TIM DA SCORPORO – DOPO LA CACCIATA DELL’AD GUBITOSI, IN USCITA ANCHE IL PRESIDENTE ROSSI. LA NOMINA SPETTA ALLA CDP, COME SECONDA AZIONISTA, MA IL NOME CHE CIRCOLA È QUELLO DI MASSIMO SARMI, SPONSORIZZATO DAL MINISTRO GIORGETTI, CUI È LEGATO DA VECCHIE LIAISON LOBBYSTICHE (VIVENDI COMPRESA) - CDP (E PALAZZO CHIGI) HANNO IN MENTE ALTRI NOMI. IN CORSA CI SONO UN BANCHIERE, UN EX GRAND COMMIS DI STATO, E UN MANAGER MILANESE CHE HA OTTIMI RAPPORTI CON IL SISTEMA BANCARIO COSA CHE, NEL CASO DELL’ANCORA INDEBITATISSIMA TIM, PROPRIO NON GUASTA

-

Condividi questo articolo


Marco Zini per www.tag43.it

 

PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA

Dopo aver lasciato cadere il neanche troppo velato suggerimento del ministro Vittorio Colao a favore dell’uomo di punta di Vodafone (da cui il ministro proviene) ovvero l’attuale ad Aldo Bisio, la scelta dell’amministratore delegato di Tim è pronta ad essere formalizzata.

 

Il prescelto è Pietro Labriola, il manager che prima di Natale era stato chiamato dal Brasile per sostituire Luigi Gubitosi ma nel frattempo era rimasto fermo alla casella della direzione generale, nel colosso telefonico l’attenzione si sposta sulla poltrona del presidente.

salvatore rossi foto di bacco (1) salvatore rossi foto di bacco (1)

 

La quale sarà presto sottratta a Salvatore Rossi, non fosse altro per l’incestuoso rapporto che l’ex direttore generale di Bankitalia ha tenuto fino all’ultimo con Gubitosi. A favore di quale altro nome è destinata quella ambita poltrona? Qualcuno comincia a girare nel gioco del totonomi, ma la scelta non è stata ancora fatta, anche perché i francesi di Vivendi pensano che sia giusto lasciarla al secondo azionista di Tim, la Cdp guidata da Dario Scannapieco.

 

massimo sarmi massimo sarmi

Il quale appare infastidito dal fatto che l’unica candidatura venuta allo scoperto, quella del “rieccolo” Massimo Sarmi, abbia una forte, e soprattutto evidente ai più, marchiatura politica. Per l’ex amministratore delegato di Poste Italiane, infatti, si sta dando un gran da fare il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, cui è legato da vecchie liaison lobbystiche, il quale ha convinto anche Matteo Salvini – ora che sono tornati ad andare d’amore e d’accordo – a fare lo sponsor di Sarmi.

LUIGI GUBITOSI LUIGI GUBITOSI

 

Cosa che irrita non poco Palazzo Chigi, non ultimo lo stesso Mario Draghi che aveva in Giorgetti un punto di riferimento che nel frattempo è andato perduto. Ma Scannapieco non ha certo intenzione di fare come il suo predecessore, Fabrizio Palermo, incline a farsi suggerire da questo o quel politico, da questo o quel ministro, i nomi dei manager da nominare nelle partecipate.

 

giancarlo giorgetti foto di bacco (4) giancarlo giorgetti foto di bacco (4)

Ma se non sarà Sarmi, chi potrebbe prendere il posto di Rossi? Tra via Goito (sede di Cdp) e Corso Italia (quartier generale di Tim) rimbalza più un’idea che non (ancora) un nome: meglio che non sia uno proveniente dal mondo delle telecomunicazioni (come è Sarmi) per evitare che entri in competizione se non in collisione con l’amministratore delegato.

 

dario scannapieco 1 dario scannapieco 1

Meglio che sia uno che conosce i problemi di governance, perché Tim è una società complessa che ha bisogno di un presidente autorevole, di polso. Ma fare nomi adesso equivale a bruciarli, quindi ci limiteremo a dire che in corsa ci sono un banchiere, un ex grand commis di Stato, e un manager milanese che ha ottimi rapporti con il sistema bancario cosa che, nel caso dell’ancora indebitatissima Tim, proprio non guasta.

GIANCARLO GIORGETTI NEGLI STATI UNITI GIANCARLO GIORGETTI NEGLI STATI UNITI pietro labriola pietro labriola Massimo Sarmi Massimo Sarmi giancarlo giorgetti foto di bacco (5) giancarlo giorgetti foto di bacco (5) pietro labriola pietro labriola

 

Condividi questo articolo

business

“L'ALTERNATIVA NON È TRA PACE E CONDIZIONATORI MA FRA PACE E COSA MANGIAMO” - IL “BANCHIERE DI SISTEMA” CARLO MESSINA AVVERTE CHI VUOLE INSEGUIRE BIDEN SULLE SANZIONI A OLTRANZA A PUTIN: “SENZA IL GAS RUSSO ANDREMMO VERSO UNA RECESSIONE CERTA CON UNA PERDITA DI POSTI DI LAVORO SIGNIFICATIVA. UNO SCENARIO DEL GENERE CI VEDREBBE IN SOFFERENZA PER QUALCHE ANNO. PURTROPPO L'AREA DELLA POVERTÀ SI ALLARGHERÀ GIÀ OGGI. DOBBIAMO GUARDARE CON ATTENZIONE A CHI OGGI HA UN REDDITO TRA I 1.500 E I 2.500 EURO AL MESE” - LA BLINDATURA DI DRAGHI A PALAZZO CHIGI: “QUESTO GOVERNO DEVE CONTINUARE NEL SUO LAVORO PERCHÉ STA FACENDO BENE” - LA STILETTATA A COTTARELLI CHE HA INVOCATO LE ELEZIONI IN AUTUNNO: “UNA FESSERIA IL VOTO ANTICIPATO"  

ATTENZIONE ALL’INFLAZIONE! - IL GOVERNATORE DELLA BANCA D’INGHILTERRA, ANDREW BAILEY, LA TOCCA PIANO E PREVEDE AUMENTI “APOCALITTICI” DEI PREZZI DEI GENERI ALIMENTARI: “L’INFLAZIONE RAGGIUNGERÀ IL PICCO DEL 10,25% NELL’ULTIMO TRIMESTRE DEL 2022” - “IL PRINCIPALE MOTORE DELL'INFLAZIONE È IL GRANDISSIMO SHOCK DEL REDDITO REALE CHE PROVIENE DA FORZE ESTERNE E, IN PARTICOLARE, DAI PREZZI DELL'ENERGIA E DAI PREZZI GLOBALI DEI BENI. CIÒ AVRÀ UN IMPATTO SULLA DOMANDA INTERNA E SMORZERÀ L'ATTIVITÀ E TEMO CHE AUMENTERÀ LA DISOCCUPAZIONE. SCUSATE SE SONO APOCALITTICO MA…"