TONONI MISTERY – IL PRESIDENTE DI CDP ERA INTENZIONATO A MOLLARE PER DISSIDI CON L’AD FABRIZIO PALERMO. MA È BASTATO UN INCONTRO CON IL SUO MENTORE GUZZETTI, CHE L’AVREBBE PREGATO DI SOPRASSEDERE ALMENO FINO ALLA ASSEMBLEA DELL’ACRI, DOVE LO STESSO GUZZETTI AVREBBE LASCIATO PER SEMPRE LA PRESIDENZA DOPO MOLTI ANNI, PER STRACCIARE LA LETTERA DI DIMISSIONI. COME MAI?

-

Condividi questo articolo

GUZZETTI GUZZETTI

DAGONEWS

Massimo Tononi, presidente di CDP, circa due settimane fa ha comunicato al suo mentore Guzzetti che si sarebbe dimesso. Le ragioni? Incomunicabilità e incompatibilità con l’AD Fabrizio Palermo. Giuseppe Guzzetti gli ha consigliato di rifletterci ma Tononi è stato irremovibile.

 

MASSIMO TONONI MASSIMO TONONI

Infatti pochi giorni dopo Tononi ha informato della sua decisione Fabrizio Palermo e alcuni consiglieri della CDP. E immediatamente dopo in un incontro con il ministro Tria Massimo Tononi ha chiarito che in occasione dell’assemblea di CDP ai primi di maggio avrebbe rassegnato le proprie dimissioni a causa di una governance opaca della società.

 

Ma nelle ultime ore ci sarebbe stato un ripensamento: un incontro con Guzzetti nel quale quest’ultimo l’avrebbe pregato di soprassedere almeno fino alla assemblea dell’ACRI, l’associazione delle Fondazioni Bancarie, dove lo stesso Guzzetti avrebbe lasciato per sempre la presidenza dopo molti anni. Perché?

FABRIZIO PALERMO FABRIZIO PALERMO

 

Condividi questo articolo

business

SE LONDRA, DOPO LA BREXIT, DIVENTA UN PARADISO FISCALE CHE SUCCEDE ALL’ITALIA? UN DISASTRO - GIÀ OGGI L’OLANDA CI SOTTRAE UN MILIARDO DI ENTRATE FISCALI, L’IRLANDA QUASI 3 E IL LUSSEMBURGO 1,5 - DI SICURO LA "CITY" È AMATA DA MOLTI DEI FINANZIATORI DI ORIGINE INDIANA, MALESE O CINESE DI HONG KONG E BORIS JOHNSON POTREBBE TRASFORMARLA IN UNA SPECIE DI SINGAPORE CON POCHE TASSE PER LE MULTINAZIONALI ESTERE, SCARSA TRASPARENZA, UNA DOSE DI SEGRETO BANCARIO E MOLTA ELASTICITÀ SULLE REGOLE…