LE CULLE VUOTE HANNO UNA SPIEGAZIONE SEMPLICE: I FIGLI COSTANO UN PATRIMONIO E GLI AIUTI DELLO STATO NON BASTANO – SOLO PER IL PRIMO ANNO DI VITA DI UN BAMBINO, LA SPESA MEDIA OSCILLA TRA I 7.065 E I 17.030 EURO. OVVERO L'8% IN PIÙ IN DUE ANNI – I BONUS NATALITÀ E IL TAGLIO DELL'IVA AL 5% SU PANNOLINI, LATTE IN POLVERE E SEGGIOLINI AUTO HANNO AVUTO UN EFFETTO SCARSO NELL'AIUTARE LE FAMIGLIE...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Paolo Baroni per “La Stampa”

 

spese per crescere un figlio spese per crescere un figlio

Avete un figlio in arrivo? Vi siete fatti due conti, avete controllato come state messi in banca? Perché dovete sapere che solo per il primo anno di vita del pargolo vi aspetta una vera stangata. Secondo l'ultimo monitoraggio effettuato dall'Osservatorio Nazionale Federconsumatori (Onf), infatti, dovete mettere in conto una spesa che, a seconda dei casi, oscilla tra i 7.065 ed i 17.030 euro. Ovvero tra il 5 e l'8% in più rispetto al 2021.

 

A dimostrazione, tra l'altro, che il taglio dell'Iva al 5% su pannolini, latte in polvere e seggiolini auto, introdotto a inizio anno dal governo, ha avuto un effetto relativo. Anzi, proprio non ha funzionato.

 

CALO NASCITE CALO NASCITE

[…]  Non solo i benefici per la manovra dell'Iva sono pressoché inesistenti, ma per Federconsumatori anche i vari bonus disposti dal governo, dall'assegno unico al bonus asili nido, ai vari assegni maternità erogati dai comuni, «di fronte all'enormità di costi da sostenere da parte delle famiglie rimangono ancora insufficienti e non rappresentano una soddisfacente certezza per fare programmi stabili».

 

Tanto per dare qualche cifra, un passeggino che nel 2021 costava tra 139 e 589 euro quest'anno salirà tra il 4 ed il 27% arrivando a costare 145-749 euro. Il costo di un lettino lieviterà del 3-12% a 278-873 euro, il box del 4-6% a 72,99-179 euro.

 

CULLE VUOTE CULLE VUOTE

Solo il prezzo del ciuccio rimane invariato (33,96-55,96 euro per 4 pezzi) e lo stesso vale per i pannolini più costosi (che pure comporteranno una spesa annua pari a 1.277 euro), mentre i prodotti più economici risultano il rialzo del 10% passando da 496,80 a 547,50 euro. Per latte e pappe la spesa dei primi 12 mesi salirà tra il 5 ed il 7% passando da un minimo di 1.654 euro a 1.741 euro e da un massimo di 4.198 a 4.494 euro.

 

Per i farmaci bisogna mettere in conto un rincaro del 3-7% ed una spesa media che oscilla tra i 441 ed i 784,7 euro, mentre per le visite mediche si spenderanno 962,5-1.781,6 euro, ovvero tra il 4 e l'8% in più.

 

[…]

 

RINCARO DEL COSTO DEI PANNOLINI RINCARO DEL COSTO DEI PANNOLINI

Anche le spese da affrontare prima del parto non sono da meno ed ammontano a circa 2.678 euro, il 10% in più del 2021, con la voce di spesa più importante, quella relativa a visite ed ecografie, cresciuta in due anni del 13% (a quota 1.651,90 euro), mentre per l'abbigliamento si spendono 772 euro (+6%), 199,60 (+4%) per farmaci e integratori, 34,90 (+2%) per effettuare tre test di gravidanza ed infine 20 euro e 50 per le analisi del sangue Beta HCG il cui costo a loro volta è cresciuto del 14%.

 

CULLE VUOTE CULLE VUOTE

Aumenti tra l'8 ed il 13%, poi, anche per tutte le varie modalità di festeggiamento legate al lieto evento, dalla moda dei baby shower, che anche da noi sta prendendo sempre più piede, alle feste più o meno in grande stile per battesimo e primo compleanno. Nel 2023, infatti, l'allestimento di un baby shower nella propria abitazione per 25 invitati ha un costo medio di 826,90 euro (+8% rispetto al 2021). Nel caso di una festa di compleanno per 35 persone, invece, l'importo da spendere è di 1.150,58 euro (+9%). Per il battesimo, infine, tenendo però come base di calcolo 60 persone tra bomboniere, vestitino, foto e album, affitto della sala, rinfresco e torta se ne vanno tra 2.826 e 6.050 euro, ovvero tra il 12 ed il 13% in più di due anni fa.

 

neonato - pannolino neonato - pannolino

[…] Insomma, il dato recente del crollo dell'indice di natalità (meno di 7 neonati per mille abitanti) «non deve sorprendere - rileva Federconsumatori - testimonia, con evidenza, come il clima di difficoltà, incertezza e paura, determinato dalla guerra, dai rincari e dalle precarie condizioni economiche di molti giovani coppie spinge gli aspiranti genitori a rimandare i loro programmi a tempi migliori andando ad incidere quindi molto pesantemente sul numero dei nuovi nati».

pianto neonato 5 pianto neonato 5 pianto neonato 12 pianto neonato 12

DATI SUI FIGLI IN ITALIA - LA REPUBBLICA DATI SUI FIGLI IN ITALIA - LA REPUBBLICA dati sulla natalità in europa - corriere della sera dati sulla natalità in europa - corriere della sera

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! LA VENDETTA DEL CALTA – DOPO AVER RICEVUTO DUE PORTE IN FACCIA AL TENTATIVO DI CONQUISTARE PRIMA GENERALI E POI MEDIOBANCA, IL COLPO FATALE AI SOGNI DI GLORIA VENEZIANI DI CALTAGIRONE È STATO AFFONDATO DA “FURBIZIO” PALENZONA, CHE HA SPOSTATO CRT E BENETTON A SUPPORTO DI DONNET E NAGEL - CON MILLERI CHE SI SAREBBE RIAVVICINATO A NAGEL, CALTA “HA RIMASTO” SOLO CON FAZZOLARI A TRASTULLARSI COL DL CAPITALI – QUANDO LA MILIARDARIA VENDITA DELLA PRELIOS DI PALENZONA AL PIGNATARO RIMANE INCAGLIATA, PARTE LA VENDETTA DI CALTA. E SUL SUO “MESSAGGERO” DI IERI….

DAGOREPORT! - TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. AVVISATE I CITTADINI ABRUZZESI: IL CICLONE SARDO AVANZA E NON PERDONA - SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO, IL DISTACCO CHE SEPARA IL MELONE MARSILIO DAL CAMPO LARGHISSIMO DI D’AMICO SI È RIDOTTO ALLA MISERIA DELL’1,2% (APPENA QUATTRO MESI FA IN ABRUZZO LA DESTRA GODEVA DI UN VANTAGGIO DI BEN 20 PUNTI) - PARADOSSALMENTE, IN CASO DI DISFATTA, CON DUCETTA RIBASTONATA, PER MATTEO SALVINI POTREBBE ESSERE L’OCCASIONE DI AVER MAGGIOR POTERE NEL GOVERNO (FERROVIE, CDP, AISI) - SE INVECE “FASCIO TUTTO IO!” VINCE CON IL SUO MARSILIO, PER IL CAPITONE SI AVVICINA IL CAPOLINEA - A QUEL PUNTO TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANCHE CHE GLI PARTA L’EMBOLO DI UN PAPEETE2 SFANCULANDO IL GOVERNO MELONI (QUANTI PARLAMENTARI LO SEGUIREBBERO, SAPENDO CHE IN CASO DI VOTO ANTICIPATO, QUELLO SCRANNO NON LO VEDREBBERO PIÙ?)

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…