1- GOVERNO MONTI, RIBALTONI PRONTI! E’ BASTATO LO SPIFFERO DI UN MINZO INTERESSATO ALL’IMPORTO DELLA LIQUIDAZIONE CHE SUBITO SI È ALZATO IL VENTO DEL TOTO-TG1 - 2- MINZO SA BENE BENISSIMO CHE CON SUDARIO MONTI INSEDIATO E IL RINVIO A GIUDIZIO ALLE PORTE (ATTESO PER LA PRIMA SETTIMANA DI DICEMBRE), LE SPERANZE DI RESTARE ATTACCATO ALLA POLTRONA SONO SOTTO ZERO. QUINDI PRENDERE IL LARGO VERSO SEGRATE PER LA DIREZIONE DI “PANORAMA” (MULÈ DIRETTO AL TG4 AL POSTO DI FEDE) - 3- DUNQUE, ADDIO A MINZO E AVANTI IL PROSSIMO. IL NOME PIÙ GETTONATO È MARIO ORFEO, GIÀ DIRETTORE DEL TG2 E OGGI ALLA CORTE DEL “MESSAGGERO” DI CALTARICCONE - 4- I CONCORRENTI DI ORFEO SONO MARIOPIO CALABRESI (IN CRISI CON ELKANN PER L’EMORRAGIA DI COPIE DE “LA STAMPA”) E, IN TERZA BATTUTA, L’EX FINIANO OGGI LARUSSIANO MAURO MAZZA, CHE TUTTA LA RAI VUOL SOLLEVARE DALLA DISASTRATA RAIUNO

Condividi questo articolo


DAGOREPORT
Governo Monti, ribaltoni pronti. E' stato sufficiente lo spiffero di un Minzolini interessato all'importo della liquidazione, come dipendente Rai ha diritto anche alla buonuscita, che subito si è alzato il vento del toto-Tg1.

LORENZA LEILORENZA LEI minzoliniminzolini

Minzo sa bene benissimo che con Sudario Monti insediato e il rinvio a giudizio alle porte (atteso per la prima settimana di dicembre), le speranze di restare attaccato alla poltrona sono sotto zero. Quindi mejo salpare sulla scialuppa messa a disposizione dal buon Banana e prendere il largo verso Segrate per la direzione di "Panorama". Il cui direttore, Giorgio Mulè scalpita come un mulo per occupare la scrivania di Emilio Fede, ottuagenario in via di pensionamento.

Dunque, addio a Minzo e avanti il prossimo. Il nome più gettonato è Mario Orfeo, già direttore del Tg2 e oggi alla corte del "Messaggero" di Caltariccone (prima aveva occupato, con una carriera lampo partita dalle pagine sportive, la scrivania di capo redattore a "Repubblica" , per poi decollare per la direzione de "Il Mattino" di Napoli).

ANTONIO MARANOANTONIO MARANO

Il tondo Orfeo ha dalla sua l'appoggio di Pierfurby, of course. Ma, da buon napoletano ben introdotto, è nel cuore di Bocchino e non ha mai dato dispiaceri a Paolino Bonaiuti durante il regime berluscone.

MARIO ORFEOMARIO ORFEO

Ma qualcuno avvisi il favorito Orfeo che un forte concorrente alla poltrona del Tg1 si chiama Mariopio Calabresi. Che già nel recente passato ha fatto la sua incursione a Rai3, con un programma modesto e deludente, al fine di allacciare un rapporto con viale Mazzini.

La voglia di alzare i tacchi da Torino, negli ultimi tempi, è diventata "urgente", visto che il suo editore John Elkann è stato costretto a fargli uno shampoo per l'emorragia di copie de ‘'La Stampa'', giunta a 265 mila copie (la direzione del predecessore defenestrato Giulio Anselmi non era mai scesa sotto le 300 mila copie). Aggiungere che la sposa di Mariopio, la giornalista Caterina Ginzburg, scalpita per lasciare la Mole e tornare a lavorare sotto il Cupolone.

MARIO CALABRESIMARIO CALABRESI

Ma non è finita: c'è in ballo anche Mauro Mazza. Il direttore del Tg1, che da finiano di ferro è diventato un La Russa di complemento, è diventato un grosso problema per viale Mazzini: la sua rete ha dei buchi di share paurosi e tutti, ma proprio tutti, sognano che si faccia da parte per far arrivare l'ottimo Angelo Teodoli, oggi capo del palinsesto e braccio destro di Marano. E allora perché non traslocarlo al Tg1?

GIORGIO MULEGIORGIO MULE

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

media e tv

“TRAVAGLIO È UN CATTIVO GIORNALISTA E MI HA ROVINATO LA VITA” - NON L’HANNO DETTO BERLUSCONI O RENZI MA ALESSANDRO ORSINI, CHE OGGI È EDITORIALISTA DI PUNTA DEL “FATTO QUOTIDIANO”. NEL 2011 IL PROFESSORE SCRISSE UN ARTICOLO SUL “GIORNALE” IN CUI PARAGONAVA I NO-TAV ALLE BRIGATE ROSSE. MARCOLINO SI INCAZZÒ E IL FUTURO PREZZEMOLINO DEI TALK SHOW RISPOSE PICCATO (CON UNA SPECIE DI PROFEZIA): “RAGIONA IN MANIERA PRIMITIVA: SE AVESSI SCRITTO LE STESSE COSE SU IL FATTO QUOTIDIANO, TRAVAGLIO MI AVREBBE APPLAUDITO…”

politica

business

cronache

NUOVI DETTAGLI SULLO “SCOREGGIA GATE” IN RAI - LA GIORNALISTA DEL TG1, DANIA MONDINI, CHE HA ACCUSATO I SUOI SUPERIORI DI DEMANSIONAMENTO E DI ESSERE STATA MESSA IN UNA STANZA CON UN COLLEGA PETOMANE, RACCONTA LA SUA SOFFERENZA OLFATTIVA: “ABBIAMO ABBANDONATO LA STANZA PER IL CATTIVO ODORE. I CAPI MI DISSERO: RESTA LÌ O NON LAVORI PIÙ” - SECONDO LA MONDINI, FILIPPO GAUDENZI AVREBBE AFFERMATO: “I REDATTORI CHE NON STANNO NELLA STANZA CON LUI, COME HA DECISO IL DIRETTORE, DEVONO ESSERE PRESI A CALCI IN CULO…”

sport

cafonal

viaggi

salute