1. LO HUMOUR INGLESE SI SCAGLIA ANCHE SUL ROYAL BABY: A COLPI DI FOTOMONTAGGI 2. NON SONO MANCATI BATTUTE, CURIOSE PUBBLICITÀ E PICCOLE “OPERE D’ARTE” SUL PUPO 3. IN GRAN BRETAGNA LA “ROYAL BABY MANIA” È DILAGATA GIÀ DA SETTIMANE, TANT’È CHE PER L’OCCASIONE, OLTRE ALLE SCOMMESSE, SONO STATI PRODOTTI MOLTISSIMI GADGET 4. BAVAGLINI CON SU SCRITTO “IO AMO MIA ZIA PIPPA” O “IO AMO MIO ZIO HARRY” FINO ALLA BIRRA E AI CUCCHIAINI CON SCRITTO “BORN TO BE A PRINCE”, MA IL TOP DEL TRASH SONO I SACCHETTI ANTIVOMITO UTILI NEL CASO IN CUI L’EMOZIONE PER LA NOTIZIA DELLA NASCITA DEL PICCOLO PRINCIPE SIA TALMENTE FORTE DA CREARE PROBLEMI DI STOMACO

Condividi questo articolo


  •  

    1. LO HUMOUR INGLESE SI SCAGLIA ANCHE SUL ROYAL BABY: I MIGLIORI FOTOMONTAGGI DELLA RETE
    Dal "Daily Mail"
    http://dailym.ai/12LzGbY

    ROYAL BABY HUMOURROYAL BABY HUMOUR

    La febbre del Royal Baby, esplosa in Gran Bretagna, si è diffusa rapidamente in tutto il mondo attraverso la rete.

    E mentre molti hanno preso la questione fin troppo seriamente, per fortuna c'è stato qualcuno che invece ha sdrammatizzato, pubblicando su internet una serie di spassosissimi fotomontaggi dedicati al nascituro reale.

    Non sono poi mancati tweet umoristici, curiose pubblicità e piccole "opere d'arte" sul piccolo principe, come un neonato reale fatto di palloncini e l'intera famiglia Windsor in miniatura.

    ROYAL BABY HUMOURROYAL BABY HUMOUR

    Le battute sul social network dei 140 caratteri riguardavano invece soprattutto l'espressione, riferita a Kate, "go into labour", per dire che è iniziato il travaglio. Con inimitabile humour britannico molti hanno preso la palla al balzo e hanno giocato sulla parola "labour", riferendosi al partito laburista.

    ROYAL BABY HUMOURROYAL BABY HUMOUR


    2. UN LIETO EVENTO MEMORABILE: ECCO I GADGET PIÙ FOLLI DEDICATI AL ROYAL BABY
    Da "The Daily Beast.com"

    In Gran Bretagna la "Royal Baby mania" è dilagata già da settimane, tant'è che per l'occasione, oltre alle scommesse, sono stati prodotti moltissimi gadget.

    GADGET ROYAL BABYGADGET ROYAL BABY

    Ed eccone alcuni dei più particolari: si va dai bavaglini con su scritto "Io amo mia zia Pippa" o "Io amo mio zio Harry" alla maglietta dell'Aston Villa, la squadra di cui è tifoso William, per neonati, passando per il pigiamino da guardia reale, la tazza con la scritta "Keep calm it's a Royal Baby", il divertentissimo body per bambini che recita "My great grandma rules" (letteralmente: "La mia bisnonna regna"), il libro di fiabe "Shhh! Don't wake the Royal Baby" ("Shhh! Non svegliate il Royal Baby"), le scarpette con la Union Jack, i cucchiaini con scritto "Born to be a prince".

    GADGET ROYAL BABYGADGET ROYAL BABY

    Ma i gadget sono anche per adulti: il birrificio Windsor & Eton ha infatti lanciato la "Windsor Cot", una birra dedicata al piccolo principe di cui sono state prodotte solo 300 bottiglie. Il premio per il gadget più folle va sicuramente ai sacchetti antivomito, utili nel caso in cui l'emozione per la notizia della nascita sia talmente forte da creare problemi di stomaco.

     

     

     

    Condividi questo articolo

    FOTOGALLERY

    media e tv

    “NON FARÒ OMAGGI A RAFFAELLA CARRÀ. PER ME È ANCORA VIVA. AD AGOSTO ERO ALL'ARGENTARIO A CASA SUA A CUCINARE LA PIZZA” – AL VIA I SEI CONCERTI A CIRCO MASSIMO DI RENATO ZERO, DOVE SONO ATTESI OLTRE 100MILA SPETTATORI: “HO VOLUTO STRAFARE. IO NON SONO MAI STATO FAVOREVOLE A QUESTI GIGANTISMI. IN CERTI MOMENTI SAREMO IN CENTO SUL PALCO” – “SUONARE DURANTE LE ELEZIONI NON MI TURBA. PERCHÉ ANCHE IO SONO STATO VOTATO PER QUESTE SERATE AL CIRCO MASSIMO. IL PUBBLICO HA ESPRESSO LA PROPRIA PREFERENZA…”

    politica

    business

    cronache

    sport

    cafonal

    LUCIO FOREVER – ARRIVA A ROMA LA MOSTRA ITINERANTE “LUCIO DALLA. ANCHE SE IL TEMPO PASSA” NEL DECENNALE DELLA SCOMPARSA DEL CANTAUTORE – ESPOSTI APPUNTI, DIARI, CAPPELLI, OCCHIALI, IL MITICO CLARINETTO, POSTER, DISCHI – ALLA PRESENTAZIONE CARLO VERDONE HA RICORDATO L’AMICIZIA NATA CON “BOROTALCO” E RENZO ARBORE HA RACCONTATO DI QUANDO, A 7 ANNI, HA FATTO DA BALIA  A DALLA: “SONO IL PIÙ ANTICO AMICO DI LUCIO. PER ME È STATO IL FIGLIO DELLA SIGNORA MELOTTI, LA MODISTA AMATA DA MIA MADRE...”

    viaggi

    salute