CIAK MI GIRA - ALLA FACCIA DEGLI OSCAR. BOTTE DA ORBI QUESTO FINE SETTIMANA TRA “CREED III” E “SCREAM VI”, IN TUTTO IL MONDO - MA IN ITALIA, I DUE FILM TROVANO UN DEGNO AVVERSARIO NEL THRILLER MILANESE “L’ULTIMA NOTTE DI AMORE" CHE OTTIENE A SORPRESA IL SECONDO POSTO NEL BOX OFFICE DEL WEEKEND CON 965 MILA EURO - COSÌ, MENTRE “CREED III” FESTEGGIA UN WEEKEND DA 1 MILIONE 450 MILA EURO SCREAM VI” È TERZO CON 782 MILA EURO, SEGNO CHE GLI HORROR, IN ITALIA, FANNO PARECCHIA FATICA… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


sylvester stallone e michal b jordan in creed III sylvester stallone e michal b jordan in creed III

Marco Giusti per Dagospia

 

Alla faccia degli Oscar. Botte da orbi questo fine settimana tra “Creed III” con Michael B. Jordan e Jonathan Majors e “Scream VI” con Jena Ortega e Melissa Barrera, in tutto il mondo. “”Creed III”, ormai arrivato a un globale di 179 milioni di dollari, cede il passo in America, con 27, 2 milioni a “Scream VI” che vince il weekend con 44,5 milioni di dollari per un globale, con gli incassi esteri, di 67 milioni. Mica male.

pierfrancesco favino l ultima notte di amore pierfrancesco favino l ultima notte di amore

Ma in Italia, attenzione, “Creed III” e “Scream VI” trovano un degno avversario nel thriller milanese “L’ultima notte di Amore” di Andrea Di Stefano con Pierfrancesco Favino e Antonio Gerardi, che ottiene a sorpresa il secondo posto nel box office del weekend. Così, mentre “Creed III” festeggia un weekend da 1 milione 450 mila euro per un totale di 5, 4 milioni di euro, “L’ultima Notte di Amore” incassa 965 mila euro, quasi un milione in quattro giorni. Solo ieri stava a 346 mila euro. Mentre “Scream VI” è terzo con 782 mila euro, ieri a 212.

 

Scream VI Scream VI

Segno che gli horror, in Italia, fanno parecchia fatica, ma anche che “L’ultima notte di Amore” sta piacendo e è cresciuto. Ciro Ippolito che lo ha visto sabato al Barberini (“buono, ma troppi poliziotti” è il commento), sala piena, mi ha detto che ci va un pubblico non di giovani, cosa che potrebbe essere un limite. Ma, certo, perché un ragazzetto dovrebbe vedere il dramma del poliziotto Favino col parente della moglie calabrese Gerardi che lo mette nei guai quando ha film come “Creed III” dove si menano senza essere calabresi e “Scream VI” dove Ghostface gira col coltello per ucciderti?

H

brendan fraser oscar 2023 brendan fraser oscar 2023

 Il quarto posto va invece a “The Whale”, fresco di Oscar a Brendan Fraser, con 394 mila euro e un totale di 2, 1 milioni. Anche in Francia, che è un mercato più ricco del nostro, e dove “Creed III” è già a 12 milioni di euro, “Scream Vi” cede il passo a un nuovo film nazionale, la commedia gialla di François Ozon “Mon crime” con Isabelle Huppert, che avrà, presumo, un pubblico borghese vecchiotto. Ma arriva dopo un inizio del 2023 segnato da due successi nazionali.

 

brendan fraser the whale brendan fraser the whale

Ecco, se riuscissimo anche noi a costruirci una maggiore affezione al cinema italiano di qualità (lo so, a volte è dura) con buoni film medi anche di genere, con pubblico che non si senta ogni volta tradito, potremmo vedere un po’ di luce. Ma già da oggi temo che si ritorni al buio delle sale vuote. A meno che gli Oscar e il ritorno in sala dei vincitori riescano a ravvivare un po’ la situazione.

CREED III CREED III creed III di michal b jordan - locandina creed III di michal b jordan - locandina CREED III CREED III CREED III CREED III CREED III CREED III the whale brendan fraser 1 the whale brendan fraser 1 the whale brendan fraser e darren aronofsky the whale brendan fraser e darren aronofsky the whale brendan fraser the whale brendan fraser the whale locandina the whale locandina Scream VI Scream VI Scream VI Scream VI Scream VI Scream VI Scream VI Scream VI pierfrancesco favino l ultima notte di amore pierfrancesco favino l ultima notte di amore pierfrancesco favino l ultima notte di amore pierfrancesco favino l ultima notte di amore pierfrancesco favino l ultima notte di amore pierfrancesco favino l ultima notte di amore pierfrancesco favino l ultima notte di amore pierfrancesco favino l ultima notte di amore michal b jordan in creed III michal b jordan in creed III

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)