COME MI PRENDO IL MPS - I RAPPORTI FRA LA CDP DI COSTAMAGNA E LA JP MORGAN DI VITTORIO GRILLI (JP) CHE SOGNA DI VOLARE A SIENA - GUZZETTI BOCCIA IL COINVOLGIMENTO DI CDP NELL'OPERAZIONE DEI 'NPL' - PANFILO TARANTELLI CONSULENTE ATLANTE - GRILLI E TONONI (PRESIDENTE MPS) SI ODIANO. CHISSA' PERCHE'? -

Condividi questo articolo


alberica brivio sforza claudio costamagna 665082 alberica brivio sforza claudio costamagna 665082

Dagonota

Sono sempre più stretti i rapporti tra Vittorio Grilli e Claudio Costamagna, presidente di Cassa depositi e prestiti. A rafforzarli, sembra, abbia contribuito in modo non banale l'assunzione di Alberica Brivio Sforza, sposa di Costamagna, a Jp Morgan, con posizioni di rilievo. Grilli è il vice presidente per l'Italia della banca americana.

 

 

jamie dimon jp morgan jamie dimon jp morgan

Proprio un paio di settimane fa, Costamagna ha accompagnato Jamie Dimon, Ceo di Jp Morgan all'incontro riservato con Matteo Renzi. Presente, ovviamente, il vispo Grilli (che trova la banca straniera troppo stretta per lui e sogna di volare a Siena).

 

In quell'occasione il manager Usa avrebbe confermato al premier di essere pronto a partecipare al salvataggio del Monte Paschi; ma a condizione di poter "coprire" solo le obbligazioni senior. Le uniche che non devono partecipare al salvataggio delle banche, come previsto dalla direttiva Ue sul "bail in".

 

VITTORIO GRILLI E LA SUA FIDANZATA ALESSANDRA FERRUCCIO VITTORIO GRILLI E LA SUA FIDANZATA ALESSANDRA FERRUCCIO

Così, il buon Costamagna - pur di difendere l'operazione Jp Morgan - è andato da Giuseppe Guzzetti (in teoria suo azionista) per consultarlo su una partecipazione di Cdp nel salvataggio del Monte Paschi. Il vecchio saggio lo avrebbe però sconsigliato.

 

Da quel rifiuto sarebbe nata la compartecipazione delle casse di previdenza all'operazione Atlante con 500 milioni. Capo guida della cordata, la cassa previdenziale dei medici, che fa sempre da pesce pilota per le altre Casse.

 

PATUELLI PADOAN GUZZETTI VISCO PATUELLI PADOAN GUZZETTI VISCO

A proposito di Atlante, sembra che non ci sia concordia sulla valutazione dei "npl", crediti deteriorati, in pancia al Monte Paschi. Le casse di previdenza la vorrebbero limitata al 17-22%; Atlante preferirebbe al 28-30%, così da non appesantire troppo il bilancio di Siena.

 

donella bossi pucci e panfilo tarantelli donella bossi pucci e panfilo tarantelli

Comunque, il Fondo Atlante ha un nuovo consulente. Si tratta di Panfilo Tarantelli, un manager specializzato nella gestione dei crediti difficilmente esigibili; tant'è che l'Ubi gli ha ceduto tutti gli hedge fund che aveva in pancia. Un bel conflitto di interessi.

 

MASSIMO TONONI MASSIMO TONONI

Sarà forse per ruggine del passato, ma Vittorio Grilli non sopporta più Massimo Tononi, presidente di Mps. I due hanno lavorato insieme al Tesoro: il primo come direttore generale, il secondo come sottosegretario.

 

Ufficialmente, Grilli dice che Tononi si lava le mani delle sorti della banca. In realtà, sembra che - proprio durante la convivenza al Tesoro - i due abbiano avuto modo di contendersi le grazie di una funzionaria. E sembra che la tenzone sia stata vinta da Tononi. Almeno così si dice...

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE ROBERTA METSOLA VA IN PRESSING SU GIORGIA MELONI: LA PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO, RIELETTA CON UNA MAGGIORANZA RECORD DI 562 VOTI, COMPRESI QUELLI DI ECR, OGGI TELEFONERÀ ALLA DUCETTA PER CONVINCERLA A SMETTERLA DI NICCHIARE E APPOGGIARE ANCHE URSULA VON DER LEYEN – LA MELONI È CONSAPEVOLE DELL’IMPORTANZA DI NON AUTOESCLUDERSI, MA È TERRORIZZATA DALLA REAZIONE DI SALVINI, PRONTO A URLARE ALL’INCIUCIO CON I SOCIALISTI, E DAL SUO ELETTORATO EURO-SCETTICO – BIDEN O TRUMP? CHIUNQUE VINCA, PER L’UE È FINITA LA PACCHIA DELLA SICUREZZA PAGATA DAGLI USA...

DAGOREPORT – LA RESA DEI CONTI TRA BIDEN E OBAMA ARRIVERÀ A FINE LUGLIO, QUANDO SI TIRERANNO LE SOMME SULLA PENURIA DI DONAZIONI: ANCHE UN EVENTUALE SUCCESSO IN POLITICA INTERNAZIONALE (LA TREGUA A GAZA) RISCHIA DI NON ESSERE RISOLUTIVO PER “SLEEPY JOE” – I SONDAGGI CONTINUANO A FOTOGRAFARE UN TESTA A TESTA CON TRUMP: L’ATTENTATO AL TYCOON NON HA SMOSSO TROPPI CONSENSI. ORMAI L’AMERICA, SEMPRE PIÙ POLARIZZATA, RAGIONA SU ALTRI SCHEMI - IN UN PAESE CON 330 MILIONI DI ABITANTI E 450 MILIONI DI ARMI PUO' SUCCEDERE DI TUTTO…

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…