul tema del pagamento in rubli delle forniture di gas. Al riguardo Draghi sottolinea: "il più grande importatore, la Germania, ha già pagato in rubli e la maggior parte degli importatori di gas hanno già aperto conti in rubli".

mario draghi conferenza stampa a washington 5 mario draghi conferenza stampa a washington 5 putin rubli 7 putin rubli 7 putin rubli 4 putin rubli 4 mario draghi mario draghi mario draghi conferenza stampa a washington 1 mario draghi conferenza stampa a washington 1

 

Condividi questo articolo

business

SI METTE MALE PER XI JINPING: L’ECONOMIA CINESE DÀ SEGNALI MOLTO PREOCCUPANTI, PROPRIO ALLA VIGILIA DEL CONGRESSO CHE DOVREBBE DARGLI IL TERZO MANDATO. MA È COLPA SUA: INSISTE CON LA STRATEGIA DELLO “ZERO COVID” BLOCCANDO I RIFORNIMENTI A MEZZO MONDO E FACENDO CROLLARE LE VENDITE AL DETTAGLIO - SOLO CHE GLI INVESTITORI STRANIERI  NON SONO FESSI E SCAPPANO: SOLO AD APRILE, CI SONO STATE CESSIONI PER 16 MILIARDI DI DOLLARI DI DEBITO CINESE, E GLI INVESTIMENTI ESTERI DIRETTI SONO COLATI A PICCO

DOPO LA GUERRA, RISCHIAMO LA CARESTIA – SENZA LA RIAPERTURA DEI TRAFFICI DI CEREALI DALL’UCRAINA, MILIONI DI PERSONE IN AFRICA E MEDIO ORIENTE RISCHIANO LA FAME! COME FARE? L’EUROPA STA CERCANDO DI AGGIRARE IL BLOCCO DEI PORTI PER SALVARE I 30 MILIONI DI TONNELLATE DI PRODOTTI BLOCCATI DAI RUSSI, METTENDO A DISPOSIZIONE LE CITTÀ ROMENE, POLACCHE E BULGARE CHE SI AFFACCIANO SUL MAR NERO. L’ALTERNATIVA È LA ROTTA BALTICA, MA DI MEZZO C’È LA BIELORUSSIA DI LUKASHENKO…