È MORTO A PARIGI L’ECONOMISTA FRANCESE JEAN-PAUL FITOUSSI: AVREBBE COMPIUTO 80 ANNI IL 19 AGOSTO - DOCENTE DI "SCIENCES PO" DAL 1982, ERA MEMBRO DEL CONSIGLIO SCIENTIFICO DELL’ISTITUTO MITTERRAND E DAL 2010 INSEGNAVA ANCHE ALLA LUISS DI ROMA - GRANDE CRITICO DELLA RIGIDITÀ NELLE POLITICHE DI BILANCIO E DI ECONOMIA MONETARIA, IN UNO DEI SUOI ULTIMI INTERVENTI HA PARLATO DELLA GUERRA IN UCRAINA, SOSTENENDO CHE “L’UNIONE EUROPEA PAGHERÀ PIÙ DI TUTTI”

-

Condividi questo articolo


Fitoussi Fitoussi

Da www.ilsole24ore.com

 

È morto a Parigi l’economista francese Jean-Paul Fitoussi. Era nato a La Goulette il 19 agosto 1942. Negli ultimi mesi aveva avuto un ruolo importante nell’organizzazione del prossomo festival dell’economia di Trento.

 

Tra le tante cose era docente all’istituto di studi politici di Parigi (Sciences Po) dal 1982 e dal 1989 ha presieduto l’osservatorio francese sulle congiunture economiche (Ofce). Era membro del consiglio scientifico dell’Istituto “François Mitterrand” e dal 2010/11 ha partecipato all’insegnamento in International relations, prima laurea magistrale in lingua inglese della Luiss.

JEAN PAUL FITOUSSI JEAN PAUL FITOUSSI

 

I suoi lavori riguardano le teorie dell’inflazione, la disoccupazione, le economie aperte e il ruolo delle politiche macroeconomiche. È stato un critico della rigidità nelle politiche di bilancio e di economia monetaria, per gli effetti negativi sulla crescita dell’economia e sui livelli di occupazione. I suoi lavori recenti riguardano i rapporti tra democrazia e sviluppo economico.

 

JEAN PAUL FITOUSSI LUISS JEAN PAUL FITOUSSI LUISS

In uno dei suoi ultimi interventi, a proposito della guerra in Mosca-Kiev, Fitoussi aveva sostenuto che «l’Ucraina è Europa» e che «tutti i Paesi europei ne subiranno le conseguenze». E poi che, se venisse trovato un compromesse in grado di soddisfare Putin, «l’Unione europea pagherà più di tutti» e «Mosca avrà ancora più potere sul gas».

Fitoussi Fitoussi

 

Condividi questo articolo

business

POI UNO SI CHIEDE PERCHÉ GLI ITALIANI EMIGRANO: DOPO I NO-VAX, ORA ARRIVANO I NO-POS! – DA IERI I COMMERCIANTI CHE NON PERMETTONO AI CLIENTI DI PAGARE CON LA CARTA POTRANNO BECCARSI UNA MULTA, MA LORO SE NE FREGANO BELLAMENTE. LA SCUSA È SEMPRE LA STESSA: LE COMMISSIONI TROPPO ALTE, SOPRATTUTTO PER I MICRO-PAGAMENTI. MA È DAVVERO COSÌ OPPURE VOGLIONO SOLO CONTINUARE A EVADERE? COMUNQUE, IN MOLTI HANNO GIÀ TROVATO UN TRUCCHETTO PER AGGIRARE EVENTUALI CONTROLLI: BASTA DIRE CHE IL POS NON FUNZIONA…

L’INFLAZIONE AUMENTA, IL PORTAFOGLIO SI RESTRINGE – I SALARI RESTANO FERMI MENTRE I PREZZI SCHIZZANO IN ALTO: NEL PRIMO SEMESTRE DEL 2022 UNA FAMIGLIA TIPO È ARRIVATA A PERDERE 2400 EURO DI POTERE D’ACQUISTO. LA SOLUZIONE? PRODOTTI DI BASSA QUALITÀ E/O RIDUZIONE DEI CONSUMI – COTTARELLI TWEET: “NEL 92 IL GOVERNO PRELEVÒ LO 0,6% DEI DEPOSITI, UNA PATRIMONIALE. ANCORA CE LO RICORDIAMO. OGGI, CON TASSI ZERO DEI DEPOSITI, L’INFLAZIONE ALL’8% SIGNIFICA UNA PATRIMONIALE DELL’8%. E NESSUNO SI LAMENTA. MISTERO!”

VI RICORDATE QUANDO CHRISTINE LAGARDE DICEVA “L’INFLAZIONE È TEMPORANEA”? LA PRESIDENTE DELLA BCE NON NE HA IMBROCCATA MEZZA NEGLI ULTIMI MESI, E ORA, DOPO I DATI CHOC SULL’AUMENTO DEI PREZZI (+8,6% NELL’EUROZONA), È COSTRETTA A METTERCI UNA PEZZA – SUL TAVOLO C’È L’IPOTESI DI UN MEGA RIALZO DEI TASSI DA 50 PUNTI BASE, IL DOPPIO DI QUELLO PREVISTO A INIZIO GIUGNO – PANETTA: “LA NORMALIZZAZIONE DOVREBBE RIMANERE GRADUALE. PER ORA, IL NOSTRO OBIETTIVO DOVREBBE ESSERE…”