SOTTO UNA CATTIVA STELLANTIS - L’ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DELLA SOCIETÀ NATA DALLA FUSIONE DI FIAT E PEUGEOT BOCCIA LA POLITICA DI REMUNERAZIONE DEL GRUPPO. NEL MIRINO È FINITO L’AMMINISTRATORE DELEGATO, CARLOS TAVARES, CHE SI INTASCA 19,15 MILIONI DI EURO, MA CONSIDERANDO IL PIANO DI INCENTIVI AL 2028 ARRIVA A 66 MILIONI - L’AZIONISTA DI MINORANZA “PHITRUST” SI È IMPUNTATO E CI SI È BUTTATA A PESCE ANCHE MARINE LE PEN…

-

Condividi questo articolo


Pierluigi Bonora per “il Giornale”

 

carlos tavares carlos tavares

Colpo di scena, ieri, all'assemblea degli azionisti di Stellantis, la prima a regime dopo le nozze tra Fca e Psa avvenute il 16 gennaio 2021. Nel mirino del 52,1% degli investitori presenti, che l'hanno bocciata, è finita la politica di remunerazione del gruppo, in particolare quella dell'ad Carlos Tavares.

 

L'azionista di minoranza PhiTrust, in proposito, ha pubblicato una nota dove critica la remunerazione complessiva del top manager pari a 19,15 milioni. Per la società francese di gestione, la remunerazione per il 2021 può infatti arrivare a essere stimata in 66 milioni considerando il piano di incentivazione al 2028.

 

CARLOS TAVARES JOHN ELKANN - STELLANTIS CARLOS TAVARES JOHN ELKANN - STELLANTIS

«Questa cifra, la più alta tra le imprese francesi e probabilmente tra i gruppi quotati nell'Ue, è giustificata per una persona che non ha creato l'azienda, ma che la gestisce soltanto?», si chiede PhiTrust nella nota.

 

E ancora: «La remunerazione di Tavares è giustificata socialmente, visto che il gruppo dovrà fare probabilmente fronte a una ristrutturazione con tagli ai posti di lavoro, vista la sua sovraccapacità produttiva e la duplicazione di funzioni con la fusione tra Fca e Psa?».

 

Anche la candidata all'Eliseo, Marine Le Pen, è intervenuta sullo stipendio di Tavares, giudicato «scioccante, ma meno rispetto ad altri, visto che per una volta ha ottenuto dei buoni risultati».

CARLOS TAVARES EMMANUEL MACRON CARLOS TAVARES EMMANUEL MACRON

 

Il presidente di Stellantis, John Elkann, è quindi intervenuto spiegando che si tratta di un voto di consultazione, ma non vincolante. «Bisogna tenere conto - ha chiarito Elkann dei risultati record raggiunti nel 2021 e che l'aumento di stipendio di Tavares, rispetto a quello che aveva in Psa, è dovuto al fatto che Stellantis è una azienda diversa e molto più grande».

 

Il gruppo - secondo la relazione finanziaria di Stellantis ha speso nel 2021 per la remunerazione del Cda complessivamente 28,8 milioni, di cui 4,5 milioni per la parte fissa e il resto per i piani di incentivi e compensazioni. Il presidente Elkann ha ricevuto 7,88 milioni e il direttore finanziario Richard Palmer 14,8 milioni.

 

marine le pen a gennevilliers marine le pen a gennevilliers

Mega-compensi a parte, ieri le assemblee della galassia Agnelli hanno approvato la distribuzione dei dividendi: 3,3 miliardi per Stellantis, 250 milioni per Ferrari e 380 milioni per Cnh Industrial.

 

Come annunciato già a novembre alla presentazione del piano strategico, Iveco Group, da poco scorporato da Cnh Industrial e in Borsa da inizio gennaio (ieri +5,99%), per la cedola dovrà invece ancora attendere.

carlos tavares 1 carlos tavares 1 CARLOS TAVARES E MIKE MANLEY ANNUNCIANO LA FUSIONE TRA PSA E FCA CARLOS TAVARES E MIKE MANLEY ANNUNCIANO LA FUSIONE TRA PSA E FCA EMMANUEL MACRON CARLOS TAVARES EMMANUEL MACRON CARLOS TAVARES

 

Condividi questo articolo

business

CHE SUCCEDE CON L’INGRESSO DI ROCCO BASILICO IN DELFIN? – IL FIGLIASTRO DI DEL VECCHIO AVRÀ IL 12,5% DELLA HOLDING DEL PAPERONE DI AGORDO: COME I SEI FIGLI DEL FONDATORE DI LUXOTTICA (E SUA MOGLIE NICOLETTA ZAMPILLO) – GLI OTTO EREDI LITIGHERANNO SULLE STRATEGIE DI GESTIONE DELLE MOLTE PARTECIPAZIONI? SÌ, MA POTRANNO FARE POCO: LA REGOLA DELL’88% DEI VOTI IMPONE L’UNANIMITÀ PER OGNI DECISIONE IMPORTANTE. CON IL RISCHIO, EVIDENTE, CHE LA SOCIETÀ RIMANGA INGESSATA DAI VETI

POI UNO SI CHIEDE PERCHÉ GLI ITALIANI EMIGRANO: DOPO I NO-VAX, ORA ARRIVANO I NO-POS! – DA IERI I COMMERCIANTI CHE NON PERMETTONO AI CLIENTI DI PAGARE CON LA CARTA POTRANNO BECCARSI UNA MULTA, MA LORO SE NE FREGANO BELLAMENTE. LA SCUSA È SEMPRE LA STESSA: LE COMMISSIONI TROPPO ALTE, SOPRATTUTTO PER I MICRO-PAGAMENTI. MA È DAVVERO COSÌ OPPURE VOGLIONO SOLO CONTINUARE A EVADERE? COMUNQUE, IN MOLTI HANNO GIÀ TROVATO UN TRUCCHETTO PER AGGIRARE EVENTUALI CONTROLLI: BASTA DIRE CHE IL POS NON FUNZIONA…

L’INFLAZIONE AUMENTA, IL PORTAFOGLIO SI RESTRINGE – I SALARI RESTANO FERMI MENTRE I PREZZI SCHIZZANO IN ALTO: NEL PRIMO SEMESTRE DEL 2022 UNA FAMIGLIA TIPO È ARRIVATA A PERDERE 2400 EURO DI POTERE D’ACQUISTO. LA SOLUZIONE? PRODOTTI DI BASSA QUALITÀ E/O RIDUZIONE DEI CONSUMI – COTTARELLI TWEET: “NEL 92 IL GOVERNO PRELEVÒ LO 0,6% DEI DEPOSITI, UNA PATRIMONIALE. ANCORA CE LO RICORDIAMO. OGGI, CON TASSI ZERO DEI DEPOSITI, L’INFLAZIONE ALL’8% SIGNIFICA UNA PATRIMONIALE DELL’8%. E NESSUNO SI LAMENTA. MISTERO!”