DAGOGAMES BY FEDERICO ERCOLE - DOPO L’INVENZIONE DI NINTENDO E LA PARZIALE DELUSIONE DI SONY, ECCO L’AVVENTO DI UNA NUOVA MINI-CONSOLE, QUESTA VOLTA DI SEGA: IL MEGA DRIVE MINI - GIÀ PERCHÉ UNA VOLTA SEGA FACEVA CONSOLE ED ERANO BELLISSIME,  NON SOLO PER UN’ESTETICA PIÙ AVVENIRISTICA E SCI-FI DI QUELLA DELLA CONCORRENZA, MA PER IL CONTENUTO VIDEOGIOCOSO VARIO, SPASSOSO E ISPIRATO CHE PER QUALCHE ANNO CONTESE LA SUPREMAZIA DI NINTENDO… - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

Federico Ercole per Dagospia

 

Dopo l’invenzione di Nintendo e la parziale delusione di Sony, ecco l’avvento di una nuova mini-console, questa volta di Sega: il Mega Drive. Già perché una volta Sega faceva console, giocatrici e giocatori giovani e novelli, assai prima di Playstation e di Xbox. Ed erano console bellissime,  non solo per un’estetica più avveniristica e sci-fi di quella delle macchine della concorrenza, ma per il contenuto videogiocoso vario, spassoso e ispirato che per qualche anno contese (o meglio arrivò quasi a contendere) la supremazia di Nintendo.

MINI MEGA DRIVE MINI MEGA DRIVE

 

Si torna dunque agli inizi negli anni ’90, durante l’epoca dorata dei 16 bit, e aprire la scatola di questa versione minuta del Megadrive desta un sentimento di nostalgia e tenerezza, facendoci sentire troppo grandi e persino troppo vecchi di fronte a tanta piccolezza dal passato.

 

Ci si accorge subito tuttavia, riacquistando un composto distacco, che questa versione miniaturizzata è stata assemblata con un amore per il dettaglio che le altre della concorrenza non hanno, limitandosi a riprodurre una superficie. Si tratta di dettagli per appassionati malinconici come la possibilità di accedere davvero al vano cartucce della console o alla regolazione del volume per gli auricolari, cose del tutto inutili nella loro funzione di mero orpello, ma che trasformano il mini Mega Drive in un oggetto più verosimile e sofisticato, meno monolitico dei piccoli di Nintendo.

 

Per il resto la “consoletta” di Sega funziona come quelle già uscite della concorrenza: si alimenta direttamente dalla televisione con un cavo USB, vi si collega con un HDMI e nella scatola ci sono due controller. Mini Mega Drive costa di più delle altre, attorno agli 80 euro, soprattutto molto più di mini-Playstation che ora si trova scontatissima a causa dello scarso successo, ma la sua offerta ludica è numericamente superiore di parecchio, offrendo al suo interno 42 giochi.

MINI MEGA DRIVE MINI MEGA DRIVE

 

LUNA PARK A 16 BIT

Come sempre, quando si è di fronte ad un panorama di così tanti titoli, si esperisce una vaga soggezione o si corre il rischio di provarli uno dopo l’altro con ossessiva sterilità emotiva, non approfondendo niente e annoiandosi poco dopo. Bisognerebbe invece sapersi arrestare su uno o solo pochissimi videogiochi, gustandoli, portandoli a termine, perché così la mini console acquista il suo giusto valore storico ed enciclopedico, oltre che ludico.

 

Ma dove cominciare? Dipende dai gusti e nel mini Mega Drive ce n’è per quasi tutti, tranne che per gli amanti degli sport elettronici, il retro-genere latitante.

 

Avventurosi “platform” bidimensionali profondi, graziosi e ostici come i due disneyani Castle of Illusion e World of Illusion con Topolino e Paperino; le mirabili imprese di Alex Kidd sul pianeta Paperrock in The Enchanted Castle; il verminoso, dissacrante e originale Earthworm Jim; il geniale gioco nel videogioco Kid Chameleon e le sue maschere;  il micidiale ed esaltante Shinobi 3; il marziale e avveniristico Strider; l’acquatico e meraviglioso (non si salta ovviamente, ma si nuota) Ecco the Dolphin; il raro fantasy di Game Arts dal titolo Alisia Dragoon; il fantastico Monster World IV con Asha dai capelli verdi. E non poteva mancare Sonic, quello di un tempo, l’ipercinetico porcospino che arrivò quasi a pretendere (poi fallendo) il trono di icona videoludica universale appartenuto all’idraulico  Mario. Ancora oggi Sonic the Hedgehog 1 e 2 sono due “platform” strabilianti e originali, irripetibili nella loro unicità e identità.

MINI MEGA DRIVE MINI MEGA DRIVE

 

Ci sono anche preziosi e lunghi giochi di ruolo come Fantasy Star IV, epopea tra fantascienza e fantasy squisitamente classica nei suoi combattimenti a turni, il più strategico Shining Force e lo “pseudo-Zelda” Landstalkers, tre videogame che vi impegneranno per ore.   Ci sono  “picchiaduro” leggendari sia a scorrimento che a incontri, come Streets of Rage 2 e Virtua Fighter 2; “sparatutto” 2D come Gunstar Heores o il sorprendente (e a sorpresa) Darius. E tanto altro, da scoprire, da amare, da ricordare, perché ancora una volta è necessario ribadire che i grandi videogiochi non invecchiano mai. E c’è anche Tetris!

 

LA PIU’ BELLA DELLE PICCOLE?

MINI MEGA DRIVE MINI MEGA DRIVE

E’ duro rivaleggiare con la ricchezza e l’arte travolgente contenuta all’interno del mini Super Nintendo, ma la piccola Mega Drive è la mini più generosa come quantità d’offerta, e la qualità dei suoi titoli è comunque eccezionale, in alcuni casi fonte di piacevoli scoperte.

 

Ma se si considera la retro-poetica del suo menù, con una musica originale composta per l’occasione da Yuzo Koshiro di Street of Rage, la cura appassionata riposta nei dettagli della sua forma di plastica e  la selezione intelligente delle opere, allora questa minuta Mega Drive vince davvero il titolo di Regina delle Mini. Brava Sega e sì, ci mancano le tue console.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

DAGOREPORT - I SOLDI C’ENTRANO POCO COL DEFENESTRAMENTO DEL CARDINALE ANGELO BECCIU - IN BALLO C’È L’ELEZIONE DEL PROSSIMO PAPA DA CUI RESTA ESCLUSO, MENTRE ERA UN CANDIDATO MOLTO SERIO. FINCHÉ QUALCHE NEMICO HA CONFEZIONATO UN POLPETTONE TALMENTE AVVELENATO DA FAR DIMENTICARE AL PONTEFICE IL GARANTISMO E LA MISERICORDIA, RISERVATI PERÒ SOLO AD ALCUNI, COME IL SUO AMICO MONS. GUSTAVO ZANCHETTA, EX VESCOVO ARGENTINO CHIAMATO DA FRANCESCO IN VATICANO COME ASSESSORE DELL’APSA E POI COLPITO DA MANDATO DI CATTURA INTERNAZIONALE PER PRESUNTI ILLECITI FINANZIARI E PER ABUSI SU DUE SEMINARISTI

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

LA SECONDA ONDATA LA AFFRONTIAMO ALLA SVEDESE? - CRESCE LA RABBIA IN EUROPA PER LE MISURE ANTI-COVID. DALLA FRONDA MARSIGLIESE AI ''GIÙ LA MASCHERA'' SPAGNOLI, ANCHE IN GERMANIA C'È UN MOVIMENTO CHE VUOLE LIMITARE LE RESTRIZIONI, E I PRESIDENTI DI DUE LANDER SONO CONTRARI A UN INASPRIMENTO DELLE MISURE - NON SI TRATTA SOLO DI NO-VAX E NO-MASK, MA ANCHE DI PERSONE CHE VOGLIONO ADOTTARE IL MODELLO SVEDESE (MENO MORTI DELL'ITALIA IN RAPPORTO ALLA POPOLAZIONE PUR AVENDO EVITATO IL LOCKDOWN)