TATA VUOLE LASCIARE LONDRA IN MUTANDE - IL COLOSSO INDIANO DELLA SIDERURGIA TATA STEEL HA COMUNICATO LA VOLONTÀ DI VENDERE LE SUE ATTIVITÀ NEL REGNO UNITO. SECONDO LE STIME DEL THINK TANK LABURISTA IPPR, SAREBBERO A RISCHIO OLTRE 40 MILA POSTI DI LAVORO

Anna Soubry, ministro all' industria ha escluso la nazionalizzazione, lasciando aperte altre strade tra cui prestiti in attesa di un nuovo acquirente. Al tavolo indiano non ha trovato posto nessun rappresentante del governo britannico, accusato dal leader laburista Jeremy Corbyn di essere allo sbando...

Condividi questo articolo


Gabriele Carrer per “Libero Quotidiano”

RATAN TATA RATAN TATA

 

Il colosso indiano della siderurgia Tata Steel ha comunicato la volontà di vendere le sue attività nel Regno Unito. Secondo le stime del think tank laburista IPPR, sarebbero a rischio oltre 40 mila posti di lavoro, di cui 15 mila dipendenti diretti e 25 mila impiegati nella filiera produttiva. Il gruppo Tata ha ritenuto «insostenibile» la ristrutturazione anche dell' impianto principale a Port Talbot, in Galles, lamentando difficoltà causate dalle importazioni cinesi a basso costo.

RATAN TATA RATAN TATA

 

Anna Soubry, ministro all' industria ha escluso la nazionalizzazione, lasciando aperte altre strade tra cui prestiti in attesa di un nuovo acquirente. Al tavolo indiano non ha trovato posto nessun rappresentante del governo britannico, accusato dal leader laburista Jeremy Corbyn di essere allo sbando.

 

Condividi questo articolo

business

“LA GESTIONE DEI RISCHI LEGALI DI MPS È INSODDISFACENTE” - CI SONO DUE BOMBE PIAZZATE SOTTO ROCCA SALIMBENI: UNA È LA VERITÀ SULLA MORTE DI DAVID ROSSI, L’ALTRA SONO I 6 MILIARDI DI ESPOSIZIONE PER I RISCHI LEGALI PER I PROCESSI A CARICO DI PROFUMO E VIOLA. UN’EREDITÀ CHE PESA COME UN MACIGNO SULLA VENDITA DEL MONTE DEI PASCHI - “VERITÀ & AFFARI” TIRA FUORI UN REPORT “RISERVATO” DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA DEL 5 NOVEMBRE 2019, IN CUI SI METTE ALLA BERLINA LA POLITICA SUI RISCHI OPERATIVI DEL MONTE - LA CONCERTAZIONE PER GLI INCARICHI AGLI AVVOCATI E LE MOSSE DEL NUOVO AD, LUIGI LOVAGLIO…