UN GOVERNO DI POSTINI – PER LA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO “POLIS” DI POSTE ITALIANE, C’ERA SCHIERATO PRATICAMENTE TUTTO IL GOVERNO, OLTRE A MATTARELLA E LA RUSSA. SU TUTTI BRILLAVA IL BOSS DELLA RAI BRUNO VESPA, SVOCIATO DOPO LA PERFOMANCE D'UGOLA AL CAFONAL-PARTY DI SANDRA CARRARO DELLA SERA PRIMA - MATTEO DEL FANTE PUNTA MOLTO SUL PIANO "POLIS", IN CUI VERRÀ INVESTITO 1,2 MILIARDI DI EURO, PER LA RICONFERMA COME AD (IL GRAN VALZER DELLE NOMINE DELLE AZIENDE DI STATO  INIZIERA' A "BALLARE" DOPO L'ESITO DEL VOTO DELLE REGIONALI...)

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Fiorina Capozzi per www.veritaeaffari.it

 

MATTARELLA PAROLIN GIORGETTI VESPA LA RUSSA DEL FANTE MATTARELLA PAROLIN GIORGETTI VESPA LA RUSSA DEL FANTE

[…] Alla Nuvola di Fuksas a Roma è quasi un Consiglio dei ministri. Oltre alla premier Giorgia Meloni e al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, era presente una folta rappresentanza istituzionale.

 

In sala il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, il ministro del Tesoro, Giancarlo Giorgetti, il ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso, il ministro della Pubblica Amministrazione, Paolo Zangrillo, il ministro della Difesa, Guido Crosetto, il ministro del turismo, Daniela Santanché, il ministro della Giustizia, Carlo Nordio e il presidente del Senato, Ignazio La Russa.

 

GIORGIA MELONI ALLA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO POLIS DI POSTE ITALIANE GIORGIA MELONI ALLA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO POLIS DI POSTE ITALIANE

Ci sono poi i 5mila sindaci e il presidente dell’Associazione nazionale comuni italiani (Anci), Antonio Decaro. La sala è decisamente gremita […] Per l’amministratore delegato [di Poste], Matteo Del Fante e per la presidente Bianca Maria Farina il progetto Polis è un fiore all’occhiello. Un piano in cui verrà investito 1,2 miliardi di euro (inclusi 800milioni del Pnrr) e che mette in evidenza la capillare presenza del gruppo in tutta Italia. […]

 

MATTEO DEL FANTE MATTEO DEL FANTE

Eni, Enel, Leonardo, Enav, Terna e Poste sono le nomine più importanti della primavera

Nei giorni scorsi, indiscrezioni di palazzo hanno riferito l’intenzione del governo di rinnovare l’incarico al numero uno dell’ Eni, Claudio Descalzi. La notizia è circolata dopo i viaggi della premier Meloni in Algeria con l’obiettivo di rafforzare le relazioni fra i due Paesi e ridurre le importazioni di gas russo.  Ma la partita è ancora aperta.

 

GIORGIA MELONI CLAUDIO DESCALZI GIORGIA MELONI CLAUDIO DESCALZI

Il problema invece non si porrebbe per l’ad di Poste, Matteo Del Fante che è alla guida del gruppo dal 2017 ed è al secondo mandato, esattamente come Alessandro Profumo in Leonardo. C’è poi anche da rinnovare il consiglio dell’Enel guidato da Francesco Starace da ormai tre anni, oltre a quello dell’Enav gestita da Paolo Simioni che è invece al primo mandato così come Stefano Donnarumma in Terna. Per queste sole partecipate, secondo i calcoli del centro studi Comar il governo dovrà nominare 80 consiglieri e 40 sindaci.

MATTEO DEL FANTE MATTEO DEL FANTE CLAUDIO DESCALZI OSPITE DI ATREJU CLAUDIO DESCALZI OSPITE DI ATREJU SERGIO MATTARELLA MATTEO DEL FANTE SERGIO MATTARELLA MATTEO DEL FANTE MATTEO DEL FANTE MATTEO DEL FANTE GIORGIA MELONI ALLA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO POLIS DI POSTE ITALIANE GIORGIA MELONI ALLA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO POLIS DI POSTE ITALIANE

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)