ALFABETO-BUSI – ‘’L’ALTRA MAMMELLA DELLE VACCHE AMICHE’’ È UN GRANDE ROMANZO SULLE POSSIBILITÀ - ATTRAVERSO UNA LINGUA - DI CONQUISTARE IL REALE, DI STANARLO, DI FARLO VIBRARE ED ESISTERE SULLA PAGINA QUASI PIÙ CHE NELLA VITA

Paolo di Paolo: “In un momento in cui molti autori usano la propria lingua come il traduttore di Google, con indifferenza e approssimazione, questo libro è intanto una rara lezione di stile. Poi, dentro, c’è di tutto: la trama non è altro che la voce narrante, il suo movimento intellettuale, emotivo, il suo attraversare zone e livelli di vita”…

Condividi questo articolo

Paolo di Paolo per Il Venerdì- La Repubblica

 

BUSI 6 BUSI 6

Non c’è un solo scrittore capace di usare la lingua italiana come lui. Non c’entrano Gadda e nipoti: non è barocco, sperimentale, solo ludico il suo italiano, non è opaco. È come una tastiera di cui sa rendere prezioso ogni tasto, quindi ogni registro, ogni musica. In 460 pagine, Aldo Busi scrive anche un grande romanzo in italiano sull’italiano, sulle possibilità – attraverso una lingua – di conquistare il reale, di stanarlo, di metterlo a fuoco, di farlo vibrare ed esistere sulla pagina quasi più che nella vita.

 

In un momento in cui molti autori usano la propria lingua come il traduttore di Google, con indifferenza e approssimazione, questo libro è intanto una rara lezione di stile. Poi, dentro, c’è di tutto: la trama non è altro che la voce narrante, il suo movimento intellettuale, emotivo, il suo attraversare zone e livelli di vita.

aldo-busi-come-la-medusa-opera-di-giovanna-caruso-646621 aldo-busi-come-la-medusa-opera-di-giovanna-caruso-646621

 

La solitudine, la felicità («uno stato di moto a luogo con sosta brevissima»), il dolore («mi ci sono voluti molti anni ancora per rendermi conto che il mio dolore era un dolore tutto sommato occidentale e ormai privilegiato»), la libertà («se volevo essere libero scrivendo, dovevo esserlo vivendo»), il sesso («la sessualità è minimo a due e sta tutta nelle sue premesse faccia a faccia»).?

 

BUSI- L’ALTRA MAMMELLA - - L’uomo dello schermo, di Fabio Romano, olio su tela BUSI- L’ALTRA MAMMELLA - - L’uomo dello schermo, di Fabio Romano, olio su tela

Ne risulta un imprevedibile alfabeto-Busi, una vastissima raggiera di temi che lo scrittore affronta affrontando sé stesso, gli altri, il mondo. Narra, ricorda, intuisce, connette, interroga, va incontro a. Il nucleo del precedente Vacche amiche si dilata romanzescamente a dismisura, nel senso che si affolla di romanzi: quello della bellissima puttana creola, della dottoressa Olé o della «contessa» Miriam de Mortagli – una galleria di donne che Busi ha amato a modo suo, o nell’unico vero, e soprattutto ha «sentito» (Sentire le donne è un suo titolo del ’91).

 

aldo busi bamsphoto 8 aldo busi bamsphoto 8

Lo scambio epistolare con Miriam, una lettrice speciale con cui nasce un’amicizia, è da antologia: fa ridere, e commuove, ci dice cosa può essere uno scambio autentico fra esseri umani. «E non esistono corpi estranei, gli esseri umani non sono asteroidi remoti in uno spazio x che rischiano di schiantarsi addosso al tuo, ogni corpo è compatibile col tuo e fa bene al tuo, che potrebbe avere bisogno all’improvviso della stessa compassione che hai sempre rifutato».

 

Aldo Busi, L’altra mammella delle vacche amiche, Marsilio, pp. 460, euro 18

 

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

LA LETTERA DI MELANIA RIZZOLI AI MALATI DI TUMORE AL CERVELLO: “NON FATEVI IMPRESSIONARE DALLA MORTE DI NADIA TOFFA, PERCHÉ LEI HA AVUTO UNO DI QUEI TIPI PER I QUALI NON CI SONO CURE CERTE E PER I QUALI LA SCIENZA E LA RICERCA STANNO LAVORANDO MOLTO. I SEGNI E I SINTOMI DELLA PRESENZA DI LESIONI OCCUPANTI SPAZIO NEL CRANIO SONO SIMILI, E RICONOSCERLI ALLO STADIO INIZIALE PUÒ MIGLIORARE LA PROBABILITÀ DI GUARIGIONE E DI SOPRAVVIVENZA, E QUANDO SI PRESENTA UNO DI QUESTI SINTOMI..."