WÜRSTEL MIT CRAC - LA GERMANIA È IN RECESSIONE TECNICA: A CERTIFICARLO È LA BUNDESBANK, CHE HA RIVELATO CHE IL PRODOTTO INTERNO TEDESCO QUESTA ESTATE POTREBBE ESSERSI CONTRATTO PER IL SECONDO TRIMESTRE CONSECUTIVO - SECONDO LA BANCA CENTRALE TEDESCA “IL FATTORE DECISIVO È LA FLESSIONE NELL’EXPORT”

-

Condividi questo articolo

Riccardo Sorrentino per www.ilsole24ore.com

 

angela merkel angela merkel

Sarà negativo anche il terzo trimestre, ma non sarà una recessione profonda. La Bundesbank, la Banca centrale tedesca, ha rivelato che il prodotto interno lordo della Germania, questa estate, potrebbe essersi contratto per il secondo trimestre consecutivo. È possibile quindi il paese abbia subìto una “recessione tecnica” ma, avverte l’autorità monetaria, si tratta di una contrazione limitata e temporanea dell’attività economica.

 

Debolezza delle esportazioni

MARIO DRAGHI JENS WEIDMANN MARIO DRAGHI JENS WEIDMANN

«Il prodotto tedesco potrebbe essersi contratto ancora, leggermente, nel terzo trimestre del 2019», ha spiegato il rapporto mensile della Bundesbank. «Il fattore decisivo è la continua flessione nei settori orientati alle esportazioni», continua.

 

ANGELA MERKEL TREMA ANGELA MERKEL TREMA GIUSEPPE CONTE E ANGELA MERKEL GIUSEPPE CONTE E ANGELA MERKEL

Pochi segnali di ripresa

È un calo di attività che crea alcuni rischi. «Gli indicatori anticipatori attualmente danno pochi segnali di una ripresa sostenibile nell’export e in una stabilizzazione del settore industriale», e questo aumenta la possibilità «che il rallentamento si estenda ancor di più ai settori più orientati alla domanda interna».

jens weidmann 4 jens weidmann 4 jens weidmann 5 jens weidmann 5 giuseppe conte angela merkel giuseppe conte angela merkel ANGELA MERKEL ANGELA MERKEL

 

Condividi questo articolo

business

MONTE DEI PEGNI – SEI MILIARDI E PASSA DELLO STATO NON SONO SERVITI A NIENTE: DOPO TRE ANNI IN MANO AL TESORO MPS STA MESSA PEGGIO DI PRIMA – A DIRLO SONO I CONTI SEMESTRALI PRESENTATI DAI VERTICI DI ROCCA SALIMBENI, CHE HANNO SPOSTATO IL RITORNO DELL’UTILE DI ALTRI TRE ANNI – E LA FONDAZIONE (EX AZIONISTA DI MAGGIORANZA) CHIEDE 3,8 MILIARDI DI RISARCIMENTO. ORA BISOGNA VENDERLA, MA A QUESTE CONDIZIONI CHI SE LA COMPRA? CONTATTI TRA IL SOTTOSEGRETARIO BARETTA E I FRANCESI DI BNP E CREDIT AGRICOLE 

CHI CONTROLLA LE APP, CONTROLLA IL MONDO - APPLE E GOOGLE HANNO RIMOSSO FORTNITE DAGLI STORE ACCUSANDO LA CASA DI PRODUZIONE “EPIC GAMES” CHE HA "OSATO" UTILIZZARE UN SISTEMA DI PAGAMENTO INTERNO ALL’APP, BYPASSANDO LA COMMISSIONE DEL 30% TRATTENUTA DAI DUE GRUPPI - RISULTATO? CHI VORRÀ SCARICARE IL GIOCO SU UN IPHONE, NON POTRÀ PIÙ FARLO - LA QUESTIONE RIACCENDE IL TEMA, FONDAMENTALE, DEL MONOPOLIO DI APPLE E GOOGLE: CHI NON SI ADEGUA AGLI STANDARD O NON PAGA QUEL CHE VIENE CHIESTO, È FUORI - LA VIDEO DENUNCIA DI "EPIC GAMES"