ANCHE DALL'AL DI LA', REMOTTI FA LI BOTTI - AL MAXXI PRESENTAZIONE DEL DOCUMENTARIO DI SKY ARTE  “HO RUBATO LA MARMELLATA'' - VITA, OPERE E SANA VOLGARITA' DI UN ARTISTA POLITICAMENTE SCORRETTISSIMO” - POETA, SCRITTORE, ATTORE, MUSICISTA, ARTISTA UNDERGROUND, I FILM CON NANNI MORETTI E QUELLI CON SCOLA, COPPOLA E VERDONE - GALLERY E VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

 

Federica Rinaudo per “il Messaggero - Roma”

roberto meddi, roberto cicutto, gioia magrini, federica remotti, luisa pistoia, laura delli colli roberto meddi, roberto cicutto, gioia magrini, federica remotti, luisa pistoia, laura delli colli

 

Una vita avventurosa, di quelle al limite, ma ricca di passioni autentiche per l’arte, in tutte le sue declinazioni, e per la sua città. E’ un racconto emozionante, intenso , vivo, quello che ha coinvolto i numerosi ospiti al Maxxi in occasione dell’Extra Doc Festival curato da Mario Sesti per la presentazione del film/documentario, “Ho rubato la marmellata Vita di un artista politicamente scorretto”, dedicato a Remo Remotti, artista romano eclettico e irriverente considerato idolo underground dai giovani, che ha lasciato le sue tracce indelebili nell’universo artistico tra pittura, cinema, teatro, musica.

roberto cicutto, mario sesti e laura delli colli roberto cicutto, mario sesti e laura delli colli

 

Gli applausi generosi della platea hanno sottolineato la commozione della figlia Federica salita sul palco per ricordare, nella doppia veste di familiare e produttrice della pellicola (per la regia di Gioia Magrini e Roberto Meddi), la figura di un uomo speciale che il grande pubblico ha potuto ammirare come presenza costante nei film di Nanni Moretti, ma anche in tanti altri successi cinematografici firmati da importanti registi, tra cui: Francis Ford Coppola, Ettore Scola, i fratelli Taviani, Nanni Loy, Carlo Mazzacurati, Carlo Verdone e Massimiliano Bruno, tra i primi ad arrivare nello spazio del Museo nazionale delle arti del XXI secolo in via Guido Reni.

paola mammini e laura delli colli paola mammini e laura delli colli

 

La pioggia battente non ha impedito di celebrare il personaggio tutto genio e sregolatezza che era Remotti e il via vai di ospiti ha confermato il calore, l’amicizia sincera che lo hanno accompagnato per tutta la vita. Tra i presenti: l’amico di sempre il regista Egidio Eronico, lo stesso Mario Sesti, Carlo degli Esposti.

 

ninni e assai bruschetta ninni e assai bruschetta

Accolti dal presidente dell’Istituto Luce - Cinecittà, Roberto Cicutto, ecco: Ninni Bruschetta, Tosca D’Aquino, in casual-chic dalle sfumature blu e grigio, Lidia Ravera, Lillo, al secolo Pasquale Petrolo, in compagnia della moglie Tiziana, che preferisce evitare l’obiettivo dei fotografi, Laura Delli Colli. Fotografatissima l’affascinante Flora Canto, ma ci sono anche Magico Alivernini, Stefano D’Orazi, Marco Giusti, Elena Radonicich e tanti altri.

massimo nunzi, ninni e assia bruschetta massimo nunzi, ninni e assia bruschetta elena radonicich (2) elena radonicich (2) elena radonicich elena radonicich cecilia mugnaini federica lucisano massimiliano bruno e sara baccarini cecilia mugnaini federica lucisano massimiliano bruno e sara baccarini marlon pellegrini, elena radonicich e mario sesti marlon pellegrini, elena radonicich e mario sesti mario sesti mario sesti federica remotti gioia magrini, mario sesti, roberto meddi, roberto pisoni federica remotti gioia magrini, mario sesti, roberto meddi, roberto pisoni federica remotti federica remotti massimiliano bruno massimiliano bruno

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP