NOTIZIE DI CUI ESSERE AL CORRENTE – LA TRANSIZIONE ENERGETICA È GIÀ IN CORSO, E PASSA DALL’ELETTRICO! ENEL FESTEGGIA 60 ANNI E INAUGURA LA “DECADE DELL’ELETTRIFICAZIONE” – LA CAMPAGNA “I FATTI CONTANO”, IN CUI L’AZIENDA FA PARLARE I NUMERI: NEL 2022 HA GIÀ PRODOTTO 7,506 MIIARDI DI KWH A ZERO EMISSIONI – LE COLONNINE DI RICARICA, LE NUOVE CABINE E L’INFRASTRUTTURA: TUTTE LE CIFRE

-

Condividi questo articolo


ENEL - I FATTI CONTANO

enel campagna i fatti contano 4 enel campagna i fatti contano 4

(Teleborsa) - La transizione energetica non è solo un impegno per il futuro ma un processo concreto e già in corso, con effetti positivi e nuove opportunità per il Paese, le persone, l'ambiente e l'economia.

 

Enel si è posta alla guida di questo cambiamento: l'azienda, in concomitanza con i suoi 60 anni, ha inaugurato quella che si avvia ad essere la decade dell'elettrificazione, una nuova sfida che si aggiunge ai traguardi già raggiunti e all'impegno che investe l'intera filiera dell'energia, dalla produzione alla distribuzione fino agli utilizzi finali.

 

Un impegno raccontato anche da numeri che crescono quotidianamente grazie all'impegno delle 30.992 persone che lavorano in Enel in Italia.

 

enel campagna i fatti contano 5 enel campagna i fatti contano 5

Con una capacità installata rinnovabile di 14.600 MW a livello nazionale, nel 2022 Enel ha già prodotto 7,506 miliardi di KWh di energia a zero emissioni. Per supportare la crescita delle rinnovabili, la rete elettrica italiana, che si estende per 1,16 milioni di chilometri e conta circa 450.000 cabine di media e bassa tensione, è in continua evoluzione e offre servizi sempre più smart e digitali: nel corso dell'anno sono già stati effettuati interventi per il potenziamento e la realizzazione di 5.393 chilometri di nuove infrastrutture, oltre a 1,62 milioni di "open meter" che hanno portato a 26,35 milioni l'ammontare complessivo di contatori di ultima generazione già installati. L'infrastruttura di distribuzione è un elemento centrale della transizione energetica: sono 1.012.631 gli impianti di produzione privati già connessi alla rete e 114.000 le nuove richieste da inizio 2022.

 

colonnine enel x colonnine enel x

La rete del futuro richiede nuove competenze, per questo è stato lanciato con Elis il programma "Energie per Crescere" per la formazione di 5.500 giovani in due anni: un bacino di professionisti che potranno essere assunti dalle imprese fornitrici di Enel impegnate a realizzare questo cambiamento.

 

 Avviato a febbraio, il progetto ha già raccolto 4.500 candidature e ha permesso di formare 953 persone. E l'attenzione all'intero ecosistema del settore e al coinvolgimento di ogni anello della catena del valore è dimostrata anche dal Supplier Development Program, iniziativa attraverso cui Enel promuove un percorso di crescita e di sviluppo sostenibile per i propri fornitori, e che ha già registrato 1.805 adesioni.

 

enel campagna i fatti contano 3 enel campagna i fatti contano 3

Con 15,5 milioni di clienti, Enel è leader del mercato libero in Italia. E sono proprio le persone, con le loro abitudini e la loro attenzione all'ambiente, ad essere al centro del cambiamento; dalle case, con 7.128 clienti che dall'inizio dell'anno hanno installato pompe di calore aria-aria, alla scelta della mobilità elettrica, oggi sempre più diffusa grazie a 15.500 punti di ricarica pubblici e 23.000 punti di ricarica privati.

 

Enel fornisce soluzioni anche per supportare le città nel loro percorso di sostenibilità e riduzione delle emissioni, grazie ad esempio agli 1,5 milioni di punti luce gestiti sul territorio.

 

Proprio per raccontare sfide e successi e un mondo energetico che cambia velocemente, Enel ha creato il format di comunicazione #ifatticontano: https://corporate.enel.it/it/azienda/i-fatti-contano

enel campagna i fatti contano 1 enel campagna i fatti contano 1 enel campagna i fatti contano 2 enel campagna i fatti contano 2 enel x 1 enel x 1

 

 

Condividi questo articolo

business

VELENI AD ALTA QUOTA – REPORT INTERNI, MAIL INTERCETTATE, DOSSIERAGGI: È GUERRA TRA LAZZERINI E ALTAVILLA! L’AD DI “ITA AIRWAYS”, ATTACCA ALZO ZERO L’EX PRESIDENTE, CHE AVREBBE GESTITO L’AZIENDA IN MANIERA PADRONALE E “PRIVATISTICA”. UN ESEMPIO? IL VOLO PER LA SARDEGNA DOVE SI SONO ACCOMODATI PARENTI E AMICI, A SPESE DELLA COMPAGNIA (CON TANTO DI CAMBIO DI AEREO PER FAR POSTO A TUTTI) – E COSÌ, MENTRE LA COMPAGNIA PROCEDE SPEDITA VERSO IL BARATRO, CI SARANNO DUE CAUSE INCROCIATE: UNA ANNUNCIATA DA ALTAVILLA, L’ALTRA QUELLA CHE SI RISERVA DI PROMUOVERE IL TESORO CONTRO IL MANAGER…

COSE MAI VISTE: IL SOTTOSEGRETARIO CON DELEGA ALL’INNOVAZIONE TECNOLOGICA, ALESSIO BUTTI, A BORSE APERTE BOLLA COME “FANTASIA” L’IPOTESI DI UN’OPA TOTALITARIA SU TUTTA TIM (PREVISTA DAL SUO “PIANO MINERVA” E FA CROLLARE IL TITOLO DI TELECOM – L’UNICA COSA CERTA, AL MOMENTO, È CHE IL MEMORANDUM DI MAGGIO CDP-OPEN FIBER È CARTA STRACCIA – LE IPOTESI SONO DUE: UN’OPA PARZIALE (CHE PERÒ RICHIEDE IL VIA LIBERA DI VIVENDI) E LO SPIN-OFF DELLA RETE CON SCISSIONE PROPORZIONALE DEL TITOLO…