CAFONALINO - DA MALAGO’ ALLA PRESTIGIACOMO, DA CICCHITTO A VARRIALE FINO ALLA SOLITA VAGONATA DI GNOCCHETTE: BRINDISI CON LE BOLLICINE A ROMA PER IL COMPLEANNO TRICOLORE DELLA COCA COLA CHE FA 90 ANNI - L’AZIENDA HA APERTO IL SUO PRIMO STABILIMENTO A ROMA NEL 1927- VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Foto di Luciano Di Bacco

Luisa Mosello per “il Messaggero”

bicicletta d epoca per il trasporto bicicletta d epoca per il trasporto

 

Novant' anni tutti d' un sorso. Da bere senza indugi, guardando e brindando al domani. Come hanno fatto ieri sera i 300invitati alla festa per il compleanno tricolore della Coca Cola. Ad essere celebrato l' anniversario quasi centenario della presenza in Italia di un marchio storico da sempre proteso verso il futuro. Non a caso è stata scelta una location avveniristica nel cuore della Città Eterna. Lì a toccare il cielo con un bicchiere erano in tanti.

kees jan de vries giovanni malago kees jan de vries giovanni malago

 

Fra video installazioni e dj set che hanno ripercorso le tappe più significative dell' azienda che ha aperto il suo primo stabilimento nel 1927 a Roma. Ed è diventata parte integrante del tessuto economico e sociale, grazie al forte legame con le realtà locali, con più di millepartner e fornitori e oltre 2000 dipendenti da nord a sud.

 

invitate al party dei 90 anni della coca cola (2) invitate al party dei 90 anni della coca cola (2)

Ad accogliere gli ospiti, tra cui Giovanni Malagó, Stefania Prestigiacomo, Fabrizio Cicchitto e Enrico Varriale, imprenditori, politici e tanti cola-fan, il management al gran completo, dal Direttore generale Kees-Jan de Vries a Cristina Broch e Giangiacomo Pierini, a Luca Busi Ad di Sibeg. 

 

Brindisi a base di bollicine sì ma della bevanda più imitata al mondo, taglio della torta a forma di penisola italica e la festa è servita. Su un piatto non d' argento ma dagli inconfondibili colori tutti da bere.

via del corso vista dalla terrazza della lanterna di fuksas via del corso vista dalla terrazza della lanterna di fuksas ilenia egher ernesto carbone benedetta rizzo ilenia egher ernesto carbone benedetta rizzo alessandro cattaneo alessandro cattaneo andrea balzanetti piercarlo presutti andrea balzanetti piercarlo presutti alessia morani alessia morani bottiglie di coca cola ghiacciate bottiglie di coca cola ghiacciate antonella madeo carlo guarino antonella madeo carlo guarino antonio melidoni piero tatafiore antonio melidoni piero tatafiore carlo gambalonga enrico varriale imma marra carlo gambalonga enrico varriale imma marra invitate al party dei 90 anni della coca cola (3) invitate al party dei 90 anni della coca cola (3) kees jan de vries saluta gli ospiti (2) kees jan de vries saluta gli ospiti (2) cesare mancini valeria carlucci cesare mancini valeria carlucci ernesto carbone ignazio abrignani ernesto carbone ignazio abrignani federica chiappetta federica chiappetta giovanni casu anna ascani alessandro cattaneo giovanni casu anna ascani alessandro cattaneo goffredo de marchis alberto di majo goffredo de marchis alberto di majo guido castelli guido castelli ignazio abrignani giovanni malago ignazio abrignani giovanni malago ignazio abrignani veronica pamio ignazio abrignani veronica pamio invitate al party dei 90 anni della coca cola (1) invitate al party dei 90 anni della coca cola (1) kees jan de vries saluta gli ospiti (1) kees jan de vries saluta gli ospiti (1) kees jan de vries giovanni malago vittorio cino cristina broch kees jan de vries giovanni malago vittorio cino cristina broch invitata al party dei 90 anni della coca cola invitata al party dei 90 anni della coca cola kees jan de vries stefania prestigiacomo kees jan de vries stefania prestigiacomo paolo messa con la moglie annamaria paolo messa con la moglie annamaria keikoe keikoe paolo messa mario benedetto paolo messa mario benedetto stefania prestigiacomo col figlio gianmaria stefania prestigiacomo col figlio gianmaria vanessa fernandes e youma vanessa fernandes e youma

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP