CHI E’ LA DIRETTORA “GRANDISSIMA ANIMATRICE DEI SALOTTI DOVE SI DECIDONO FORTUNE E CARRIERE” CHE VIENE DEMOLITA NEL ROMANZO DEL GIORNALISTA DEL "FATTO", ENRICO FIERRO, “LA GENOVESE”? A CHI CORRISPONDE IL PERSONAGGIO DI PELLEGRINO DIOTALLEVI, UOMO D’AFFARI SENZA SCRUPOLI CHE HA FATTO I SOLDI IN ALBANIA CON LA VENDITA DI MACCHINE USATE E POI…

-

Condividi questo articolo


Scheda del libro “La Genovese” di Enrico Fierro

 

ENRICO FIERRO - LA GENOVESE ENRICO FIERRO - LA GENOVESE

Frank ha un nome straniero, ma e italianissimo, un figlio del Sud. Da subito capisci che e un fuoriposto , uno che naviga proprio male nelle acque del mondo di oggi. Giornalista da una vita, e da sempre costretto a raccontare i personaggi della ridicola commedia italiana. Quelli che affollavano il mondo dorato della sua “direttora”, grandissima animatrice dei salotti dove si decidono fortune e carriere, e che il potente segretario del partito aveva voluto al comando della sgangherata nave del giornale.

 

Oppure Pellegrino Diotallevi, in arte Pel. Un pezzo di malacarne che aveva fatto i soldi con le macchine usate a Durazzo e con la monnezza che importava dall’Italia, ed era riuscito in un’impresa unica: fottere ai poveri la loro fame e trasformarla in un business. Frank, divorato dalla raggia – la rabbia, nel suo dialetto – e stato sempre un uomo contro. Perche il suo mondo era un altro.

 

Quello di Peppino Matarazzo, di mestiere edicolante, che gli insegno ad amare i giornali e da morto volle che lo scemo del paese gli cantasse in chiesa Bella ciao . Il suo mondo era quel vecchio professore di violino incontrato sulle rive di un fiume a Prizren, in Kosovo. Il maestro elementare di quel piccolo borgo sullo Jonio che spendeva i pochi soldi dello stipendio per i libri e per alimentare la sua idea di comunismo.

ENRICO FIERRO ENRICO FIERRO

 

Oppure Peppino Gagliardi, che non vinse un Festival di Sanremo per colpa di una censura scandalizzata da un culo americano e procace. Insomma, gli sconfitti pieni di dignita e umanita che aveva incontrato nella sua vita. Romanzo fatto di personaggi e luoghi, La Genovese ha per vero co-protagonista un Sud piu immaginario che reale.

 

Cambiano le epoche, i tempi della vita e della Storia si sovrappongono fino a mescolarsi, sempre accompagnati da suoni, odori e sensazioni precise ed evocative. Come il sapore di quella Genovese che da il titolo al libro. «La Genovese era cosi, come una bella donna portatrice di una naturale bellezza. [...] Si chiama Genovese ma a Genova non sanno neppure cos’e». Se non siete napoletani e non sapete chi o che cosa sia, la risposta e nelle pagine finali.

 

ENRICO FIERRO

(Avellino, 23 novembre 1951) e un giornalista e scrittore italiano. Scrive per «il Fatto Quotidiano», ha collaborato con «La Voce della Campania», «Dossier Sud», «L’Espresso», «Epoca». E stato inviato speciale de «l’Unita». Per la pubblicazione del volume La santa. Viaggio nella ‘Ndrangheta sconosciuta, assieme a Ruben H. Oliva, ha ricevuto il Premio “Globo d’Oro” 2007-2008, il Premio “Paolo Borsellino” 2007 e il Premio “Itaca” 2008. E autore inoltre di Dieci anni di potere e terremoto (1990) e O ministro. La Pomicino story (1991), scritti con Rita Pennarola e Andrea Cinquegrani; E adesso ammazzateci tutti (2005), Ammazzati l’onorevole (2007). Per il teatro ha curato testo e regia di O cu nui o cu iddi con Laura Aprati.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

“IL VERO SPARTIACQUE TRA DESTRA E SINISTRA NEL XXI SECOLO SARA’ TRA CHI GUARDA ALLE ORIGINI DELLA NATURA UMANA E CHI NE IMMAGINA UN SALTO GRAZIE ALLA TECNOLOGIA” – POLITO: “E' UNA RIBELLIONE CONTRO IL POTERE DELLA TECNOLOGIA. NON E’ UN ATTEGGIAMENTO ANTI-SCIENTIFICO MA METTE IN DISCUSSIONE IL PROGRESSO, CONTESTA LA RAPIDITÀ SCONVOLGENTE CON CUI STA MODIFICANDO LA VITA DELLE PERSONE. È UN SENTIMENTO GIÀ VISTO ALL'OPERA CONTRO I VACCINI, E CHE SI TRADUCE NEL TIMORE CHE LA TECNOLOGIA POSSA MODIFICARE CORPO E MENTE, DANDO VITA A UNA POST-UMANITÀ. LA SINISTRA DEVE RIFUGGIRE DALL'ECCESSO DI SEMPLIFICAZIONE: UN NEO-POSITIVISMO NON DA' RISPOSTE A CHI TEME LA PERDITA DI TRATTI DEL GENERE UMANO. E C'È IL PERICOLO CHE LA NUOVA DESTRA FINISCA PER DEMONIZZARE LA RICERCA E LA TECNOLOGIA”

business

VELENI AD ALTA QUOTA – REPORT INTERNI, MAIL INTERCETTATE, DOSSIERAGGI: È GUERRA TRA LAZZERINI E ALTAVILLA! L’AD DI “ITA AIRWAYS”, ATTACCA ALZO ZERO L’EX PRESIDENTE, CHE AVREBBE GESTITO L’AZIENDA IN MANIERA PADRONALE E “PRIVATISTICA”. UN ESEMPIO? IL VOLO PER LA SARDEGNA DOVE SI SONO ACCOMODATI PARENTI E AMICI, A SPESE DELLA COMPAGNIA (CON TANTO DI CAMBIO DI AEREO PER FAR POSTO A TUTTI) – E COSÌ, MENTRE LA COMPAGNIA PROCEDE SPEDITA VERSO IL BARATRO, CI SARANNO DUE CAUSE INCROCIATE: UNA ANNUNCIATA DA ALTAVILLA, L’ALTRA QUELLA CHE SI RISERVA DI PROMUOVERE IL TESORO CONTRO IL MANAGER…

cronache

sport

cafonal

CAFONALISSIMO NO "PUBLISPEI" NO PARTY! – PER FESTEGGIARE I 50 ANNI DELLA CASA DI PRODUZIONE, FESTONE NEL CAFÉ DI VIA DELLA CONCILIAZIONE A ROMA – CON LINO BANFI, SCORTATO DALLA FIGLIA ROSANNA E DA ELEONORA GIORGI, C'ERA IL TRIO DI TESTE D'ARGENTO CHRISTIAN DE SICA, GIULIO SCARPATI E NINETTO DAVOLI – E POI ARISA CON UN “PAGLIA E FIENO” CHE SI FA A MIAMI DI VERDONIANA MEMORIA E UN INGELATINATO EDOARDO PESCE CON I CALLI SULLE MANI (È TORNATO AL PUB DI SAN LORENZO O FA SOLO BOXE?)

viaggi

salute