VAFFANBAKA! – LANNUTTI (ADUSBEF) SGANCIA LA BOMBA: “NON SARÀ IL CASO CHE LA BCE COMMISSARI UNICREDIT, VISTO CHE PALENZONA E ALCUNI MANAGER SONO ACCUSATI DI FAVOREGGIAMENTO MAFIOSO? – DAL 2016, PER GLI ERRORI DEI MANAGER E DELLA VIGILANZA, PAGHERANNO ANCHE AZIONISTI, OBBLIGAZIONISTI E CLIENTI

“La Banca d’Italia ha finora commissariato alcune banche solide e con i conti in ordine, come la Bene Banca di Bene Vagenna e la Banca Popolare di Spoleto, per salvare banche più amiche, non peritandosi mai di commissariare - tra le 16 in amministrazione straordinaria- banche come Mps e Carige, che avevano gestioni creditizie molto più scellerate delle altre”…

Condividi questo articolo


Elio Lannutti Elio Lannutti

Nota di Elio Lannutti, presidente di Adusbef   

 

Dopo gli arresti di Giovanni Berneschi, ex vice presidente Abi e padre padrone di Carige, le indagini per usura su alcuni importanti banchieri, l’ultimo scandalo della Banca Popolare di Vicenza di Giovanni Zonin, arrivano le indagini  sul vicepresidente di Unicredit Fabrizio Palenzona, accusato di reati finanziari aggravati dal favoreggiamento a Cosa nostra, nell’inchiesta dell’antimafia sui presunti fiancheggiatori del super latitante Matteo Messina Denaro.

 

     Spulciando tra le oltre 8.000 pagine di pagine di carte dell' inchiesta sul costruttore trapanese Andrea Bulgarella e Fabrizio Palenzona, "uno dei tre uomini più potenti in Italia", come dicono alcuni degli intercettati, dato che è vice presidente di Unicredit (dopo aver cominciato come camionista), Giorgio Meletti racconta oggi sul Fatto Quotidiano la storia di Bulgarella, trapiantato a Pisa, ritenuto dagli inquirenti un fiancheggiatore di Matteo Messina Denaro.

 

Lui si difende dicendo che nel fascicolo della procura non c' è alcun elemento che assuma rilevanza penale e che non ha mai avuto rapporti con mafiosi. Racconta Angelo Siino, pentito, considerato il "ministro dei lavori pubblici di Cosa nostra" su Bulgarella: "Decise di lasciare il settore degli appalti nell' edilizia pubblica perché c' era troppo controllo da parte dei magistrati, si buttò nell' edilizia privata, ma passando dalla Sicilia alla Toscana". Siino dice ai pm che "Matteo Messina Denaro ha raccomandato Bulgarella per le forniture di cemento".

 

PALENZONA DDA PALENZONA DDA

Anche un altro pentito, Giovanni Brusca, parla di Bulgarella, a proposito del contenzioso su una tonnara di San Vito Lo Capo alla quale era interessato anche Bernardo Provenzano: "Bulgarella aveva costruito un residence nella zona, e un' altra tonnara bellissima". A seguire gli interessi in Sicilia Occidentale di Bulgarella è sempre il cognato, Giuseppe Poma, ex vice presidente provincia di Trapani, che sul territorio si avvale di Franco Daidone, politico Udc.

 

PALENZONA PALENZONA GHIZZONI MONTEZEMOLO GHIZZONI MONTEZEMOLO

La Banca d’Italia ha finora commissariato alcune banche solide e con i conti in ordine, come la Bene Banca di Bene Vagenna, la Banca Popolare di Spoleto, per salvare banche più amiche, non peritandosi mai di commissariare - tra le 16 in amministrazione straordinaria-  banche come Mps e Carige, che avevano gestioni creditizie molto più scellerate delle altre.

 

Oggi con la vigilanza europea, il compito di commissariare le maggiori banche, spetta alla Bce. Vediamo quali poteri eserciterà il Presidente Mario Draghi su Unicredit, una delle maggiori banche accusata di infiltrazioni mafiose, i cui vertici (Fabrizio Ghizzoni, eletto ai vertici grazie ai suoi buoni uffici) non solo hanno minimizzato sul ruolo di Palenzona, ma lo hanno anche difeso.  Non è arrivato il tempo, dato che dal 1 gennaio 2016, saranno azionisti, obbligazionisti e depositanti a dover pagare per crac e dissesti bancari e per l’omessa vigilanza i gravissimi errori nella gestione creditizia del credito e del risparmio ?

mario draghi bazooka mario draghi bazooka

 

 

 

Condividi questo articolo

business

LONDON CRAC! – ALLA FACCIA DELLA RETORICA BELLICISTICA DI BORIS JOHNSON, I CITTADINI SONO ALLE PRESE CON GLI EFFETTI PRATICI DELLA GUERRA IN UCRAINA: PREZZI CHE SCHIZZANO E RECESSIONE ALLE PORTE – L’ALLARME SUI RINCARI “APOCALITTICI” DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D’INGHILTERRA RISUONA FORTE NEL PAESE, MENTRE LE PERSONE INIZIANO A RAZIONARE IL CIBO. E A METTERE IN DISCUSSIONE LA BREXIT. IL RISCHIO È CHE L'ISOLATISSIMO REGNO UNITO DIVENTI UN PARADISO FISCALE PER RICCHI ELUSORI FISCALI, CHE LASCIA I POVERI MORIRE DI FAME...

SI METTE MALE PER XI JINPING: L’ECONOMIA CINESE DÀ SEGNALI MOLTO PREOCCUPANTI, PROPRIO ALLA VIGILIA DEL CONGRESSO CHE DOVREBBE DARGLI IL TERZO MANDATO. MA È COLPA SUA: INSISTE CON LA STRATEGIA DELLO “ZERO COVID” BLOCCANDO I RIFORNIMENTI A MEZZO MONDO E FACENDO CROLLARE LE VENDITE AL DETTAGLIO - SOLO CHE GLI INVESTITORI STRANIERI  NON SONO FESSI E SCAPPANO: SOLO AD APRILE, CI SONO STATE CESSIONI PER 16 MILIARDI DI DOLLARI DI DEBITO CINESE, E GLI INVESTIMENTI ESTERI DIRETTI SONO COLATI A PICCO

DOPO LA GUERRA, RISCHIAMO LA CARESTIA – SENZA LA RIAPERTURA DEI TRAFFICI DI CEREALI DALL’UCRAINA, MILIONI DI PERSONE IN AFRICA E MEDIO ORIENTE RISCHIANO LA FAME! COME FARE? L’EUROPA STA CERCANDO DI AGGIRARE IL BLOCCO DEI PORTI PER SALVARE I 30 MILIONI DI TONNELLATE DI PRODOTTI BLOCCATI DAI RUSSI, METTENDO A DISPOSIZIONE LE CITTÀ ROMENE, POLACCHE E BULGARE CHE SI AFFACCIANO SUL MAR NERO. L’ALTERNATIVA È LA ROTTA BALTICA, MA DI MEZZO C’È LA BIELORUSSIA DI LUKASHENKO…