PROFUMO DI (MONTE)PACCHI PER I SOCI - LE AZIONI DELLA MPS PRESIEDUTA DA PROFUMO E GUIDATA DA VIOLA PRECIPITANO NEL 2013 E LA CASSAFORTE DELLA FAMIGLIA ALEOTTI PERDE OLTRE 91 MILIONI

Così gli Aleotti hanno deciso di smobiliare: Finamonte da dato incarico ad Azimut di cedere via via pacchetti di titoli: a inizio dello scorso marzo erano stati venduti 359 milioni di titoli incassando 69,5 milioni, con un plusvalenza di 6,6 milioni rispetto al valore di carico (svalutato) di fine 2013…

Condividi questo articolo


Andrea Giacobino per il blog 'andreagiacobino.wordpress.com'

ALEOTTIALEOTTI

Si tiene oggi in seconda convocazione l'assemblea per approvare il bilancio 2013 del Monte dei Paschi di Siena. Al presidente Alessandro Profumo e all'amministratore delegato Fabrizio Viola non giungerà l'eco di un'altra assemblea svoltasi pochi giorni fa a Firenze quando un ex socio forte di Rocca Salimbeni ha dovuto leccarsi le ferite. Parliamo dell'assemblea di Finamonte, holding della famiglia Aleotti, proprietaria del gruppo farmaceutico Menarini, entrata col 4% nella banca senese poco dopo l'arrivo di Profumo.

Ebbene, gli Aleotti - che qualche settima fa avevano deciso di smobilitare - hanno preso carta e penna e hanno dovuto archiviare il bilancio 2013 della loro cassaforte con una perdita-monstre di oltre 91 milioni di euro. Il perché è presto detto. Avevano in carico gli oltre 467 milioni di azioni Mps, comprate nel maggio 2012, a 172,2 milioni, cioè a 0,36 euro cadauna. Ma il titolo nel corso del 2013 è precipitato perdendo oltre il 50% del suo valore e così la banca svizzera UBS, depositaria delle azioni, ha consigliato di valorizzarle a 0,17 euro, riducendo il valore di carico complessivo a 82 milioni circa, con una svalutazione di quasi 92 milioni.

La relazione sulla gestione della cassaforte degli Aleotti spiega che pur avendo Finamonte a suo tempo auspicato che l'aumento di capitale lanciato da Profumo a dicembre (allora di 3 miliardi, poi alzato a 5 miliardi) fosse approvato subito, avendo poi constatato lo slittamento dell'operazione imposto dalla Fondazione Mps, giudica oggi comunque la ricapitalizzazione "fortemente diluitiva" .

Alessandro Profumo Fabrizio ViolaAlessandro Profumo Fabrizio ViolaALESSANDRO PROFUMO E FABRIZIO VIOLAALESSANDRO PROFUMO E FABRIZIO VIOLA

Così gli Aleotti, ricalcando la decisione assunta dall'ente guidata da Antonella Mansi, hanno deciso di smobiliare: Finamonte da dato incarico ad Azimut Capital Management Sgr di cedere via via pacchetti di titoli: a inizio dello scorso marzo erano stati venduti 359 milioni di titoli incassando 69,5 milioni, con un plusvalenza di 6,6 milioni rispetto al valore di carico (svalutato) di fine 2013.

A oggi Finamonte detiene solo lo 0,927% del capitale Mps, pari a 108,2 milioni di titoli. Ma si libererà anche di questo residuo grazie ad una gestione patrimoniale a lungo termine: uno strumento al quale "occorreranno circa 10 anni per recuperare le perdite di capitale subite". Vatti a fidare di Profumo...

monte-dei-paschi-di-siena-sedemonte-dei-paschi-di-siena-sede

 

Menarini AleottiMenarini Aleotti

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”