DUE SPETTRI SI AGGIRANO PER L’EUROPA: LA PATRIMONIALE E PIKETTY! – ANCHE IN FRANCIA C’È GRANDE DIBATTITO SULL'EVENTUALITÀ DI INTRODURRE UNA TASSA CHE COLPISCA IL RISPARMIO PRIVATO. E SUBITO RICICCIA L’ECONOMISTA-SCRITTORE: “POTREBBE PORTARE PIÙ DI 10 MILIARDI DI EURO, ABBASTANZA PER INVESTIRE IN SETTORI CHIAVE, CREARE POSTI DI LAVORO E COLMARE LE LACUNE”

-

Condividi questo articolo

Articolo di “Libération” – dalla rassegna stampa estera di “Epr Comunicazione”

 

THOMAS PIKETTY THOMAS PIKETTY

Una nuova tassa patrimoniale potrebbe portare più di 10 miliardi di euro all'anno, secondo le stime dell'economista, scrive Liberation. Abbastanza per investire in settori chiave (salute, innovazione, ambiente), creare posti di lavoro e colmare le lacune. Il piano da 500 miliardi annunciato lunedì da Macron e Merkel è un buon inizio, ma è ben lungi dall'essere sufficiente. Per affrontare la crisi Covid, dobbiamo ripristinare l'imposta sul patrimonio, crearne una nuova versione.

 

patrimoniale patrimoniale

Il debito e la valuta giocheranno un ruolo fondamentale nei prossimi anni, ma non sarà sufficiente. Far credere che nessuno dovrà pagare nulla a causa di questa crisi non convince nessuno e suscita ancora una volta sospetti. Tuttavia, la detenzione di attività è un indicatore della capacità di contribuire agli oneri pubblici, almeno quanto il reddito, soprattutto in tempi di crisi.

patrimoniale patrimoniale

 

È quindi necessario ora pianificare il ripristino dell'imposta sul patrimonio in una forma rinnovata, con un controllo fiscale più rigoroso e dichiarazioni pre-compilate. In concreto, le informazioni sui portafogli finanziari devono essere trasmesse automaticamente dalle banche francesi e straniere alle autorità fiscali. L'imposta sul patrimonio potrebbe portare più di 10 miliardi di euro all'anno.

 

THOMAS PIKETTY THOMAS PIKETTY

Sarà inoltre necessario ridurre l'imposta sugli immobili per tutti coloro che cercano di accedere alla proprietà. Se si possiede un appartamento o una casa del valore di 300.000 euro, ma con un mutuo di 290.000 euro, si paga la stessa imposta sugli immobili di una persona che non ha un mutuo e che avrebbe un portafoglio finanziario di 3 milioni di euro. Nessun ragionamento economico, nessun principio di giustizia può giustificare un sistema così arcaico. Alla fine, l'imposta sul patrimonio e l'imposta sulla proprietà dovrebbero essere avvicinate per formare un'unica imposta progressiva sul patrimonio netto, che potrebbe rendere possibile il finanziamento di un'eredità minima per tutti.

 

LA FILA FUORI PER SENTIRE PIKETTY ALLA BOCCONI LA FILA FUORI PER SENTIRE PIKETTY ALLA BOCCONI

Il dibattito sulla tassa patrimoniale sta ricominciando a riprendere in Francia grazie alla crisi Covid, mentre a livello internazionale l'argomento è sul tavolo da tempo. Infatti, e in Francia se ne parla troppo poco. La tassa patrimoniale sta facendo un grande ritorno nei dibattiti pubblici in Germania, dove SPD e Die Linke ne fanno un elemento programmatico essenziale. Negli Stati Uniti l'idea è diventata molto popolare, anche tra l'elettorato repubblicano. Questo era il caso prima della crisi di Covid, e si rafforzerà nella prossima campagna, dove Joe Biden cercherà di accogliere alcune delle proposte di giustizia fiscale ed economica (cancellazione del debito, moratoria sull'affitto) avanzate da Bernie Sanders e Elizabeth Warren. L'abolizione dell'imposta sul patrimonio da parte della Francia nel 2017 è stata assolutamente inopportuna. Attenendosi alle sue posizioni, l'attuale governo sta sprecando molto tempo prezioso, che potrebbe essere utilizzato per pensare a cosa fare dopo.

patrimoniale patrimoniale PIKETTY ALLA CAMERA DEI DEPUTATI PIKETTY ALLA CAMERA DEI DEPUTATI THOMAS PIKETTY ALLA BOCCONI THOMAS PIKETTY ALLA BOCCONI filippetti piketty s filippetti piketty s THOMAS PIKETTY THOMAS PIKETTY PIKETTY c bc bc e e f PIKETTY c bc bc e e f THOMAS PIKETTY THOMAS PIKETTY Thomas Piketty Thomas Piketty THOMAS PIKETTY CAPITAL ET IDEOLOGIE THOMAS PIKETTY CAPITAL ET IDEOLOGIE

 

Condividi questo articolo

business

ITALIA DA RECOVERY – È ARRIVATA LA PROPOSTA DELLA COMMISSIONE EUROPEA: IL FONDO DIVENTA DA 750 MILIARDI: 500 IN ‘GRANTS’, CIOÈ STANZIAMENTI A FONDO PERDUTO (IN TEORIA) E 250 IN ‘LOANS’, CIOÈ PRESTITI – PER L’ITALIA LA QUOTA TOTALE È DI 172 MILIARDI, DI CUI 82 DI 'SUSSIDI'. TOGLIENDO I 56 CHE VERSIAMO ALL’UE FANNO 26 MILIARDI IN TRE ANNI. SENZA CONTARE LA QUOTA PARTE DI GARANZIA DEI PRESTITI – QUALCHE CONDIZIONALITÀ CI SARÀ PER FORZA, INFATTI LA COMMISSIONE HA GIÀ RIVOLTO QUATTRO ‘RACCOMANDAZIONI’ SPECIFICHE ALL’ITALIA – E L’OLANDA FRENA: “I NEGOZIATI SARANNO LUNGHI”

IL NORD PAPPA TUTTO - QUATTRO REGIONI FANNO RAZZIA DEI PRESTITI CON GARANZIA PUBBLICA: LOMBARDIA, PIEMONTE, VENETO ED EMILIA-ROMAGNA SI ASSICURANO OLTRE LA META' DEI FINANZIAMENTI - MA LA FABI DI SILEONI LANCIA L'ALLARME ROSSO: “AL SUD RESTANO LE BRICIOLE E C'E' RISCHIO USURA” - NON C'E' PROPORZIONE TRA CREDITI E PRESENZA SUL TERRITORIO DI PMI - AL NORD C'E' IL 38% DI PMI E PARTITE IVA CHE INTASCA IL 50,7% DELLA LIQUIDITA' PROTETTA DALLO STATO, MENTRE NEL CENTRO-SUD, CON IL 62%, I FINANZIAMENTI SI FERMANO AL 49%...