1. SE LA BARBA DI CONCHITA WURST VI SCANDALIZZA, LA SERATA “KUNST” NON FA PER VOI 2. A NEW YORK LE FESTE PIÙ DIVERTENTI LE ORGANIZZA SEMPRE LEI, LA MITOLOGICA SUSANNE BARTSCH. REGINA DELLA NOTTE NEGLI ANNI 80, È TORNATA IN PISTA PER INSEGNARE AI NUOVI YUPPIES COME CI SI DIVERTE. E SI È PORTATA IL SUO COLORATO BARACCONE 3. AMICA DI JIMMY PAGE E “SCOPRITRICE” DI JOHN GALLIANO, L’ULTRASESSANTENNE SUSANNE UNISCE CHIC E FREAK, DARK E TRANS, ARTE E SARTE, RAGAZZE BENE DEL CONNECTICUT E MIGNOTTE CHE SALGONO SUL PALCO FUMANDO SIGARETTE CON LA VAGINA 4. AL “VERBOTEN” DI BROOKLYN IL SUO CIRCO ITINERANTE HA RAGGIUNTO VETTE BASSISSIME, QUINDI PERFETTE. NEXT STEP: I TETTI DI MANHATTAN, DOVE ORGANIZZERÀ LE SUE SERATE ESTIVE

Condividi questo articolo


  • Foto da www.villagevoice.com

    DAGOREPORT

    VERBOTENVERBOTEN

    A molti in Italia il nome di Susanne Bartsch non dirà nulla. Ma la svalvolata signora ultrasessantenne è stata e rimane la regina delle notti newyorkesi. Certo, non la troverete nei club impomatati dove gli yuppies di Wall Street (esistono ancora) cercano la escort russa o la futura sposa di buona famiglia del Connecticut.

    VERBOTENVERBOTEN

    Nata in Svizzera, ha mollato la famiglia a 17 anni e si è trasferita a Londra, dove è diventata amica di Jimmy Page e Malcom McLaren. Nel 1981 è poi sbarcata a New York, dove ha aperto un negozio di vestiti a SoHo, subito diventato un luogo di culto. E' nella sua boutique che i giovani designer inglesi dell'epoca (vedi Vivienne Westwood e John Galliano) hanno trovato l'America. Con la fine degli anni '80, vendere i vestiti folli e costosi degli stilisti è diventato più difficile, e così Susanne si è reinventata organizzatrice di feste.

    VERBOTENVERBOTEN

    Prima al Savage, poi al Bentley's e alla fine al Copacabana, night club che ha portato al successo planetario grazie alle feste più divertenti di Manhattan: è riuscita a mettere insieme gli snob cittadini con il mondo drag, gay, freak della città. Negli epici giovedì del Copacabana c'erano i banchieri con le bretelle e Marc Jacobs, le signore-bene e le prostitute che sul palco fumavano sigarette con la vagina.

    Da quel momento non si è più fermata, e per tutti gli anni '90 è stata la stella più brillante, trasgressiva e divertente delle notti newyorkesi. HBO le aveva anche proposto di girare un reality sulla sua vita, quando ancora non c'erano gli show sugli Osbourne o sui Kardashian. Il programma fu cancellato prima di nascere, con successivo pentimento del network

    VERBOTENVERBOTEN

    Con l'arrivo di figli e del nuovo millennio aveva rallentato, pur continuando a organizzare eventi, serate di beneficienza e feste private. Finché nel 2006, stanca di vedere "Paris Hilton da tutte le parti e bottiglie di vodka da 15 dollari vendute a 300", si è rinfilata i suoi vestiti straordinari al limite della baracconata, si è ributtata in pista e ha ricominciato a far ballare ricchi ed emarginati, mignotte e figlie di papà.

    VERBOTENVERBOTEN

    La sua ultima creazione è KUNST (arte, in tedesco), serata super-freak che rimbalza tra Manhattan e Williamsburg. L'altra sera era al "Verboten", locale aldilà del fiume dove ha messo in piedi performance dal vivo e quattro dj: Amber Valentine, The Carry Nation, Juliana Huxtable and Becca McCharen (Chromat).

    La festa è stata solo un assaggio dei party estivi che Susanne ha già messo in cantiere: si chiameranno "On Top", si svolgeranno nei rooftop più belli della città. Si comincia il 3 giugno con il bar dello Standard Hotel.

    http://www.susannebartsch.com/on-top/

     

     

    VERBOTENVERBOTEN VERBOTENVERBOTEN VERBOTENVERBOTEN VERBOTENVERBOTEN VERBOTENVERBOTEN VERBOTENVERBOTEN VERBOTENVERBOTEN VERBOTENVERBOTEN VERBOTENVERBOTEN VERBOTENVERBOTEN

     

    Condividi questo articolo

    FOTOGALLERY

    ultimi Dagoreport

    FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

    MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

    1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE

    DAGOREPORT - STATI DISUNITI D'AMERICA: NIKKI HALEY CONTINUA A ESSERE UMILIATA DA TRUMP MA NON SI FERMERÀ: HA DALLA SUA ANCORA MOLTI MILIONI DI FINANZIAMENTI (16,5 INCASSATI SOLO A GENNAIO) E I SUOI DONATORI VOGLIONO FARLA ARRIVARE ALLA CONVENTION PER VEDERE L'EFFETTO CHE FA. NON SIA MAI CHE ARRIVI UNA CONDANNA PER IL PUZZONE – TRUMP È TALMENTE DETESTATO CHE, SECONDO I DEM, GLI ELETTORI DELLA HALEY CONVERGEREBBERO SU BIDEN. E C’È CHI SI SPINGE ALLA FANTA-POLITICA: UN TICKET DI “SLEEPY JOE” CON NIKKI COME VICE…

    FLASH! – MA CHE CI AZ-ZECCA L’AGRICOLTURA CON LA ZECCA DELLO STATO? LEGGETE IL BANDO PER IL NUOVO UFFICIO STAMPA DELLA ZECCA, GUIDATO DALL'ECLETTICO FRANCESCO SORO (GIA' CAPO DI GABINETTO DI MALAGÒ AL CONI, CON CUI È FINITA A STRACCI, POI PASSATO AL MISE SOTTO L’ALA PROTETTIVA DI GIORGETTI) - SORO CHIEDE, TRA I REQUISITI, OLTRE A LAUREA E  “CONSOLIDATA” ESPERIENZA NEI MEDIA, UNA DOTE INDISPENSABILE PER LA ZECCA: “RISULTERANNO SIGNIFICATIVE EVENTUALI ESPERIENZE RIFERITE ALLA FILIERA AGROALIMENTARE E VITIVINICOLA” - CHISSA' QUANTI CANDIDATI AVRANNO TALE COMPETENZA? AH, SAPERLO...