"LE CESSIONI DI OTO MELARA E WASS NON POSSONO ESSERE FATTE SOLO SULLA BASE DELLA NAZIONALITÀ" - L'AD DI LEONARDO, PROFUMO, PUNTA I PIEDI SULL'IPOTESI DI VENDERE LE AZIENDE MILITARI A FINCANTIERI PER EVITARE CHE FINISCANO IN MANO STRANIERA: "VALUTEREMO LE OPZIONI SUL TAVOLO E SCEGLIEREMO LA MIGLIORE. OGNI SCELTA VERRÀ FATTA VALUTANDO LA SOSTENIBILITÀ A LUNGO TERMINE" - COSA NE PENSA DRAGHI CHE HA GIA' FATTO CAPIRE CHE SU OTO MELARA E WASS SI DOVRA' TENERE PRESENTE L'INTERESSE NAZIONALE?

-

Condividi questo articolo


Teodoro Chiarelli per "la Stampa"

 

oto melara oto melara

«La scelta delle cessioni non può essere fatta solo sulla base della nazionalità». È un segnale chiaro e deciso quello che manda Alessandro Profumo sul dossier per la vendita della ex Oto Melara e della ex Wass, aziende del militare finite fuori dal perimetro delle attività strategiche di Leonardo, di cui è amministratore delegato. «Quando avremo tutte le opzioni sul tavolo faremo una scelta - insiste parlando a margine della presentazione del polo di competenza di Genova per la digitalizzazione - Ma non possiamo farla in modo aprioristico solo sulla base della nazionalità dell'offerente».

siluro wass siluro wass

 

Ma come valuta l'interesse di Fincantieri e l'opportunità di fare scelte che garantiscano l'italianità delle attività da cedere? «Ogni scelta verrà fatta valutando la sostenibilità a lungo termine e la componente strategica dell'operazione - dice Profumo, che non cita mai esplicitamente Fincantieri - Valuteremo le opzioni sul tavolo e sceglieremo la migliore. E non sarà l'opzione A o l'opzione B solo per dove ha sede l'offerente A o dove ha sede l'offerente B».

knds knds

 

E poco importa che altri Paesi, vedi la Francia, abbiano mostrato attenzione nel proteggere i propri asset da mire straniere. Profumo ribatte ricordando le mosse fatte da Leonardo in Germania, Gran Bretagna e Stati Uniti e i progetti all'estero della stessa Fincantieri.

 

oto melara oto melara

«Faccio una constatazione generale - insiste - Non si può far tutto nella vita, e nel nostro Paese la mancanza di scelte chiare in alcune aziende spesso ha generato problemi. Bisogna fare delle scelte». Per quanto riguarda Oto Melara e Wass, conclude Profumo, le scelte verranno fatte quando tutte le opzioni saranno sul tavolo. «Valuteremo la componente strategica. Per esempio il fatto che Oto Melara è molto grande nel terreste, questa componente va molto ben considerata. Valuteremo le opzioni sul tavolo e sceglieremo la migliore». 

cannoni oto melara cannoni oto melara wass wass iveco oto melara iveco oto melara black shark wass black shark wass

 

Condividi questo articolo

business

GENERALI IN RITIRATA – LE DIMISSIONI DI SABRINA PUCCI, CONSIGLIERE INDIPENDENTE CONSIDERATA VICINA AI PATTISTI, SONO STATE ACCOLTE DAL PRESIDENTE GALATERI CON UN “RINGRAZIAMENTO”, A DIFFERENZA DI QUELLE DI CALTAGIRONE E BARDIN – MA TUTTE QUESTE DIMISSIONI A RIDOSSO DELLA SCADENZA NATURALE NON POSSONO PASSARE INOSSERVATE: LA PUCCI HA MOSTRATO INSOFFERENZA RISPETTO AL CLIMA NEL LEONE. E ORA IL BOARD POTREBBE ESSERE INTEGRATO CON NUOVI CANDIDATI, CHE POTREBBERO ESSERE COOPTATI NELLA FUTURA LISTA DEL CDA…

TAGLIARE LA TESLA AL TORO - GENERAL MOTORS HA ANNUNCIATO UN INVESTIMENTO DI QUASI 7 MILIARDI DI DOLLARI NELL'ELETTRICO, CON L'OBIETTIVO DI PRODURRE OLTRE UN MILIONE DI VEICOLI ENTRO IL 2025 – IL COLOSSO DI DETROIT LANCIA LA SFIDA A TESLA, CON L’OBIETTIVO DI SUPERARE LA CASA AUTOMOBILISTICA DI ELON MUSK NEL NUMERO DI VENDITE IN AMERICA – JOE BIDEN CERCA DI PRENDERSI I MERITI PER LA “SVOLTA GREEN”: “LA MIA STRATEGIA ECONOMICA STA AIUTANDO UNA STORICA RINASCITA DELLA MANIFATTURA AMERICANA…”

LE IMPRESE ITALIANE NON SI FANNO TANTE FISIME SULL'UCRAINA – LA VIDEOCONFERENZA DI PUTIN CON I BIG DELLE AZIENDE DEL NOSTRO PAESE È DIVENTATA UN CASO INTERNAZIONALE. IL GOVERNO HA CHIESTO DI NON TENERE L’EVENTO CHE, NONOSTANTE ALCUNE DEFEZIONI, SI FARÀ –  NON POSSIAMO PERMETTERCI DI FARE TANTO GLI SCHIZZINOSI, VISTO CHE L'INTERSCAMBIO CON LA RUSSIA VALE 17 MILIARDI. E SULLO SFONDO C’È LA RICHIESTA DI FAR APRIRE I RUBINETTI DEL GAS A PUTIN – STARACE, ORCEL, TRONCHETTI, BARILLA, MARCEGAGLIA, GALATERI: I NOMI CONFERMATI - IL PORTAVOCE DI PUTIN, PESKOV: "SONO INCONTRI DI NATURA SISTEMICA, NON CI SONO LEGAMI CON L'UCRAINA"