1. CHE BOTTE SE INCONTRI GLI HOBBIT! IL PRIMO, FREDDISSIMO, GIORNO DI GUERRA TRA I FILM NATALIZI È ANDATO COME DOVEVA ANDARE. TRIONFO PAUROSO DI PETER JACKSON E DEL SUO “HOBBIT” CON 642.000 EURO, A UN TERZO “TUTTO TUTTO NIENTE NIENTE”, IL CETTO LAQUALUNQUE MOVIE NUMERO DUE CON 226.000 EURO E TERZO IL DISASTRATO POST-CINEPANETTONE DI DE LAURENTIIS, “COLPI DI FULMINE”, DOVE GLI UNICI COLPI DI FULMINE SONO QUELLI CHE HA SCAGLIATO CHRISTIAN DE SICA CONTRO IL SUO AMATO/ODIATO PRODUTTORE, CON SOLO 104.000. MA COME DOVEVANO ANDARE GLI INCASSI SE NON COSÌ? - 2. SE DE LAURENTIIS AVESSE FATTO UN CINEPANETTONE PIÙ O MENO TRADIZIONALE, VISTE LE MODESTE RIUSCITE DELLE COMMEDIE PRENATALIZIE, AVREBBE AVUTO IL SUO PUBBLICO. ALLA FINE SCEGLI BERSANI, INSOMMA, SARÀ VECCHIOTTO MA È PIÙ AFFIDABILE -

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

oscar2004 peter jacksonoscar2004 peter jackson

Che botte se incontri gli Hobbit! Ma anche se incontri i nani e gli orchi... Solo da noi, l'unico nano che abbiamo, beh, sì... c'è anche Brunetta, le botte ormai le prende lui. Il primo, freddissimo, giorno di guerra tra i film natalizi è andato come doveva andare. Trionfo pauroso di Peter Jackson e del suo "Hobbit" con 642.000 euro, a seguire "Tutto Tutto Niente Niente", il Cetto Laqualunque movie numero due con 226.000 euro e terzo il disastrato post-cinepanettone di De Laurentiis, "Colpi di fulmine", dove gli unici colpi di fulmine sono quelli che ha scagliato Christian De Sica contro il suo amato/odiato produttore, con solo 104.000.

LO HOBBIT - LOCANDINA DEL FILMLO HOBBIT - LOCANDINA DEL FILM

Ma come dovevano andare gli incassi se non così? Ma che, davvero si poteva pensare di uscire lo stesso giorno del film dell'anno (anzi, i fan lo aspettano trepidanti da nove anni...) e far qualcosa di più? Lo sapevano anche i produttori e i distributori che non c'era guerra. Magari si poteva uscire in un giorno diverso, ma la settimana prossima arrivano "I due soliti idioti", che promette qualcosa in più o, comunque, di diverso.

LO HOBBIT - SCENA DEL FILMLO HOBBIT - SCENA DEL FILM

E, comunque, la guerra è appena cominciata e si può sempre sperare nel passa parola fidando sul fatto che, malgrado tutte le sgangheratezze produttive e narrative che hanno i due film italiani, quattro risate te le fanno fare. O fidando sulla bruttezza del film comico concorrente. Vecchio modello di successo cinepanettonistico.

Punti tutto su un film, è una schifezza, allora trionfa quello da cui ti aspetti di meno. E' il modello di molti film di Pieraccioni che hanno vinto la guerra di Natale giocandosela negli ultimi giorni delle feste, riprendendosi il pubblico che per disperazione abbandonava il cinepanettone riuscito male.

LO HOBBIT - SCENA DEL FILMLO HOBBIT - SCENA DEL FILM

Se "Tutto Tutto Niente Niente", almeno è un film chiaro, con la sua più che giusta satira politica contro un paese mal governato e pieno di Cetto Laqualunque, "Colpi di fulmine" è un po' una commedia né carne né pesce. Non è un cinepanettone non è proprio una commedia romantica, non è proprio una commedia sperimentale...

TUTTO TUTTO NIENTE NIENTE FRENGOTUTTO TUTTO NIENTE NIENTE FRENGO

Inoltre è un film totalmente romano, anche se girato a Trento, cioè solo con comici romani. La vecchia regola di Aurelio De Laurentiis è sempre stata quella di metterci un romano, un milanese, un napoletano e due belle ragazze. E invece si presenta con due episodi con protagonisti romani. Ovvio che al nord e al sud il film avrà dei problemi. E ovvio che, senza volgarità, affidate ai Soliti Idioti, che si prenderanno tutto, ma proprio tutto il pubblico del nord, si perdono anche i ragazzini. Vince, da sempre, chi presenta un film chiaro e mantiene quello che promette.

TUTTO TUTTO NIENTE NIENTETUTTO TUTTO NIENTE NIENTE

"Lo Hobbit" non è un film perfetto, ma è esattamente quello che i fan della Trilogia si aspettavano. In tutta sincerità, ma posso sbagliare, credo che se De Laurentiis avesse fatto un cinepanettone più o meno tradizionale, viste le modeste riuscite delle commedie prenatalizie, avrebbe avuto il suo pubblico.

Alla fine scegli Bersani, insomma, sarà vecchiotto ma è più affidabile. Inoltre, quanto dovrebbero incassare questi film per essere dei successi? Tenendo conto del calo del 20% di pubblico nella stagione (ma sembra che sia anche maggiore), un film come "Tutto Tutto Niente Niente", che viene dai 18 milioni di "Qualunquemente", si potrebbe accontentare anche di 12 milioni, malgrado tutta la campagna pubblicitaria che ha avuto. Li farà? Chissà...

locandina colpi di fulmine di neri parenti jpeglocandina colpi di fulmine di neri parenti jpegTUTTO TUTTO NIENTE NIENTETUTTO TUTTO NIENTE NIENTE

Ricordiamo che "Il peggior Natale", primo incasso italiano, è fermo a 7 milioni. Anche "Colpi di fulmine" difficilmente riuscirà a raggiungere i 12-13 milioni del "Vacanze di natale a Cortina" dell'anno scorso. Diciamo che potrà farne 7-8? Certo è brutto parlare solo di soldi. Ma se volete parlare di cinema, andate a vedere i film di Ken Loach o di Wes Anderson. Quelle sono commedie e sono anche grande cinema.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

media e tv

politica

“LETIZIA MORATTI? UNA RICCA SIGNORA, ANNOIATA E IN CERCA DI UNA POLTRONA, COSTRETTA A COMPORTARSI COME UNA QUALSIASI SCIACALLA – LICIA RONZULLI CHE TEME IL PREVISTO TONFO DI FORZA ITALIA ALLE REGIONALI LOMBARDE SIA L'INIZIO DELLA SUA FINE POLITICA E SPARA CANNONATE SU LADY MESTIZIA: “PROVO TRISTEZZA PER LA SIGNORA MORATTI. GALLINA CHE CANTA HA FATTO L'UOVO…” -  “KISS ME LICIA” SMENTISCE LA RICOSTRUZIONE DI “REPUBBLICA” SECONDO CUI BERLUSCONI AVREBBE PREFERITO APPOGGIARE LA CANDIDATA DEL TERZO POLO ALLE REGIONALI...

business

DARE LA CACCIA AI TRUFFATORI DELLA FINANZA È UN BUSINESS MILIARDARIO – CHI SONO E COME OPERANO I FONDI “ATTIVISTI” CHE STANNO FACENDO TREMARE LA FINANZA GLOBALE: LUNGHE E METICOLOSE INDAGINI PER SCOPRIRE LE MAGAGNE NEI CONTI DELLE AZIENDE, POI LE OPERAZIONI “SHORT” PER INVESTIRE SUI RIBASSI – AZIONI CONDOTTE NON TANTO PER LA GIUSTIZIA DEI MERCATI, QUANTO PER IL PROFITTO – IL CASO DEL PICCOLO FONDO HINDENBURG, DEL 37ENNE AMERICANO NATHAN ANDERSON, CHE È RIUSCITO AD AFFOSSARE GAUTAM ADANI, L'UOMO PIÙ RICCO D'ASIA…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

IL MODELLO SANITARIO ITALIANO: CHI HA I SOLDI SI CURA SUBITO, GLI ALTRI ASPETTANO E SPERANO – SUPERATO IL COVID, INSIEME ALL’AUMENTO DELLE RICHIESTE DI VISITE ED ESAMI IN OSPEDALI PUBBLICI SONO AUMENTATI ANCHE I TEMPI DI ATTESA. RISPETTO AL 2019, LO SCORSO ANNO SONO STATI ESEGUITI 8,4 MILIONI DI CONTROLLI IN MENO – MI-JENA GABANELLI: “I SOLDI PER PAGARE PIÙ MEDICI CI SAREBBERO MA LE STRUTTURE PUBBLICHE NON RIESCONO A ORGANIZZARSI. MENTRE A QUELLE PRIVATE ACCREDITATE CONVIENE OFFRIRE PRESTAZIONI A PAGAMENTO…” – VIDEO