FRATELLI DI TELECOM – IL PIANO SULLA RETE UNICA DELLA MELONI  FA VOLARE IL TITOLO DI TIM IN BORSA. LA PROPOSTA È UN CAMBIO DI ROTTA RISPETTO ALLO SPEZZATINO BY LABRIOLA. L’IDEA È SEMPLICE: UN’OFFERTA PUBBLICA DI CDP SU TUTTA TIM, E POI LA VENDITA DI TUTTI GLI ASSET TRANNE LA RETE  – “LA STAMPA”: “C’È UN PARADOSSO: PER RENDERE ALLETTANTE UN'OPA CHE DIFFICILMENTE PIACERÀ A BRUXELLES, IL PROGETTO FINIREBBE PER LIQUIDARE A PESO D'ORO ANCHE VIVENDI, CHE GIÀ CHIEDEVA UNA CIFRA ESORBITANTE PER LA SOLA RETE”

-

Condividi questo articolo


1 - IL PROGETTO MELONI PER LA RETE TIM FA VOLARE I TITOLI (+6%) IN PIAZZA AFFARI

Da “il Giornale”

 

giorgia meloni 8 giorgia meloni 8

L'idea sarebbe quella di un'offerta pubblica su Tim o comunque di un acquisto coordinato da Cassa depositi e prestiti per poi vendere quasi tutto tranne la rete, che rimarrebbe in mano pubblica. Il tutto con un'operazione che ridurrebbe drasticamente il debito della società. È quanto da tempo trapela sul progetto di Fratelli d'Italia una volta che il centrodestra dovesse andare al governo.

 

Ma secondo gli operatori di Piazza Affari è bastato che l'ipotesi venisse rilanciata dall'agenzia Bloomberg per fare scattare il titolo del gruppo tlc in Borsa, dove ha chiuso in aumento del 6% a 0,24 euro.

 

Il rialzo massimo di seduta è stato del 9%, con una sospensione in asta di volatilità, tra scambi abbastanza rilevanti per il periodo di pieno agosto: nell'ultima giornata della settimana sono passati di mano 200 milioni di pezzi, contro i 79 della vigilia, ed è chiaro che basta poco per far scattare gli acquisti su un titolo che si trova non lontano dai minimi storici del 26 luglio scorso, quando passava di mano appena sopra quota 0,2 euro.

 

PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA

Secondo gli analisti è anche evidente che chi pensa di vincere le elezioni non voglia far compiere troppi passi all'attuale piano sulla rete, che prevede invece la vendita della cruciale infrastruttura, anche in questo caso con un coinvolgimento diretto di Cdp, ma insieme a Open fiber e ai fondi, a partire da Kkr.

 

Il maggiore azionista di Tim, cioè i francesi di Vivendi, non sono convinti dalle attuali ipotetiche valutazioni dell'asset e puntano a un prezzo attorno ai 30 miliardi. Con tempi comunque non lunghissimi e un percorso che si sarebbe dovuto concludere con un'assemblea della società non oltre la fine dell'anno.

 

vincent bollore vincent bollore

Ma sono arrivate le elezioni anticipate e quanto già si voleva evitare da parte del partito che potrebbe esprimere la premier è diventato ora ancora più urgente. «Il progetto è nelle mani di Giorgia Meloni che deciderà se, come e quando divulgarlo», afferma Alessio Butti, deputato e responsabile Dipartimento tlc di Fratelli d'Italia. «Siamo stati i primi e gli unici a sostenere l'esigenza di creare una rete unica, pubblica e 'wholesale only'», spiegava Butti dopo le prime voci sulla questione, «e siamo totalmente contrari al piano attuale di Cdp-Tim così come concepito: serve un nuovo piano completamente diverso che mantenga l'integrità della rete».

 

2 - TIM E L'OPA DEI FRATELLI

ALESSIO BUTTI ALESSIO BUTTI

Giuseppe Bottero per “La Stampa”

 

Nella stanca Borsa d'agosto bastano spifferi da un programma elettorale per far vivere a Tim, ai minimi da mesi, una giornata d'altri tempi: + 6%, con fiammate che hanno portato alla sospensione delle azioni.

 

Stavolta non c'entrano i blitz americani e le manovre francesi, ma l'italianissimo piano sulla rete degli uomini di Giorgia Meloni. Il progetto per sviluppare le infrastrutture e accelerare la diffusione della banda larga, secondo Bloomberg, passerebbe da un'offerta pubblica sull'ex monopolista o comunque da un acquisto coordinato da Cdp per poi vendere quasi tutto tranne la rete, che rimarrebbe in mano pubblica, con un taglio del debito.

 

giorgia meloni giorgia meloni

Un cambio di rotta rispetto allo spezzatino immaginato per arrivare alla ormai mitologica Rete Unica, con attori differenti, e tricolori. Il modello messo in campo dall'ad Pietro Labriola, infatti, prevede la vendita dell'infrastruttura, anche in questo caso con un coinvolgimento diretto di Cdp, con Open Fiber, e dei fondi, a partire da Kkr e Macquarie.

 

La mossa immaginata da FdI non sarebbe indolore per le casse pubbliche nonostante il titolo viaggi poco sopra quota 0,20 euro. E c'è un paradosso: per rendere allettante un'Opa che difficilmente piacerà a Bruxelles, il progetto finirebbe per liquidare a peso d'oro anche Vivendi, primo socio con il 23,7% che già chiedeva una cifra esorbitante per la sola rete. C'è di più: l'attesa per un blitz dello Stato padrone rischia di spostare sempre più in là un'operazione che tutti considerano cruciale per digitalizzare il Paese.

 

 

Condividi questo articolo

business

SAPETE CHE VUOL DIRE “PERMACRISI”: CHE VE LA PIJATE NDER CULO - LA PRESIDENTE DELLA BCE, CHRISTINE LAGARDE, SCARTA LA SUPPOSTA: “LA NOSTRA E’ UN'ERA DI SHOCK POTENTI, UNO DOPO L'ALTRO E ANCHE UNO INSIEME ALL'ALTRO: LA PANDEMIA, L'INVASIONE DELL'UCRAINA, LA CRISI ENERGETICA, SOLO PER MENZIONARNE ALCUNI, HANNO COLPITO L'ECONOMIA GLOBALE IN RAPIDA SUCCESSIONE. E QUESTO CONTESTO INSTABILE PONE NOTEVOLI RISCHI PER LA STABILITÀ FINANZIARIA IN EUROPA” - “LE BANCHE PREVEDANO ACCANTONAMENTI ADEGUATI..."

TANTO PER CAMBIARE, IL GOVERNO FA UN ALTRO REGALO AI RICCHI – PER TROVARE SOLDI PER FINANZIARE LA MANOVRA, SARÀ OFFERTA AI RISPARMIATORI UN’OCCASIONE GOLOSA: TUTTI COLORO CHE DETENGONO PATRIMONI NEI FONDI O IN CERTE POLIZZE ASSICURATIVE ASSOLVONO A OGNI RICHIESTA DEL FISCO, PRESENTE O FUTURA, PAGANDO IL 14%, E NON PIÙ IL 26% PREVISTO DALLA LEGGE,  SU QUANTO GUADAGNATO CON L’INVESTIMENTO FATTO. BASTERÀ VERSARE TUTTO ENTRO SETTEMBRE PER ESSERE A POSTO E ASSOLVERE OGNI RICHIESTA DEL FISCO, PRESENTE E FUTURA...