CAFONALINO – FILIPPO CECCARELLI E LORENZA FOSCHINI PRESENTANO “IL ROMANZO DI BENITO” DI PASQUALE CHESSA: UN’INDAGINE SUI FALSI DIARI DEL DUCE E SULLE LEGGENDE CHE GIRANO INTORNO A MUSSOLINI – PINO CORRIAS, BRUNO MANFELLOTTO, CLAUDIO STRINATI: TUTTI GLI OSPITI DELLA SERATA

-

Condividi questo articolo


Foto di Luciano Di Bacco per "Dagospia"

Da www.tgcom24.mediaset.it

 

filippo ceccarelli lorenza foschini filippo ceccarelli lorenza foschini

L'era delle fake news parte da lontano, dal Dopoguerra, e viene indagata ne "Il romanzo di Benito. La vera storia dei falsi Mussolini" (Utet) del giornalista e storico Pasquale Chessa. L'autore, nella sua ultima fatica letteraria, indaga la vicenda di quei diari attribuiti al Duce che di tanto in tanto riemergono dal passato e nei quali va individuato l'errore, che è il marchio del falsario. L'insegnamento seguito è quello di Renzo De Felice, storico del fascismo.

enrica toninelli pasquale chessa marcelle padovani enrica toninelli pasquale chessa marcelle padovani

 

Così emerge che quelle agende non solo tracciavano l'improbabile ritratto di un Mussolini pacifista e antitedesco, persino contrario alle leggi razziali, ma erano anche piene di goffe incongruenze. Eppure queste pagine non rappresentano che uno dei tasselli che compongono le leggende mussoliniane che hanno attraversato carsicamente l'Italia del Dopoguerra.

bruno manfellotto pasquale chessa bruno manfellotto pasquale chessa

 

Fake news come le molte morti del Duce, i suoi mille possibili assassini, ognuno con almeno due o tre vere identità, e gli innumerevoli segreti e complotti, dal malfamato oro di Dongo al famigerato carteggio con Churchill.

 

siegmund ginzberg pasquale chessa valentino orsolino cencelli siegmund ginzberg pasquale chessa valentino orsolino cencelli

Pasquale Chessa racconta queste narrazioni una a una, ne intreccia genesi e filiazioni, rivela scoop storici, distribuendo meriti e colpe tra una degna schiera di comprimari e comparse: gerarchi redivivi e partigiani fedifraghi, spie fasciste, sedicenti nobili e veri baronetti inglesi, signore di provincia dalla grafia dannunziana, giornalisti d'assalto, storici incauti, mafiosi e "dongologi" di ogni risma.

pasquale chessa claudio strinati annarosa mattei pasquale chessa claudio strinati annarosa mattei

 

"Il romanzo di Benito" mette così ordine in una trama intricata dove resoconti fantasiosi intessuti di piccole verità si sovrappongono a racconti verosimili che ingarbugliano il quadro, tra giornali e rotocalchi, pamphlet più o meno clandestini e pseudo-testamenti morali.

libro presentato libro presentato pasquale chessa con lisa carboni pasquale chessa con lisa carboni annarosa mattei andrea cane claudio strinati annarosa mattei andrea cane claudio strinati filippo ceccarelli bruno manfellotto filippo ceccarelli bruno manfellotto emanuela parra micol veller emanuela parra micol veller pino corrias pino corrias paolo franchi paolo franchi paolo franchi pasquale chessa paolo franchi pasquale chessa annalisa landolfi annalisa landolfi pasquale chessa angelo bucarelli pasquale chessa angelo bucarelli casu e mario segni casu e mario segni andrea cane lorenza foschini andrea cane lorenza foschini giacomo marramao giacomo marramao siegmund ginzberg andrea cane siegmund ginzberg andrea cane

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! LA VENDETTA DEL CALTA – DOPO AVER RICEVUTO DUE PORTE IN FACCIA AL TENTATIVO DI CONQUISTARE PRIMA GENERALI E POI MEDIOBANCA, IL COLPO FATALE AI SOGNI DI GLORIA VENEZIANI DI CALTAGIRONE È STATO AFFONDATO DA “FURBIZIO” PALENZONA, CHE HA SPOSTATO CRT E BENETTON A SUPPORTO DI DONNET E NAGEL - CON MILLERI CHE SI SAREBBE RIAVVICINATO A NAGEL, CALTA “HA RIMASTO” SOLO CON FAZZOLARI A TRASTULLARSI COL DL CAPITALI – QUANDO LA MILIARDARIA VENDITA DELLA PRELIOS DI PALENZONA AL PIGNATARO RIMANE INCAGLIATA, PARTE LA VENDETTA DI CALTA. E SUL SUO “MESSAGGERO” DI IERI….

DAGOREPORT! - TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. AVVISATE I CITTADINI ABRUZZESI: IL CICLONE SARDO AVANZA E NON PERDONA - SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO, IL DISTACCO CHE SEPARA IL MELONE MARSILIO DAL CAMPO LARGHISSIMO DI D’AMICO SI È RIDOTTO ALLA MISERIA DELL’1,2% (APPENA QUATTRO MESI FA IN ABRUZZO LA DESTRA GODEVA DI UN VANTAGGIO DI BEN 20 PUNTI) - PARADOSSALMENTE, IN CASO DI DISFATTA, CON DUCETTA RIBASTONATA, PER MATTEO SALVINI POTREBBE ESSERE L’OCCASIONE DI AVER MAGGIOR POTERE NEL GOVERNO (FERROVIE, CDP, AISI) - SE INVECE “FASCIO TUTTO IO!” VINCE CON IL SUO MARSILIO, PER IL CAPITONE SI AVVICINA IL CAPOLINEA - A QUEL PUNTO TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANCHE CHE GLI PARTA L’EMBOLO DI UN PAPEETE2 SFANCULANDO IL GOVERNO MELONI (QUANTI PARLAMENTARI LO SEGUIREBBERO, SAPENDO CHE IN CASO DI VOTO ANTICIPATO, QUELLO SCRANNO NON LO VEDREBBERO PIÙ?)

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…