LA PANDEMIA È DOLCE PER CHI LAVORA ALLA FERRERO - 2.200 EURO DI PREMIO PER I 6MILA DIPENDENTI DELL'AZIENDA. L'ACCORDO COI SINDACATI PREVEDE DI VERSARLI A OTTOBRE, IN RAGIONE DELLA ''PIENA SODDISFAZIONE PER I RISULTATI CONSEGUITI IN UN ESERCIZIO PARTICOLARMENTE DIFFICILE E COMPLICATO''

-

Condividi questo articolo

giovanni ferrero 5 giovanni ferrero 5

 (ANSA) - Ammonta a 2.200 euro lordi il premio di produzione per i circa 6mila lavoratori della Ferrero. E' quanto prevede l'accordo siglato tra la direzione aziendale e le organizzazioni sindacali. Sarà erogato con le competenze di ottobre. Azienda e sindacati, in una nota, esprimono "piena soddisfazione per i risultati conseguiti in un esercizio particolarmente difficile e complicato a causa degli effetti della pandemia". E plaudono alle "iniziative attuate per fronteggiare l'emergenza Covid".

 

La riunione tra la direzione dell'industria dolciaria e le organizzazioni sindacali, nazionali e territoriali, si è svolta in videoconferenza. Due i parametri presi in considerazione per determinare il premio: il risultato economico, unico per tutta l'azienda, che ne determina il 30%; e il risultato gestionale, legato all'andamento di ogni stabilimento/area, che ne determina il 70%.

 

giovanni ferrero 4 giovanni ferrero 4

"La pandemia e il lockdown hanno condizionato profondamente le abitudini quotidiane degli italiani, tuttavia i prodotti Ferrero, per quanto dal dibattito pubblico possano essere considerati 'non essenziali', hanno ottenuto in media risultati positivi, mantenendo un livello di gradimento molto alto anche durante questo periodo delicato" commentano i rappresentanti sindacali di Fai-Cisl, Flai-Cgil e Uila-Uil Franco Ferria, Andrea Basso e Alberto Battaglino. "In questo periodo storico in cui alcuni orientamenti politici e Confindustria fanno proposte dequalificanti per il lavoro con ricadute negative su diritti, tutele e contrastano il rinnovo dei contratti nazionali - concludono - la contrattazione sindacale acquista ancor più importanza e valore per veder riconosciuti i diritti, l'impegno e la professionalità delle lavoratrici e dei lavoratori".

 

Condividi questo articolo

business

PALADINO DEGLI AFFARI – DITE A MATTIA FELTRI CHE LA FIDANZATA DEL PREMIER NON È UNA “MOGLIE" E "FIGLIA DI” QUALUNQUE, MA POSSIEDE IL 47,5% DELLA “AGRICOLA MONASTERO SANTO STEFANO VECCHIO”. LA SOCIETÀ CONTROLLA IL GRAND HOTEL PLAZA E LA IMMOBILIARE SPLENDIDO, A CUI SONO INTESTATI VARI EDIFICI E NEGOZI DI LUSSO E SETTE IMMOBILI A VIA DI FONTANELLA BORGHESE. LA STESSA DEL SUPERMERCATO DOVE SI È RIFUGIATA CON IL BORSONE DELLA PALESTRA – I DETTAGLI CHE NON TORNANO NELLA STORIA DELLA SCORTA

FANTAFINANZA A MISURA DUOMO - NEL CASO IN CUI ALBERTO NAGEL VENGA NOMINATO A CAPO DI UNICREDIT, COL COMPITO DI PRENDERSI IN CARICO LA SALMA SENESE, DOVE ANDRÀ MEDIOBANCA: VERSO BANCA INTESA O VERSO UNICREDIT? OVVIAMENTE, UNA VOLTA METABOLIZZATA LA BANCA SENESE, NULLA VIETEREBBE A NAGEL DI RIPRENDERSI IL SUO ISTITUTO DEL CUORE E CREARE UN POLO BANCARIO TROPPO GROSSO ANCHE PER I DENTI AGUZZI DI DEL VECCHIO - CERTO, PER UNA FUSIONE CI VOGLIONO ALMENO SEI MESI E OTTENERE I SEMAFORI VERDI DELLA BCE. E NEL FRATTEMPO DEL VECCHIO, UNA VOLTA RAGGIUNTO IL 20% DI MEDIOBANCA, INIZIERÀ A FAR VEDERE I SORCI VERDI A NAGEL E PAGLIARO...