I TYCOON CINESI DEVONO ABBASSARE LA CRESTA: COMANDA IL REGIME - JACK MA È PRONTO A RINUNCIARE AL CONTROLLO DI "ANT GROUP", IL BRACCIO DINANZIARIO DI ALIBABA, PER ALLONTANARSI DALL'AZIENDA DI E-COMMERCE - A PESARE SULLA DECISIONE DEL MAGNATE CINESE È LA STRETTA DI PECHINO, CHE HA FATTO BLOCCARE L'IPO DA 37 MILIARDI DI DOLLARI DI ANT A 48 ORE DALLA QUOTAZIONE DELLE AZIONI SUI LISTINI DI SHANGHAI E HONG KONG - IL MILIARDARIO POTREBBE CEDERE IL CONTROLLO TRASFERENDO PARTE DEL POTERE DEI DIRITTI DI VOTO A…

-

Condividi questo articolo


Da “il Giornale”

 

jack ma jack ma

Jack Ma intende rinunciare al controllo della fintech Ant Group nel tentativo di allontanarsi dall'affiliata Alibaba: lo riporta il Wall Street Journal, ricordando che, malgrado possegga solo una partecipazione del 10%, il fondatore del colosso dell'e-commerce esercita il controllo su Ant attraverso entità correlate, secondo il prospetto dell'Ipo della compagnia naufragata a novembre 2020. Il Wsj, in particolare, sottolinea citando fonti anonime che Ma che potrebbe cedere il controllo trasferendo parte del potere dei diritti di voto a funzionari di Ant, tra cui l'amministratore delegato Eric Jing.

 

jack ma jack ma

 L'ex insegnante di inglese ha ristrutturato il suo impero di e-commerce e fintech all'indomani della stretta normativa di Pechino sul settore iniziata alla fine del 2020, quando le autorità di regolamentazione cinesi fecero naufragare l'Ipo dei record da 37 miliardi di dollari di Ant a 48 ore dalla quotazione delle azioni sui listini di Shanghai e Hong Kong.

 

Da allora, Ma ha mantenuto un profilo pubblico estremamente basso, nel mezzo delle indagini antitrust delle autorità cinesi sui colossi tecnologici del Paese dopo anni di una crescita vertiginosa senza grandi regole.

 

jack ma jack ma

Il Wall Street Journal ha anche affermato che Ant aveva informato i funzionari dell'intenzione di Ma mentre l'azienda si preparava a diventare una holding finanziaria regolamentata dalla Banca centrale cinese. Un cambio di controllo in Ant potrebbe rallentare i piani di rilancio dell'Ipo, poiché il mercato interno cinese delle azioni A richiede alle aziende di attendere tre anni dopo un cambio di controllo per quotarsi, che scendono a due anni per il mercato Star di Shanghai e a un anno a Hong Kong.

xi jinping con jack ma xi jinping con jack ma jack ma rockstar durante le celebrazioni per il ventennale di alibaba jack ma rockstar durante le celebrazioni per il ventennale di alibaba jack ma jack ma jack ma 4 jack ma 4 jack ma jack ma jack ma jack ma xi jinping jack ma xi jinping jack ma

 

Condividi questo articolo

business

BUTTI LA RETE (COMINCIAMO BENE...) – IL RESPONSABILE TELECOMUNICAZIONI DI FRATELLI D’ITALIA ALESSIO BUTTI SMENTISCE "IL FOGLIO" SULLA RETE UNICA - "SIAMO FORTEMENTE CONTRARI AL PIANO DI VENDITA DELLA RETE TIM. LA RETE UNICA DEVE RIMANERE IN CAPO A TIM. MA CON CONTROLLO E GESTIONE DI CDP" – CERASA (DIRETTORE DE "IL FOGLIO"): IL PIANO DI FRATELLI D’ITALIA E’ FAR COMPRARE OPEN FIBER A TIM E POI FAR COMPRARE TIM A CDP. MI PARE ISPIRATO AL MODELLO MADURO (NAZIONALIZZARE TUTTO)…

PREPARATEVI A UN AUTUNNO MOLTO CALDO – L’ULTIMO RAPPORTO DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA È UNA DOCCIA FREDDA: NONOSTANTE I DATI POSITIVI DEL PIL, “L’ATTIVITÀ ECONOMICA STA RALLENTANDO”, COME HA SPECIFICATO ANCHE IERI DRAGHI – NEL FRATTEMPO LA BANCA D’INGHILTERRA AUMENTA ANCORA I TASSI, PORTANDOLI ALL’1,75% - I REINVESTIMENTI DELLA LAGARDE, SPACCIATI PER UNA BOCCATA D’OSSIGENO ALL’ITALIA, IN REALTÀ CI RENDONO SEMPRE PIÙ DIPENDENTI DA GERMANIA, OLANDA E FRANCIA…