IL PORTO DI TARANTO SARÀ (S)VENDUTO AI CINESI? – IL GRUPPO “FERRETTI” HA UN PIANO PER REALIZZARE UN POLO PRODUTTIVO NELLA CITTÀ DELL’ILVA. IL PROBLEMA È CHE LA SOCIETÀ DAL 2012 È PARTECIPATA DAI CINESI DI “WECHAI” CHE POSSIEDONO L’86% DELLE AZIONI E CHE A LORO VOLTA SONO CONTROLLATI DAL GOVERNO DI PECHINO – LA MANOVRA GUARDA CASO È SPONSORIZZATA DAL SOTTOSEGRETARIO GRILLINO MARIO TURCO...

-

Condividi questo articolo

1 – FDI: GOVERNO CHIARISCA SU SVENDITA A CINESI PORTO TARANTO

ferretti group ferretti group luigi di maio xi jinping luigi di maio xi jinping

(LaPresse) - "Apprendiamo dalla stampa di una operazione fortemente sponsorizzata da un esponente del M5S che punta alla svendita ai cinesi del porto di Taranto per la realizzazione di un polo produttivo e di un centro di ricerca. Vorremmo capire se la notizia sia fondata e, se così fosse, perché il M5S ha interessi così forti da spingere l'operazione". Lo dichiarano i deputati pugliesi di Fratelli d'Italia, Davide Galantino e Marcello Gemmato che hanno chiesto accesso agli atti per recepire tutta la documentazione riguardante l'operazione in oggetto e presentato interrogazione al ministro Luigi Di Maio e al presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

 

 

2 – IL PIANO GRILLINO SU TARANTO SVENDERE IL PORTO AI CINESI

porto taranto 2 porto taranto 2

Domenico Di Sanzo per “il Giornale”

 

Lo spauracchio cinese ha un nome perfettamente italiano, Ferretti Group, e vuole fare un investimento nel porto di Taranto. Si parla della realizzazione di un polo produttivo per la costruzione di scafi e sovrastrutture in vetroresina e carbonio e di un centro di ricerca impegnato nello studio di modelli e stampi. Il tutto nell' area «ex Belleli» dello scalo pugliese, dove negli anni '80 e '90 si costruivano piattaforme petrolifere off shore.

 

XI JINPING GIUSEPPE CONTE XI JINPING GIUSEPPE CONTE mario turco mario turco

Dalle infrastrutture per la ricerca di petrolio agli yacht di lusso - core business della Ferretti - il passo potrebbe essere breve. Con lo zampino del Dragone. La società, fondata a Bologna nel 1968 dai fratelli Alessandro e Norberto Ferretti, dal 2012 è partecipata dai cinesi della Weichai Group.

 

Il gruppo, di proprietà statale, ora possiede l' 86% delle azioni della Ferretti dopo averla salvata dal baratro del fallimento otto anni fa. Ma la multinazionale della cantieristica navale è ancora in cattive acque finanziarie. E l' anno scorso ha rinunciato alla quotazione a Piazza Affari.

 

porto taranto 1 porto taranto 1

La stessa società cinese che ha manifestato l' interesse per il varo di un insediamento produttivo nell' ambito della cantieristica nautica. Anche se al momento non si conoscono i dettagli del progetto. Lo sbarco della Ferretti Made in China è stato sponsorizzato meno di un mese fa da un grillino di rango, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alla Programmazione economica e agli Investimenti, il tarantino Mario Turco.

ferretti group yacht ferretti group yacht

 

«L' insediamento del gruppo Ferretti a Taranto sarebbe per il territorio una grande opportunità di sviluppo e di riconversione economica per il nostro tessuto imprenditoriale - ha detto il 7 aprile scorso Turco - l' iniziativa è un altro tassello della Presidenza del Consiglio e del Governo per il progetto del cosiddetto Cantiere Taranto». Da Forza Italia il deputato Mauro D' Attis, commissario pugliese degli azzurri, annuncia battaglia in Aula. Parla di «grandi manovre» da parte di Pechino «per mettere le mani sul porto ionico con grandi investimenti».

 

weichai weichai

E annuncia: «presenteremo un' interrogazione parlamentare». A Il Giornale D' Attis aggiunge: «Vogliamo capire perché il governo sta puntando così tanto su questa cosa, anche alla luce della nostra collocazione atlantica sul piano internazionale e della presenza di una base Nato strategica nella città di Taranto». Turco, contattato dal Giornale, non ha rilasciato dichiarazioni.

 

porto taranto porto taranto

E a preoccupare c' è anche un altro episodio, verificatosi durante questi giorni di emergenza Coronavirus. Il colosso statale cinese CCCC (China Communication Construction Company) ha donato tra marzo e aprile in totale 4mila mascherine all' autorità portuale di Taranto. Il gruppo pubblico di Pechino, leader nel settore delle costruzioni, ha fatto la stessa operazione con il porto di Trieste, ai cui lavoratori ha consegnato 10mila mascherine il 21 marzo. La stessa CCCC l' anno scorso ha firmato un' intesa con lo scalo triestino e un' altra con il porto di Genova, entrambe rientranti nell' accordo sulla Via della Seta firmato dal governo gialloverde a marzo del 2019.

porto taranto porto taranto weichai sponsor di ferrari weichai sponsor di ferrari porto di taranto porto di taranto porto taranto 4 porto taranto 4 Il porto di Taranto Il porto di Taranto porto di taranto porto di taranto mario turco giuseppe conte mario turco giuseppe conte porto di taranto porto di taranto ferretti group ferretti group ferretti group yacht ferretti group yacht

 

Condividi questo articolo

business

ITALIA DA RECOVERY – È ARRIVATA LA PROPOSTA DELLA COMMISSIONE EUROPEA: IL FONDO DIVENTA DA 750 MILIARDI: 500 IN ‘GRANTS’, CIOÈ STANZIAMENTI A FONDO PERDUTO (IN TEORIA) E 250 IN ‘LOANS’, CIOÈ PRESTITI – PER L’ITALIA LA QUOTA TOTALE È DI 172 MILIARDI, DI CUI 82 DI 'SUSSIDI'. TOGLIENDO I 56 CHE VERSIAMO ALL’UE FANNO 26 MILIARDI IN TRE ANNI. SENZA CONTARE LA QUOTA PARTE DI GARANZIA DEI PRESTITI – QUALCHE CONDIZIONALITÀ CI SARÀ PER FORZA, INFATTI LA COMMISSIONE HA GIÀ RIVOLTO QUATTRO ‘RACCOMANDAZIONI’ SPECIFICHE ALL’ITALIA – E L’OLANDA FRENA: “I NEGOZIATI SARANNO LUNGHI”

IL NORD PAPPA TUTTO - QUATTRO REGIONI FANNO RAZZIA DEI PRESTITI CON GARANZIA PUBBLICA: LOMBARDIA, PIEMONTE, VENETO ED EMILIA-ROMAGNA SI ASSICURANO OLTRE LA META' DEI FINANZIAMENTI - MA LA FABI DI SILEONI LANCIA L'ALLARME ROSSO: “AL SUD RESTANO LE BRICIOLE E C'E' RISCHIO USURA” - NON C'E' PROPORZIONE TRA CREDITI E PRESENZA SUL TERRITORIO DI PMI - AL NORD C'E' IL 38% DI PMI E PARTITE IVA CHE INTASCA IL 50,7% DELLA LIQUIDITA' PROTETTA DALLO STATO, MENTRE NEL CENTRO-SUD, CON IL 62%, I FINANZIAMENTI SI FERMANO AL 49%...