CIAK, MI GIRA! - "BACK TO BLACK", IL FILM SU AMY WINEHOUSE, AL SUO PRIMO GIORNO IN SALA FA SCOMPARIRE IL RICORDO DEL BIOPIC PIU' AMATO DELLA SETTIMANA, CIOÈ "ENNIO DORIS C'È ANCHE DOMANI", MA NON FA UN GRANDE INCASSO, 94 MILA EURO, 12 MILA SPETTATORI - IL SECONDO POSTO È DEL POTENTE "CIVIL WAR", AL SUO PRIMO GIORNO ACCOLTO DA UN INCASSO DI 67 MILA EURO E 9 MILA SPETTATORI… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

back to black il biopic di amy winehouse back to black il biopic di amy winehouse

Marco Giusti per Dagospia

 

"Back to Black", il biopic su Amy Winehouse diretto da Sam Taylor Johnson, blasonata videoartista poi passata al cinema popolare, con Marisa Abela, Jack O'Connell, Lesley Manville e Eddie Marsan, al suo primo giorno in sala fa scomparire il ricordo del biopic piuamato della settimana, cioè "Ennio Doris c'è anche domani" con Massimo Ghini. Ma "Back to Black" non fa un grande incasso, 94 mila euro, 12 mila spettatori, senza i biglietti omaggio della Banca Mediolanum. E le critiche internazionali sono parecchio modeste, anche se salvano l'interpretazione di Marisa Abela.

civil war. 11 civil war. 11

 

Se "Ennio Doris" scompare dalle sale e dalla classifica, il secondo posto è del potente "Civil War" di Alex Garland con Liraten Dunst, al suo primo giorno accolto da un incasso di 67 mila euro e 9 mila spettatori. Con la guerra alle porte, il nostro pubblico non ha così voglia di vedere anche al cinema battaglia, inoltre immaginarie.

Ghostbusters. Minaccia glaciale Ghostbusters. Minaccia glaciale

Terzo posto per "Ghostbusters: minaccia glaciale" con Paul Rudd, 41 mila euro, 6 mila spettatori un totale di 1, 1 milione. Scende parecchio l'incasso della commedia abruzzese "Un mondo a parte" di Riccardo Milani con Albanese & Raffaele, 29 mila euro e un totale di 5, 6 milioni. Alla fine, un successo. E senza biglietti omaggio della Banca della Majella. Ammesso che esista.

 

virginia raffaele antonio albanese un mondo a parte virginia raffaele antonio albanese un mondo a parte

La commedia inglese "Cattiverie a domicilio " con Olivia Colman, Jessie Buckley è quinta con 20 mila euro e 4 mila spettatori. "Kung Fu Panda 4" la segue con 18 mila euro e un totale di 10, 3 milioni. "Gloria!", il musical di Margherita Vicario con Galatea Bellugi, Carlotta Gamba e la Rappresentante di Lista, è settimo con 13 mila euro, seguito da "Godzilla e Kong" e l'ottimo "Omen" entrambi girati a Roma  con 11 mila euro. Incassucci insomma. Ma almeno avete qualche film da vedere al cinema.

GLORIA! GLORIA! GLORIA! GLORIA! GLORIA! GLORIA! ennio doris c'e' anche domani. 6 ennio doris c'e' anche domani. 6 virginia raffaele antonio albanese un mondo a parte virginia raffaele antonio albanese un mondo a parte Ghostbusters. Minaccia glaciale Ghostbusters. Minaccia glaciale ennio doris c'e' anche domani. 5 ennio doris c'e' anche domani. 5 civil war. 2 civil war. 2 civil war. 1 civil war. 1 civil war. 10 civil war. 10 ennio doris c'e' anche domani. 7 ennio doris c'e' anche domani. 7

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI