LA CROCIERA SPICCA IL VOLO - ALFREDO ALTAVILLA HA FATTO IL MIRACOLO: IL PRESIDENTE ESECUTIVO DI ITA AIRWAYS RIESCE A METTERE INSIEME MSC CROCIERE DI GIANLUIGI APONTE E LUFTHANSA COME PARTNER INDUSTRIALE (MA IN LIZZA C'E' ANCHE AIR-FRANCE KLM) PER L'ACQUISIZIONE DI UNA QUOTA DI MAGGIORANZA DELL'EX ALITALIA - I DUE GRUPPI CHIEDONO UN PERIODO DI ESCLUSIVA DI 90 GIORNI, CON LA RICHIESTA CHE IL GOVERNO ITALIANO MANTENGA LA SUA PARTECIPAZIONE

-

Condividi questo articolo


Gianni Dragoni per www.ilsole24ore.com

 

msc msc

Il gruppo Msc ha manifestato al Governo italiano il proprio interesse ad acquisire una quota di maggioranza in Ita Airways. Il gruppo, precisa una nota, «si pone l'obiettivo di realizzare una partnership con il Governo italiano e la compagnia Lufthansa come partner industriale del progetto».

alfredo altavilla alfredo altavilla

 

 

Lufthansa ha già manifestato il suo interesse a prendere parte all'iniziativa. L'interesse del gruppo Msc deriva «dalla possibilità di attivare sinergie positive per entrambe le società sia nel settore cargo che passeggeri in cui il gruppo è leader a livello globale.

 

Msc e Lufthansa, a seguito della manifestazione di interesse odierna, richiedono un periodo di esclusiva di 90 giorni lavorativi e soggetto ad approvazioni regolatorie e due diligence».

lufthansa lufthansa

 

Msc e Lufthansa: governo italiano mantenga partecipazione

Ita Airways conferma di aver ricevuto la manifestazione di interesse da parte del gruppo Msc e Lufthansa per acquisire la maggioranza della compagnia. Il gruppo MSC ha concordato con Lufthansa la sua partecipazione alla partnership a termini da definire durante la due diligence.

 

ita airways ita airways

Sia il gruppo Msc sia Lufthansa hanno espresso il desiderio che il Governo Italiano mantenga una quota di minoranza all'interno della società. Il cda di Ita esaminerà in una prossima riunione i dettagli della manifestazione d'Interesse stessa”.

 

Gruppo della famiglia Aponte

MSC (Mediterranean Shipping Company) è una compagnia marittima attiva nel settore delle spedizioni e della logistica. Fondata nel 1970 e con sede a Ginevra, in Svizzera, è controllata dalla famiglia Aponte. Del gruppo fanno parte anche Msc Crociere, Grandi Navi Veloci e Snav.

 

 

gianluigi aponte 1 gianluigi aponte 1

Intanto da Bruxelles arriva la conferma che Lufthansa è libera di comprare partecipazioni azionarie di altre compagnie, perché ha restituito oltre il 75% degli aiuti di Stato ricevuti durante la crisi per il Covid.

 

È la posizione della Commissione Ue, riferita da una portavoce, in risposta a una domanda sulle voci di un’eventuale acquisizione di una quota di Ita Airways. La portavoce di Bruxelles non ha commentato l’ipotesi Ita, ma ha precisato che secondo le regole Ue il divieto di fare acquisizioni per il vettore tedesco è revocato.

 

 

In lizza tedeschi e Air France-Klm

Lufthansa è uno dei pretendenti all’alleanza con Ita, che il presidente esecutivo della società, Alfredo Altavilla, vuole abbia un risvolto azionario. Secondo diverse fonti i tedeschi sarebbe i favoriti.

Lufthansa sciopero Lufthansa sciopero

 

Ma c’è l’alternativa Air France-Klm, insieme al partner americano Delta Air Lines. Pochi giorni fa Ed Bastian, a.d. di Delta, ha detto tuttavia che un’acquisizione di Ita «non è nei piani» della compagnia di Atlanta.

 

In sostanza la fase finale delle trattative si dovrebbe giocare con queste due controparti. Secondo Altavilla la scelta del partner potrebbe essere fatta entro giugno.

 

Data room all’inizio di febbraio

All’inizio di febbraio si aprirà la data room, cioè l’accesso dei potenziali partner ai dati economici di Ita.

 

fabio lazzerini e alfredo altavilla di ita airways 9 fabio lazzerini e alfredo altavilla di ita airways 9

«Confermiamo quanto dichiarato alla recente audizione in commissione Trasporti del 20 gennaio: presentazione del piano strategico al prossimo cda previsto il 31 gennaio, apertura della data room nei giorni successivi», ha detto Ita sabato 22 gennaio, dopo che Il Foglio ha scritto che si andrebbe verso l’ingresso di Lufthansa al 40% nel capitale di Ita e che un annuncio potrebbe esserci questa settimana.

 

fabio lazzerini e alfredo altavilla di ita airways 8 fabio lazzerini e alfredo altavilla di ita airways 8

La posizione della Ue

«Considerato che il rimborso di oltre il 75% degli aiuti di Stato» a Lufthansa «è stato ora riscattato, il divieto di acquisizione e le rigide limitazioni alla remunerazione del management, compreso il divieto di pagamento dei bonus, vengono ora revocate».

 

Questa la frase pronunciata dalla portavoce della Commissione europea, Arianna Podestà, a una domanda sull’ipotesi di acquisizione Lufthansa-Ita. «Non abbiamo nessun commento da fare» su quest’ipotesi «né sui resoconti della stampa sulla possibile transazione», ha aggiunto, precisando che la Commissione «continuerà a monitorare l’attuazione della decisione».

gianluigi aponte con emmanuel macron gianluigi aponte con emmanuel macron

 

Gli aiuti del governo tedesco

 

La portavoce ha ricordato che il 25 giugno 2020 Bruxelles ha approvato il piano del governo tedesco per contribuire con 6 miliardi di euro alla ricapitalizzazione di Lufthansa, a patto che certe condizioni fossero rispettate.

 

Tra gli impegni concordati insieme alla compagnia, rientrano «un’adeguata remunerazione per lo Stato, un divieto di dividendi e riacquisto di azioni, una rigida limitazione della remunerazione del management, compreso il divieto di pagamento dei bonus, così come un divieto di acquisizione».

 

Ita Alitalia piloti 3 Ita Alitalia piloti 3

Oggi «Lufthansa resta in linea di principio vincolata alla maggior parte degli impegni fino al completo rimborso delle misure di ricapitalizzazione», che non è ancora avvenuta, ha evidenziato la portavoce, precisando che, in virtù del rimborso già effettuato di circa il 75% dell’aiuto ricevuto, il divieto alle acquisizioni e le forti limitazioni sui pagamenti dei dirigenti non sono più valide.

msc lirica 1 msc lirica 1

 

Condividi questo articolo

business

AL GREGGIO NON C’È MAI FINE - INCREDIBILE MA VERO: L’ITALIA A MAGGIO HA AUMENTATO LE IMPORTAZIONI DI PETROLIO RUSSO! DA MOSCA SONO ARRIVATI IN ITALIA CIRCA 450MILA BARILI AL GIORNO DI GREGGIO, PIÙ DI QUATTRO VOLTE RISPETTO A FEBBRAIO (E IL MASSIMO DAL 2013) - IL PARADOSSO È CHE SI TRATTA DI UN EFFETTO DELLE SANZIONI EUROPEE: DUE TERZI DI QUEL PETROLIO ARRIVA ALLA RAFFINERIA ISAB DI AUGUSTA, CONTROLLATA DA LUKOIL. LA COMPAGNIA RUSSA NON È STATA SANZIONATA, MA LE BANCHE HANNO BLOCCATO LE LINEE DI CREDITO, E COSÌ È COSTRETTA A FARE AFFIDAMENTO ESCLUSIVAMENTE SULLE FORNITURE DELLA SOCIETÀ MADRE

COM'È RIDOTTO BIDEN: COSTRETTO AD ANDARE CON IL CAPPELLO IN MANO DAI DITTATORI - “SLEEPY JOE” CANCELLA L’EMBARGO CONTRO CUBA E VENEZUELA: UFFICIALMENTE IL RITIRO DELLE SANZIONI SERVIREBBE A FACILITARE “LA DEMOCRATIZZAZIONE DEI DUE PAESI”. LA VERITÀ È CHE GLI STATI UNITI HANNO BISOGNO DEL PETROLIO DI CARACAS, VISTI I RAPPORTI AI MINIMI STORICI CON I SAUDITI E GLI EMIRATI - E ALLORA, DIETROFRONT: MADURO NON È PIÙ UN SANGUINARIO DITTATORE, MA IL NUOVO “BEST FRIEND” CON CUI FARE AFFARI…

COMMERZBANK, MPS O IL BANCO BPM? IL DILEMMA DI ORCEL - L’AD DI UNICREDIT TIRA FUORI DAL CASSETTO LA VECCHIA PARTITA DELLA FUSIONE DELLA CONTROLLATA HVP CON LA BANCA TEDESCA: A INIZIO ANNO, ORCEL AVREBBE PROGRAMMATO COLLOQUI INFORMALI CON IL SUO OMOLOGO DI COMMERZBANK, MANFRED KNOF. L’IDEA ERA DI PROGETTARE LA SECONDA BANCA IN GERMANIA - L’OPZIONE È POSSIBILE, MA COMPLICATA. LA STRADA PREDILETTA PER LUI ERA BANCO BPM, IPOTESI BRUCIATA DA UNA FUGA DI NOTIZIE QUANDO SEMBRAVA ESSERE ARRIVATO IL MOMENTO GIUSTO. E POI C’È SEMPRE IL MONTE DEI PASCHI…