1- GOVERNO MONTI, RIBALTONI PRONTI! E’ BASTATO LO SPIFFERO DI UN MINZO INTERESSATO ALL’IMPORTO DELLA LIQUIDAZIONE CHE SUBITO SI È ALZATO IL VENTO DEL TOTO-TG1 - 2- MINZO SA BENE BENISSIMO CHE CON SUDARIO MONTI INSEDIATO E IL RINVIO A GIUDIZIO ALLE PORTE (ATTESO PER LA PRIMA SETTIMANA DI DICEMBRE), LE SPERANZE DI RESTARE ATTACCATO ALLA POLTRONA SONO SOTTO ZERO. QUINDI PRENDERE IL LARGO VERSO SEGRATE PER LA DIREZIONE DI “PANORAMA” (MULÈ DIRETTO AL TG4 AL POSTO DI FEDE) - 3- DUNQUE, ADDIO A MINZO E AVANTI IL PROSSIMO. IL NOME PIÙ GETTONATO È MARIO ORFEO, GIÀ DIRETTORE DEL TG2 E OGGI ALLA CORTE DEL “MESSAGGERO” DI CALTARICCONE - 4- I CONCORRENTI DI ORFEO SONO MARIOPIO CALABRESI (IN CRISI CON ELKANN PER L’EMORRAGIA DI COPIE DE “LA STAMPA”) E, IN TERZA BATTUTA, L’EX FINIANO OGGI LARUSSIANO MAURO MAZZA, CHE TUTTA LA RAI VUOL SOLLEVARE DALLA DISASTRATA RAIUNO

Condividi questo articolo


DAGOREPORT
Governo Monti, ribaltoni pronti. E' stato sufficiente lo spiffero di un Minzolini interessato all'importo della liquidazione, come dipendente Rai ha diritto anche alla buonuscita, che subito si è alzato il vento del toto-Tg1.

LORENZA LEILORENZA LEI minzoliniminzolini

Minzo sa bene benissimo che con Sudario Monti insediato e il rinvio a giudizio alle porte (atteso per la prima settimana di dicembre), le speranze di restare attaccato alla poltrona sono sotto zero. Quindi mejo salpare sulla scialuppa messa a disposizione dal buon Banana e prendere il largo verso Segrate per la direzione di "Panorama". Il cui direttore, Giorgio Mulè scalpita come un mulo per occupare la scrivania di Emilio Fede, ottuagenario in via di pensionamento.

Dunque, addio a Minzo e avanti il prossimo. Il nome più gettonato è Mario Orfeo, già direttore del Tg2 e oggi alla corte del "Messaggero" di Caltariccone (prima aveva occupato, con una carriera lampo partita dalle pagine sportive, la scrivania di capo redattore a "Repubblica" , per poi decollare per la direzione de "Il Mattino" di Napoli).

ANTONIO MARANOANTONIO MARANO

Il tondo Orfeo ha dalla sua l'appoggio di Pierfurby, of course. Ma, da buon napoletano ben introdotto, è nel cuore di Bocchino e non ha mai dato dispiaceri a Paolino Bonaiuti durante il regime berluscone.

MARIO ORFEOMARIO ORFEO

Ma qualcuno avvisi il favorito Orfeo che un forte concorrente alla poltrona del Tg1 si chiama Mariopio Calabresi. Che già nel recente passato ha fatto la sua incursione a Rai3, con un programma modesto e deludente, al fine di allacciare un rapporto con viale Mazzini.

La voglia di alzare i tacchi da Torino, negli ultimi tempi, è diventata "urgente", visto che il suo editore John Elkann è stato costretto a fargli uno shampoo per l'emorragia di copie de ‘'La Stampa'', giunta a 265 mila copie (la direzione del predecessore defenestrato Giulio Anselmi non era mai scesa sotto le 300 mila copie). Aggiungere che la sposa di Mariopio, la giornalista Caterina Ginzburg, scalpita per lasciare la Mole e tornare a lavorare sotto il Cupolone.

MARIO CALABRESIMARIO CALABRESI

Ma non è finita: c'è in ballo anche Mauro Mazza. Il direttore del Tg1, che da finiano di ferro è diventato un La Russa di complemento, è diventato un grosso problema per viale Mazzini: la sua rete ha dei buchi di share paurosi e tutti, ma proprio tutti, sognano che si faccia da parte per far arrivare l'ottimo Angelo Teodoli, oggi capo del palinsesto e braccio destro di Marano. E allora perché non traslocarlo al Tg1?

GIORGIO MULEGIORGIO MULE

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

media e tv

politica

DAGO-RETROSCENA! – DURANTE LE SETTIMANALI TELEFONATE CON DRAGHI, IL TORMENTONE DI GRILLO E' DI PERCULARE "LA POCHETTE CHE CAMMINA", FINCHE' MARIOPIO UN BEL GIORNO SBOTTA: “MA SE LO RITIENI INADEGUATO, PERCHÉ NON LO MANDI VIA? BUTTALO FUORI!” - LA BATTUTA INOPPORTUNA DI DRAGHI E' STATO POI GIRATA DA GRILLO A SUO MERITO, DAVANTI A CONTE: "MA COME, TI HO PURE DIFESO DA DRAGHI CHE VOLEVA CHE TI CACCIASSI!" - E SCATTA LA VENDETTA DI TRAVAGLIO E DEI COLONNELLI DEI 5STELLE (TAVERNA, FICO, CRIMI) SU GRILLO CHE NON VUOLE L'ADDIO A DRAGHI NE' LA DEROGA AL SECONDO MANDATO - ALL’INSIPIENZA POLITICA DI DRAGHI E GRILLO, ALLA FINE CI METTE UNA PEZZA MATTARELLA.... 

business

cronache

DATECE UBER! – CHE VERGOGNA: ALL’AEROPORTO DI ROMA FIUMICINO I TASSISTI SI RIFIUTANO DI ACCOMPAGNARE I PASSEGGERI NEI QUARTIERI VICINI COME OSTIA, ACILIA, CASAL PALOCCO O SPINACETO. LA SPIEGAZIONE È SEMPLICE: INCASSANO TROPPO POCO RISPETTO AI CLIENTI CHE VANNO IN CENTRO, COSTRETTI A SGANCIARE ALMENO 50 EURO - LA TESTIMONIANZA DI UN UOMO CHE SI È VISTO RIFIUTARE DA TUTTI GLI AUTISTI: “ALLA FINE MI SONO RIVOLTO A DUE FINANZIERI CHE HANNO INTIMATO A UN TASSISTA DI FARMI SALIRE. MA UNA VOLTA A BORDO…” - VIDEO

sport

“A PENSAR MALE SI FA PECCATO, MA SPESSO CI SI AZZECCA” – UNA LETTRICE MALIZIOSA SCRIVE A FRANCESCO MERLO: “IL GESTO DI BERRETTINI NON MI PARE COMMOVENTE. NON ERA TENUTO A FARE IL TAMPONE, E NE HA FATTI DUE, TANTO PER ESSERE SICURO DI ESSERE POSITIVO. VIENE IL SOSPETTO CHE VOLESSE TROVARE UNA SCUSA PER NON SCENDERE IN CAMPO” – RISPOSTA: “C'È UN CONCENTRATO DI ARCITALIANO, CHE SICURAMENTE BERRETTINI NON MERITA. SI COMINCIA CON IL MALANNO COME VIRTÙ. C'È IL BORGHESE STANCO DI LONGANESI, QUINDI IL MORETTI DI 'MI SI NOTA DI PIÙ'. INFINE C'È..."

cafonal

CAFONALINO PALLONARO - SI STAVA MEGLIO QUANDO C'ERA MATARRESE? L'EX PRESIDENTE DELLA SERIE A E DELLA FIGC HA PRESENTATO AL SALONE D'ONORE DEL CONI IL SUO LIBRO "E ADESSO PARLO IO": "SONO RATTRISTATO NEL CONSTATARE IL MOMENTO CRITICO CHE STA VIVENDO IL CALCIO ITALIANO. NON VOGLIO FARE PROCESSI, MA VI SIETE INCATTIVITI" - AD ASCOLTARLO C'ERANO I PRESIDENTI DELLA LAZIO, CLAUDIO LOTITO, E DELLA LEGA DI A, LORENZO CASINI. PRESENTI ANCHE GABRIELE GRAVINA, LUCA PANCALLI, VITO COZZOLI, GIANCARLO ABETE E FRANCESCO GHIRELLI, OLTRE AL PADRONE DI CASA GIOVANNI MALAGÒ E… - FOTO

viaggi

salute