DAGONEWS! - A KIEV HANNO PRESO MALISSIMO LE DEMENZIALI POLEMICHE SULL’INTERVENTO DI ZELENSKY A SANREMO (PER NON PARLARE DEL "CONTROLLO" SUL MESSAGGIO AFFIDATA A COLETTA). E PER MITIGARE LA SACROSANTA INDIGNAZIONE DEL PRESIDENTE UCRAINO SI È MOBILITATO L’AMBASCIATORE CAPO DI VIALE MAZZINI, BRUNO VESPA. “IL BEPPE CASCHETTO DI ZELENSKY” (COPYRIGHT FRECCERO) VUOLE EVITARE CHE SI ARRIVI A UNO STRAPPO ANCHE PERCHÉ HA CAPITO CHE IN RAI NON ASPETTANO ALTRO CHE DI VEDERE LA SUA OPERAZIONE ZELENSKY FALLIRE... 

-

Condividi questo articolo


Dagonews

 

Volodymyr Zelensky Sanremo vignetta di Vukic Volodymyr Zelensky Sanremo vignetta di Vukic

Le demenziali polemiche sull’intervento di Zelensky a Sanremo sono arrivate all’orecchio dei solerti funzionari di Kiev e dello stesso presidente ucraino.

 

Lo stupore con cui l’ex comico ha accolto la singolare preoccupazione di parte della politica italiana è diventato sbigottimento quando ha rammentato la calorosa accoglienza ricevuta altrove. I suoi interventi all’Onu, alla notte degli Oscar, a Cannes, a Venezia, ai Golden Globes sono stati applauditi non solo senza riserve ma senza alcuna censura preventiva.

 

Nessuno gli ha mai chiesto di sottoporre il suo discorso alla lente di ingrandimento di oscuri funzionari televisivi. Fa ridere i polli (che siamo noi italiani) pensare che Stefano Coletta, multigender direttore della prima serata Rai, tendenza Matano, possa avere l’autorità e l’autorevolezza di esercitare una qualsiasi forma di controllo su un messaggio di un presidente di una nazione in guerra.

 

stefano coletta stefano coletta

Solo l’aberrazione di una televisione pubblica esposta alle ubbie, ai capricci e alle manipolazioni dei partiti può concepire una così palmare ingerenza su una questione così delicata.

 

Infatti a Kiev l’hanno presa malissimo e per mitigare la sacrosanta indignazione di Zelensky si è mobilitato l’ambasciatore capo di viale Mazzini, “Bru-neo” Vespa. Il presidente della Terza Camera dello Stato (“il Beppe Caschetto di Zelensky”, copyright Carlo Freccero) vuole evitare che si arrivi a uno strappo anche perché ha capito che i tentativi interni alla Rai di sabotare l’ospitata di Zelensky sono soprattutto un dispetto a lui

Bruno Vespa Zelensky a Sanremo vignetta by Macondo Bruno Vespa Zelensky a Sanremo vignetta by Macondo VOLODYMYR ZELENSKY A SANREMO MEME VOLODYMYR ZELENSKY A SANREMO MEME vespa zelensky vespa zelensky bruno vespa bruno vespa ZELENSKY A SANREMO - MEME BY EMILIANO CARLI ZELENSKY A SANREMO - MEME BY EMILIANO CARLI bruno vespa 3 bruno vespa 3 stefano coletta stefano coletta Bruno Vespa Zelensky a Sanremo vignetta by Macondo Bruno Vespa Zelensky a Sanremo vignetta by Macondo STEFANO COLETTA 2 STEFANO COLETTA 2 zelensky zelensky

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA