RETE UNICA, PRIMA SCHIARITA - GLI AMERICANI DI KKR HANNO DATO IL VIA LIBERA, DOPO CHE PER GIORNI HANNO OSTACOLATO LA DECISIONE DI LABRIOLA DI ADEGUARE ALL'INFLAZIONE I PREZZI ONEROSISSIMI CHE ALL’EPOCA LA TIM DI GUBITOSI CONCESSE GENEROSAMENTE A KKR PER L’ENTRATA IN FIBERCOP – MA LA BATTAGLIA TRA LABRIOLA E KKR E’ SOLO IN PAUSA. I NODI CRUCIALI DELLE VALUTAZIONI E DELLA GOVERNANCE SONO STATI SOLO RIMANDATI…

-

Condividi questo articolo


Francesco Spini per “La Stampa”

 

pietro labriola pietro labriola

Dopo un lungo braccio di ferro, arriva una prima schiarita sulla rete unica, il progetto per fondere l'infrastruttura di Tim, una volta scorporata, con Open Fiber. Sarebbe stato trovato l'accordo per firmare, già settimana prossima, la lettera di intenti («memorandum of understanding») con modi e tempi dell'operazione.

 

Alcuni giorni fa Tim ha trovato un'intesa con Cdp - che ha il 60% Open Fiber oltre al 9,8% di Telecom - superando le discussioni relative al perimetro della futura società di rete, NetCo. Nessun ostacolo, poi, è giunto dal fondo australiano Macquarie, al 40% di Open Fiber. Nelle ultime ore, piuttosto, si sarebbe sbloccato anche il «sì» di Kkr, il fondo Usa col 37,5% di FiberCop.

 

Alberto Signori - Kkr Alberto Signori - Kkr

Gli americani per giorni hanno tenuto sulle spine gli altri protagonisti della vicenda, prima chiedendo (e ottenendo) garanzie sull'accordo commerciale tra FiberCop e Open Fiber nelle aree bianche, poi mettendosi di traverso alla decisione di Tim di adeguare all'inflazione i prezzi ultracompetitivi del coinvestimento FiberCop.

 

A convincerli a dare il via libera potrebbe essere stato il contenuto della lettera, che non affronterebbe i nodi cruciali delle valutazioni e della governance, rimandandone la discussione.

 

luigi gubitosi luigi gubitosi

Ieri il cda di Tim - preceduto in mattinata da quello FiberCop - si è riunito per un'informativa tanto sulla lettera quanto sulle trattative in corso per rimodulare il contratto sul calcio con Dazn. Open Fiber, allo stesso modo, ha tenuto una riunione ordinaria. La settimana prossima i consiglieri di tutte le società, inclusa Cdp, dovranno probabilmente ritrovarsi per deliberare sulla lettera di intenti.

 

ALBERTO CALCAGNO FASTWEB ALBERTO CALCAGNO FASTWEB

Secondo l'ad di Fastweb, Alberto Calcagno, «se l'obiettivo è fare sinergie» la rete unica dovrebbe concentrarsi solo su aree grigie e bianche. «Lì ha senso mettere insieme i piani di sviluppo, lasciando fuori problemi di valutazione e di governance che rischiano di rallentare l'obiettivo industriale»

ALBERTO SIGNORI - KKR ALBERTO SIGNORI - KKR FIBERCOP FIBERCOP open fiber 3 open fiber 3 open fiber 1 open fiber 1

 

Condividi questo articolo

business

CHE SENSO HA FARE L’AMAZON ITALIANA SE C’È GIÀ QUELLA ORIGINALE, CHE FUNZIONA MEGLIO? – SE LO DOVEVA CHIEDERE CHI HA BUTTATO UNA MAREA DI SOLDI IN “EPRICE”: PAOLO AINIO DI BANZAI, MATTEO ARPE, PIETRO BOROLI E ALTRI FINANZIERI E IMPRENDITORI, CHE SOGNAVANO DI CREARE UN SITO DI E-COMMERCE PARAGONABILE AL COLOSSO DI BEZOS. E INVECE, DOPO LA QUOTAZIONE E TANTE SPERANZE, IL SITO È AL COLLASSO: IL PATRIMONIO È AZZERATO E L’UNICA ANCORA DI SALVEZZA SONO GLI EMIRATINI DI “NEGMA”, CHE HANNO PROMESSO 20 MILIONI DI LIQUIDITÀ

NUVOLA NERA – CHE STA SUCCEDENDO NELLA BATTAGLIA PER IL CLOUD NAZIONALE? LA CORDATA TIM-LEONARDO-CDP-SOGEI HA GIÀ ANNUNCIATO CHE FARÀ UN RILANCIO PER PAREGGIARE L’OFFERTA, DA 2,68 MILIARDI, DI ARUBA E FASTWEB. TUTTO BENE? MICA TANTO: LE DUE AZIENDE,  CHE SI SONO AGGIUDICATE LA GARA IN PRIMA BATTUTA, VOGLIONO FARE RICORSO. ARUBA E FASTWEB SOSTENGONO INFATTI CHE LA POSSIBILITÀ DI RILANCIARE VENGA DATA ALLA CORDATA “PUBBLICA” PER FAVORIRLA, IN PIENA VIOLAZIONE DELLE LEGGI EUROPEE…