PER LA GIOIA DI CALTAGIRONE IL DDL "CAPITALI" NON CAMBIA – NONOSTANTE LA STRONCATURA DEL “FINANCIAL TIMES” PRIMA, E L’INCAZZATURA DEGLI INVESTITORI ISTITUZIONALI POI, CADONO NEL VUOTO LE RICHIESTE DI ASSOGESTIONI – COME DAGO-DIXIT IL DUPLEX MELONI-FAZZOLARI HA SPOSATO LE RICHIESTE DI CALTAGIRONE DOPO LE SCONFITTE IN GENERALI E MEDIOBANCA: RESTANO LE NORME SULLE LISTE DEI CDA E VOTO MULTIPLO – LA RIFORMA ERA NATA PER ATTRARRE FONDI STRANIERI A PIAZZA AFFARI, MA RISCHIA DI FARLI ALLONTANARE DALLE AZIENDE...

-

Condividi questo articolo


 

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Estratto dell’articolo di Giuseppe Colombo per “La Repubblica”

 

Fazzolari Meloni Fazzolari Meloni

La combinazione del lucchetto è pronta. I numeri sono quelli del calendario parlamentare che servono alla destra al governo per blindare il disegno di legge a sostegno del mercato dei capitali. Alla Camera i giochi si chiuderanno il 6 febbraio, con il voto in aula. Nel giro di venti giorni, comunque entro la fine del mese, il via libera definitivo del Senato. Tempi serrati per portare a casa “la legge Piazza Affari”. Un provvedimento nato puro al ministero dell’Economia, con l’obiettivo di favorire l’accesso e la permanenza delle imprese nei mercati finanziari.

 

GIANCARLO GIORGETTI A DAVOS GIANCARLO GIORGETTI A DAVOS

E con una traccia “alta” altrettanto chiara, puntellata da concetti chiave: la crescita finanziaria, il mercato alleato e non più nemico, i capitali da attrarre in casa per spingere gli investimenti. In sintesi: la legge per dare linfa alla Borsa, agorà a cui affidare la speranza di risollevare un Pil anemico e che a venti giorni dall’inizio dell’anno viaggia già, nelle previsioni di tutti gli osservatori, al di sotto dell’ottimistico 1,2% messo nero su bianco dal governo nella Nota di aggiornamento al Def.

 

giovanbattista fazzolari giorgia meloni al senato giovanbattista fazzolari giorgia meloni al senato

Un’impostazione che suona come un tabù, quasi un paradosso, per Giorgia Meloni e il suo partito, Fratelli d’Italia, che storicamente hanno guardato a queste dinamiche con diffidenza, dichiarando guerra ai “poteri forti”. La traccia del sovranismo tricolore non si è esaurita. Al contrario si è fatta spazio quando il disegno di legge è passato dal tavolo del Consiglio dei ministri al Parlamento. È qui che i senatori di FdI si sono fatti portavoce di norme che hanno provato a rompere regole e tradizioni del mercato.

 

francesco gaetano caltagirone francesco gaetano caltagirone

A iniziare dal depotenziamento del meccanismo della lista del cda, che assegna al consiglio d’amministrazione uscente delle società quotate il diritto di presentare all’assemblea la lista dei nuovi consiglieri da eleggere. Una prassi che è simbolo del confine tra potere politico e mercato. Alla fine l’invasione di campo dei meloniani è stata meno irruenta di quella programmata.

 

FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE

[...] Un sostegno che passa appunto dalle modifiche delle regole sulla lista del cda, che aprono spazio a Caltagirone nelle prossime partite cruciali del capitalismo italiano. L’occasione e la data ci sono già: l’assemblea di Generali a maggio del 2025. L’assist poteva essere ancora più consistente, nella prospettiva del mercato. E in quella dei fondi, nazionali e internazionali, che non hanno digerito l’introduzione del voto maggiorato. Le critiche di Assogestioni, che raggruppa i big nazionali, sono arrivate tardive, quando la legge è oramai al traguardo. [...]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…