L’UNIONE FA LA FORZA (CONTRO LA CINA) – LA STRATEGIA DI BRUNO LE MAIRE, MINISTRO DELL'ECONOMIA FRANCESE, CHE PROPONE UN ASSE FRANCIA-ITALIA-GERMANIA PER COMPETERE CON CINA E USA. IL CONCETTO È CHIARO: NESSUN PAESE EUROPEO HA COMPETENZE, RISORSE, CAPITALE PER FARE DA SOLO. E IL BLOCCO EUROPEO SI PUÒ GENERARE SOLO DAL TRIANGOLO GEOGRAFICO CHE SI È CHIUSO DOPO LA BREXIT: “SU SINGOLI PROGETTI DOBBIAMO METTERCI INSIEME E DECIDERE CHI GUIDA LA RICERCA, CHI LA PRODUZIONE E…”

-

Condividi questo articolo


Marcello Zacché per “Il Giornale”

 

BRUNO LE MAIRE BRUNO LE MAIRE

 La maggiore personalità del secondo giorno del Forum Ambrosetti, tradizionalmente dedicato all'agenda europea, è stato Bruno Le Maire, ministro dell'Economia francese. Suo l'intervento più originale e che più ha coivolto la platea dei presenti. Per l'Europa «serve un nuovo approccio geopolitico - ha detto - dobbiamo diventare una superpotenza, con Cina e Usa». Ogni blocco - è la sintesi - ha i suoi obiettivi strategici. «La Cina ha la via della seta, gli Usa lo spazio». E l'Europa? «Con la pandemia entriamo davvero nel 21esimo secolo: che ruolo vogliamo svolgere? Vogliamo porci l'obiettivo di lanciare un nuovo modello strategico»?

 

bruno le maire emmanuel macron bruno le maire emmanuel macron

Dal canto suo il ministro di Macron ha ricordato che la Francia è pronta a fare la sua parte grazie al gran lavoro svolto in questi mesi: i livelli economici tornano oltre il pre-covid già da quest' anno, la crescita va verso quota 6% e sono pronte tutte le riforme necessarie per aumentare la competitività delle aziende francesi. Come a candidarsi per la leadership economica Ue. Una caratteristica che noi italiani ben conosciamo per varie esperienze di governance in comune.

 

stellantis stellantis

Per questo il Giornale ha chieso a La Maire come si fa a conciliare il suo modello competitivo europeo con le rivalità economiche e finanziarie dei singoli stati membri. Per far nascere campioni industriali europei serve armonia che è spesso merce rara. Sull'asse Roma Parigi c'è già qualche esempio: la prima è Stellantis, ma anche Euronext o Stm. E tra i privati, Luxottica, Telecom.

 

bruno le maire bruno le maire

Il ministro ha chiarito il suo pensiero eludendo in buona parte la questione, ma allargando l'orizzonte: «Servono tre pilastri: selezione dei settori dove possiamo essere competitivi; capacità di finanziamento, per la quale l'unione bancaria è fondamentale; e soprattutto collaborazione, non possiamo permetterci di competere tra noi. Ci sono tre Paesi in Europa, Italia, Francia e Germania: su singoli progetti dobbiamo metterci insieme e decidere chi guida la ricerca, chi la produzione».

 

Il concetto è chiaro: non c'è nessun Paese europeo che ha competenze, risorse, capitale per fare da solo. E il blocco europeo che può competere con Asia e Usa si può generare solo dal triangolo geografico che si è chiuso dopo la Brexit. Un esempio di industria del triangolo? «Bisogna investire in tecnologia: non serve avere indipendenza politica, se poi dipendiamo da altri Paesi sulla tecnologia, come succede per esempio con i semiconduttori in arrivo dalla Cina». E i problemi dell'occupazione nelle joint.venture transfrontaliere a velocità e sistemi fiscali differenziati? «C'è spazio per tutti - dice Le Maire - basta trovare un sistema di condivisione corretto ed equo».

 

bruno le maire 2 bruno le maire 2

Certo, fuori gioco la Gran Bretagna e con la Germania alle prese con il dopo Merkel, l'impressione è che Le Maire pensi a una Francia leader comunitaria, nel solco di Macron. Ma se anche così fosse, l'Italia del Next Generation Eu può giocarsi la sua partita, puntando sulle tante eccellenze tecnologiche, nella difesa e sulla forza della manifattura. Dopodiché il tema degli equilibri nella gestione delle partnership italo-francesi resta non tanto uno scenario per l'Europa che verrà, quanto più un problema molto concreto, economico e politico: se la gestione dell'occupazione negli stabilimenti italiani di Stellantis si muove seguendo logiche sociali destabilizzanti, l'obiettivo della competitività internazionale finisce come minimo in secondo piano, sostituito da una grana di dimensioni nazionali.

 

STELLANTIS - PSA FCA STELLANTIS - PSA FCA giancarlo giorgetti bruno le maire giancarlo giorgetti bruno le maire bruno le maire 3 bruno le maire 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

GRILLO VS CONTE: NE RESTERÀ SOLO UNO – BEPPE-MAO CHIEDE UN RITORNO ALLE ORIGINI E RIVENDICA IL LIMITE AI DUE MANDATI, MA PEPPINIELLO APPULO VORREBBE CANCELLARLO PER SEDARE GLI EX BIG M5S FINITI AI MARGINI - CONTE HA CAPITO CHE L’UNICO MODO PER SALVARE LA SUA LEADERSHIP È ANCORARSI AL PD, VISTO CHE GRILLO E RAGGI VOGLIONO UN M5S "NE' DI DESTRA NE' DI SINISTRA" - TRAVAGLIO PROVA A FARE IL PACIERE, MA SI CONTRADDICE: PRIMA DÀ RAGIONE ALL’ELEVATO E ALLA RAGGI SULL’EQUIDISTANZA DEL MOVIMENTO DAI PARTITI. POI RICORDA CHE SENZA ALLEANZE NON CI SAREBBERO STATI REDDITO DI CITTADINANZA E SUPERBONUS – GRILLO E' AVVELENATO: NESSUNO GLI HA MOSTRATO SOLIDARIETÀ PER IL PROCESSO AL FIGLIO CIRO

DAGOREPORT - IL 1 LUGLIO DOVREBBE PARTIRE LA NETCO (EX RETE TIM) TARGATA KKR, E LA SQUADRA È GIÀ PRONTA: IL PRESIDENTE SARÀ MASSIMO SARMI, CARO A GIORGETTI; SIMONE BONANNINI, EX OPEN FIBER E AMICO DEL SOTTOSEGRETARIO ALESSIO BUTTI, DOVREBBE DIVENTARE DIRETTORE COMMERCIALE - PATRIZIA RUTIGLIANO DOVREBBE ESSERE LA CAPA DELLA COMUNICAZIONE - DA TIM DOVREBBERO ARRIVARE ELISABETTA ROMANO COME CTO E GIOVANNI MOGLIA COME DIRETTORE FINANZIARIO - A QUESTO PUNTO LA DOMANDA SORGE SPONTANEA MA AL FUTURO AD, CHE DOVREBBE ESSERE L’EX FERROVIERE LUIGI FERRARIS, GLI FARANNO DECIDERE QUALCOSA? AH SAPERLO…