CAFONALINO – FILIPPO CECCARELLI E LORENZA FOSCHINI PRESENTANO “IL ROMANZO DI BENITO” DI PASQUALE CHESSA: UN’INDAGINE SUI FALSI DIARI DEL DUCE E SULLE LEGGENDE CHE GIRANO INTORNO A MUSSOLINI – PINO CORRIAS, BRUNO MANFELLOTTO, CLAUDIO STRINATI: TUTTI GLI OSPITI DELLA SERATA

-

Condividi questo articolo

Foto di Luciano Di Bacco per "Dagospia"

Da www.tgcom24.mediaset.it

 

filippo ceccarelli lorenza foschini filippo ceccarelli lorenza foschini

L'era delle fake news parte da lontano, dal Dopoguerra, e viene indagata ne "Il romanzo di Benito. La vera storia dei falsi Mussolini" (Utet) del giornalista e storico Pasquale Chessa. L'autore, nella sua ultima fatica letteraria, indaga la vicenda di quei diari attribuiti al Duce che di tanto in tanto riemergono dal passato e nei quali va individuato l'errore, che è il marchio del falsario. L'insegnamento seguito è quello di Renzo De Felice, storico del fascismo.

enrica toninelli pasquale chessa marcelle padovani enrica toninelli pasquale chessa marcelle padovani

 

Così emerge che quelle agende non solo tracciavano l'improbabile ritratto di un Mussolini pacifista e antitedesco, persino contrario alle leggi razziali, ma erano anche piene di goffe incongruenze. Eppure queste pagine non rappresentano che uno dei tasselli che compongono le leggende mussoliniane che hanno attraversato carsicamente l'Italia del Dopoguerra.

bruno manfellotto pasquale chessa bruno manfellotto pasquale chessa

 

Fake news come le molte morti del Duce, i suoi mille possibili assassini, ognuno con almeno due o tre vere identità, e gli innumerevoli segreti e complotti, dal malfamato oro di Dongo al famigerato carteggio con Churchill.

 

siegmund ginzberg pasquale chessa valentino orsolino cencelli siegmund ginzberg pasquale chessa valentino orsolino cencelli

Pasquale Chessa racconta queste narrazioni una a una, ne intreccia genesi e filiazioni, rivela scoop storici, distribuendo meriti e colpe tra una degna schiera di comprimari e comparse: gerarchi redivivi e partigiani fedifraghi, spie fasciste, sedicenti nobili e veri baronetti inglesi, signore di provincia dalla grafia dannunziana, giornalisti d'assalto, storici incauti, mafiosi e "dongologi" di ogni risma.

pasquale chessa claudio strinati annarosa mattei pasquale chessa claudio strinati annarosa mattei

 

"Il romanzo di Benito" mette così ordine in una trama intricata dove resoconti fantasiosi intessuti di piccole verità si sovrappongono a racconti verosimili che ingarbugliano il quadro, tra giornali e rotocalchi, pamphlet più o meno clandestini e pseudo-testamenti morali.

libro presentato libro presentato pasquale chessa con lisa carboni pasquale chessa con lisa carboni annarosa mattei andrea cane claudio strinati annarosa mattei andrea cane claudio strinati filippo ceccarelli bruno manfellotto filippo ceccarelli bruno manfellotto emanuela parra micol veller emanuela parra micol veller pino corrias pino corrias paolo franchi paolo franchi paolo franchi pasquale chessa paolo franchi pasquale chessa annalisa landolfi annalisa landolfi pasquale chessa angelo bucarelli pasquale chessa angelo bucarelli casu e mario segni casu e mario segni andrea cane lorenza foschini andrea cane lorenza foschini giacomo marramao giacomo marramao siegmund ginzberg andrea cane siegmund ginzberg andrea cane

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

L'ITALIA NON POTRA' RISPETTARE I TEMPI DELLA CAMPAGNA VACCINALE. E SAPETE PERCHE'? PERCHE L'UE HA FIRMATO CONTRATTI CAPESTRO CON PFIZER E LE ALTRE CASE FARMACEUTICHE: NON SONO PREVISTE PENALI AUTOMATICHE IN CASO DI INADEMPIENZE E QUESTO "PERMETTE" ALLE MULTINAZIONALI VIOLAZIONI DIFFICILI DA CONTESTARE E CONTRASTARE - NEL CONTRATTI SI PARLA DI "DOSI" E NON DI FIALE E LE PENALI SONO SOLO SULLE FORNITURE TRIMESTRALE E NON SU QUELLE SETTIMANALI. LA VERA MANNA PER I GRUPPI E' LA CLAUSOLA DI SALVAGUARDIA IN CASO DI INADEMPIENZA...

business

cronache

sport

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute