RUB(L)INETTI CHIUSI! – LA RUSSIA RIDURRÀ LE ESPORTAZIONI DI GAS VERSO L’EUROPA DEL 35% - I GOVERNI DELL’UNIONE ORA DEVONO SPICCIARSI PER TROVARE UN MODO PER SOSTITUIRE I 50 MILARDI DI METRI CUBI DI METANO CHE CI MANDAVA PUTIN – CHE CI FARÀ “MAD-VLAD” CON IL GAS CHE NON VENDERÀ AGLI EUROPEI? FACILE, LO REGALERÀ A XI JINPING CHE RINGRAZIA GLI EUROPEI PER AVER IMPOSTO LE SANZIONI… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Da www.open.online.it

GAS N ROSES - MEME BY CARLI GAS N ROSES - MEME BY CARLI

 

Nel 2022, le esportazioni di gas russo verso l’Unione europea potrebbero diminuire di 50 miliardi di metri cubi. A dichiararlo è Alexander Novak, vice primo ministro russo, che ha citato le stime elaborate dal Ministero dell’Energia. Lo scorso anno, i Paesi del blocco Ue hanno importato in totale 140 miliardi di metri cubi. La riduzione annunciata dal Cremlino, dunque, corrisponderebbe a circa il 35% dell’import totale europeo. Una mossa geopolitica che costringerebbe Bruxelles e i governi europei ad agire con ancora più urgenza per sostituire il flusso di gas russo.

 

I GASDOTTI VERSO L EUROPA I GASDOTTI VERSO L EUROPA

E a farlo in parte stringendo accordi con altri Paesi, in parte spingendo sulle fonti rinnovabili per la produzione di energia elettrica. Mentre i flussi di metano verso l’Europa diminuiscono, la Russia cerca di compensare – almeno in parte – le proprie perdite puntando su altri paesi. Uno su tutti: la Cina. Secondo l’agenzia di stampa russa Tass, il 10 settembre Gazprom ha stabilito un nuovo record giornaliero di forniture di gas verso il Paese asiatico attraverso il gasdotto Power of Siberia. Il governo russo, tuttavia, non ha fornito nessuna cifra relativa alla quantità precisa di gas esportato.

 

putin hacker russi meme putin hacker russi meme meme su vladimir putin e ucraina meme su vladimir putin e ucraina JOE BIDEN VLADIMIR PUTIN MEME JOE BIDEN VLADIMIR PUTIN MEME MEME SU PUTIN E IL GAS MEME SU PUTIN E IL GAS

 

Condividi questo articolo

business

LA PART-ITA VA AVANTI - PROSEGUONO LE TRATTATIVE TRA IL MEF E IL FONDO "CERTARES" CHE È DECISO AD ACQUISTARE IL 50% PIÙ UN'AZIONE DI "ITA AIRWAYS" E LA PROSSIMA SETTIMANA DOVREBBE INCONTRARE I SINDACATI - LE LINEE GUIDA DEL PIANO INDUSTRIALE SONO GIÀ DELINEATE E NON È ESCLUSO L'INGRESSO DI "DELTA" IN "ITA" DEL 10-15%, BASTERÀ PER UNA POLTRONA NEL CDA DELLA COMPAGNIA? - IL FONDO CERTARES PUNTEREBBE A SVILUPPARE NON SOLO LE TRATTE DEL NORD AMERICA MA ANCHE QUELLE DELL'AMERICA LATINA E AFRICANE

TENERE IN PIEDI L'UCRAINA COSTA TROPPO ALL'OCCIDENTE. LA PACE È SOPRATTUTTO UNA QUESTIONE DI SOLDI – IL GOVERNO DI KIEV SPENDE 5 MILIARDI AL MESE SOLO PER PAGARE STIPENDI E PENSIONI. DENARO CHE IN QUESTI MESI È STATO SGANCIATO DA USA E EUROPA (ANCHE SE CON ESTREMA LENTEZZA, TANTO CHE ZELENSKY S'È LAMENTATO CON BRUXELLES). MA NON SARA' POSSIBILE FINANZIARE L'UCRAINA A LUNGO – DOPO IL CONGRESSO DEL PARTITO COMUNISTA CINESE DI META' OTTOBRE E LE ELEZIONI DI MIDTERM AMERICANE, ASSESTATI I DUE BLOCCHI GEOPOLITICI, SARA' IL CASO DI INTAVOLARE SERIAMENTE UNA TRATTATIVA DI PACE...