GUERRA FREDDA? NO, GELATA! – BARILLA SI ALLEA CON ALGIDA PER LA PRODUZIONE DI GELATI E RIACCENDE IL DUELLO CON FERRERO – L’ANNO SCORSO LE DUE MULTINAZIONALI ITALIANE SI ERANO SCONTRATE DOPO IL LANCIO DEI “NUTELLA BISCUITS” E LA RISPOSTA DI BARILLA CON LA CREMA SPALMABILE DEI PAN DI STELLE – E LA FERRERO NEL FRATTEMPO HA GIÀ LANCIATO I GHIACCIOLI “ESTATHÉ” E GLI STECCHI “ROCHER” E “RAFFAELLO”...

-

Condividi questo articolo


Barilla Algida Barilla Algida

Paolo Stefanato per "il Giornale"

 

Dall'anno prossimo la Barilla produrrà i suoi gelati insieme ad Algida, il marchio del colosso olandese del largo consumo Unilever. È stato infatti annunciato ieri un accordo strategico tra le due multinazionali, che riguarderà la messa a punto di nuovi prodotti e importanti sinergie di carattere distributivo. 

 

Sembra un nuovo capitolo della guerra in corso da tempo tra Barilla e l'altra multinazionale italiana, Ferrero: quest'ultima è entrata nel mondo dei gelati in tempi recenti, dopo aver sferrato l'attacco ai biscotti della rivale, lanciando i Nutella Biscuits. Ma Barilla a sua volta aveva esteso la sua sfida, lanciando la crema spalmabile Mulino Bianco, un chiaro attacco alla Nutella. 

GELATO PAN DI STELLE GELATO PAN DI STELLE

 

Finora Barilla aveva fabbricato i suoi gelati insieme a Sammontana ed era presente nei frigoriferi con i brand Pan di Stelle (che fa capo alla controllata Pavesi), prodotto negli ultimi sei anni, e Ringo, entrato sul mercato una ventina di anni fa.

 

 Ora il contratto con Sammontana è scaduto e si è aperta la nuova stagione con Unilever, una delle principali conglomerate del largo consumo a livello mondiale, con 50,7 miliardi di fatturato nel 2020 e oltre 400 brand conosciuti da tutti: nei gelati, Algida, appunto, e Magnum. 

GELATI FERRERO 4 GELATI FERRERO 4

 

L'accordo sarà operativo nel gennaio del 2022 e per il momento è ancora in fase di elaborazione. Lo scopo dichiarato è quello di valorizzare alcuni brand italiani e di rafforzarne la presenza nel mercato dei gelati. L'obiettivo è «di lanciare ogni anno referenze innovative» ispirate a biscotti e merendine di successo. 

 

GELATI FERRERO 5 GELATI FERRERO 5

Per Barilla, in particolare, l'intesa ha lo scopo di assicurare una consistente stagionalità estiva ai propri marchi di biscotti e snack, dove è leader di mercato; in altre parole, grazie ai gelati saranno valorizzate le vedite estive. Molto interessante l'aspetto distributivo: Algida, in virtù dei suoi prodotti, ha una massiccia presenza nel canale di vendite fuori casa, a differenza di Barilla. 

 

GELATI FERRERO UNILEVER 2 GELATI FERRERO UNILEVER 2

L'accordo permetterà dunque alla mutinazionale di Parma (3,89 miliardi di fatturato nel 2020) di utilizzare la rete distributiva di Algida con snack dolci e salati monodose. Grazie alla distribuzione di Univeler, i nuovi gelati potranno inoltre avere un mercato internazionale. 

 

Il gelato è un prodotto molto interessante dal punto di vista del business, perché, oltre al margine elevato, ha una stagionalità piuttosto tipica; questo permette ai grandi produttori di differenziare estate e inverno e di gestire la tempistica di produzione e distribuzione tenendo sempre forniti di propri prodotti gli scaffali dei supermercati. 

 

Barilla Algida Barilla Algida

In questo senso ha fatto il suo debutto nel mercato dei gelati anche l'altra multinazionale italiana, Ferrero, che ha lanciato i ghiaccioli Estathé e gli stecchi Rocher e Raffaello: i cioccolatini con questi nomi infatti d'estate non vengono distribuiti per impedire che il caldo li possa danneggiare. Ora Barilla e Algida vogliono sfidare la rivale anche sui banchi frigo.

 

Condividi questo articolo

business

RETROSCENA SUL NAUFRAGIO MPS-UNICREDIT – CON IL SUO “VAFFA” AL TESORO ANDREA ORCEL AVRA' SALVATO UNICREDIT MA SI È GIOCATO, DOPO MILANO, ANCHE LA BENEVOLENZA DEI PALAZZI ROMANI PER EVENTUALI ACQUISIZIONI, A PARTIRE DA BPM. NON È UN CASO CHE ORCEL ABBIA SPOSTATO ALL’ESTERO LE SUE BRAME: LA FRANCESE SOCIÉTÉ GENERALE E LA SPAGNOLA BBVA – L’IRA DI DRAGHI: IL DG DEL TESORO RIVERA DOVEVA ACCORGERSI PRIMA DEGLI OSTACOLI CHE HANNO FATTO SALTARE LA TRATTATIVA - PATETICO INCONTRO TRA RIVERA E CASTAGNA PER SPINGERE BPM A SCIROPPARSI GLI SCARTI DI MPS RIFIUTATI DA ORCEL - SI APRE LA VIA DEL TERZO POLO?