C’È "POSTE" PER TE! – IL GRUPPO GUIDATO DA MATTEO DEL FANTE PORTA A CASA LA MAGGIORE ACQUISIZIONE DELLA SUA STORIA: HA COMPRATO PER 700 MILIONI DI EURO  “LIS”, SOCIETÀ LEADER NEI COSIDDETTI “PAGAMENTI DI PROSSIMITÀ”: HA UNA RETE DI 54MILA PUNTI VENDITA, PRINCIPALMENTE BAR E TABACCHERIE, DOVE PERMETTE DI PAGARE BOLLETTINI, EFFETTUARE RICARICHE E VARI ALTRI SERVIZI – L’OBIETTIVO È RAFFORZARE IL SISTEMA “POSTEPAY”

-

Condividi questo articolo


Da www.repubblica.it

 

matteo del fante poste italiane 2 matteo del fante poste italiane 2

Poste accelera nel settore dei pagamenti e porta a casa la maggiore acquisizione della sua storia, almeno da quando è quotata. La società guidata da Matteo Del Fante ha finalizzato lo shopping di Lis, venduta dal gruppo Igt (la ex Lottomatica) e che porta in dote la sua presenza capillare nei cosiddetti "pagamenti di prossimità". Ha infatti una rete di circa 54mila punti vendita - sostanzialmente bar e tabaccherie - dove offre servizi come il pagento di bollettini, carte di pagamento prepagate, le ricariche di telefonia e altri servizi per gli esercenti e le imprese.

 

punto lis punto lis

A perfezionare l'acquisizione di Lis Holding, con la quale c'era già un rapporto di partnership commericale, è stata in particolare PostePay, che ha sborsato per l'acquisto del 100% del capitale una cifra di 700 milioni di euro, includendo 70 milioni di cassa.

 

In qualità di partner commerciale di lunga data di Poste Italiane, informa una nota, Lis si avvale di una piattaforma paytech proprietaria e competenze distintive: nel 2021 Lis ha generato un fatturato lordo di 228 milioni ed un ebitda di 40 milioni (margine operativo lordo) e, nel primo semestre del 2022, un fatturato lordo di 132 milioni ed un ebitda (+16% anno su anno) di 24 milioni.

 

punto lis 3 punto lis 3

L'obiettivo dichiarato della società delle lettere è di far consolidare a PostePay "la propria leadership nel mercato dei pagamenti e nell'ecosistema di servizi digitali". PostePay "farà leva sul know-how tecnologico di LIS per ampliare la propria offerta di prodotti e rafforzare le soluzioni dedicate alle Piccole e Medie Imprese, consolidando così il proprio posizionamento di leadership nel mercato paytech", spiega Poste in una nota. 

 

matteo del fante poste italiane 4 matteo del fante poste italiane 4

"L'acquisizione di Lis - commenta Del Fante - rappresenta la più rilevante operazione finanziaria di acquisizione nella storia di Poste Italiane, a testimonianza dell'impegno profuso ad aumentare la nostra quota di mercato nel segmento dei pagamenti in rapida crescita, rafforzando il posizionamento di PostePay come azienda leader nel settore paytech e contribuendo ulteriormente all'attuazione della nostra strategia omnicanale"

 

"Diamo il benvenuto al management team e tutti i dipendenti e - prosegue - siamo lieti che Lis abbia ottenuto risultati nel primo semestre in linea con le nostre aspettative, in ulteriore accelerazione nel secondo semestre del 2022. Il pieno controllo della piattaforma proprietaria di Lis unito all'internalizzazione del know-how tecnologico, ci consentirà di avanzare ulteriormente nell'attuazione della nostra strategia omnicanale e nell'ambito delle soluzioni di pagamento".

postepay punto lis postepay punto lis punto lis punto lis matteo del fante poste italiane 6 matteo del fante poste italiane 6 punto lis 1 punto lis 1 matteo del fante poste italiane 5 matteo del fante poste italiane 5

 

Condividi questo articolo

business

LA PART-ITA VA AVANTI - PROSEGUONO LE TRATTATIVE TRA IL MEF E IL FONDO "CERTARES" CHE È DECISO AD ACQUISTARE IL 50% PIÙ UN'AZIONE DI "ITA AIRWAYS" E LA PROSSIMA SETTIMANA DOVREBBE INCONTRARE I SINDACATI - LE LINEE GUIDA DEL PIANO INDUSTRIALE SONO GIÀ DELINEATE E NON È ESCLUSO L'INGRESSO DI "DELTA" IN "ITA" DEL 10-15%, BASTERÀ PER UNA POLTRONA NEL CDA DELLA COMPAGNIA? - IL FONDO CERTARES PUNTEREBBE A SVILUPPARE NON SOLO LE TRATTE DEL NORD AMERICA MA ANCHE QUELLE DELL'AMERICA LATINA E AFRICANE

TENERE IN PIEDI L'UCRAINA COSTA TROPPO ALL'OCCIDENTE. LA PACE È SOPRATTUTTO UNA QUESTIONE DI SOLDI – IL GOVERNO DI KIEV SPENDE 5 MILIARDI AL MESE SOLO PER PAGARE STIPENDI E PENSIONI. DENARO CHE IN QUESTI MESI È STATO SGANCIATO DA USA E EUROPA (ANCHE SE CON ESTREMA LENTEZZA, TANTO CHE ZELENSKY S'È LAMENTATO CON BRUXELLES). MA NON SARA' POSSIBILE FINANZIARE L'UCRAINA A LUNGO – DOPO IL CONGRESSO DEL PARTITO COMUNISTA CINESE DI META' OTTOBRE E LE ELEZIONI DI MIDTERM AMERICANE, ASSESTATI I DUE BLOCCHI GEOPOLITICI, SARA' IL CASO DI INTAVOLARE SERIAMENTE UNA TRATTATIVA DI PACE...