DAGOSPIA NELL’ALDO DEI CIELI – GRASSO SU “OGGI” FESTEGGIA I VENT’ANNI DI QUESTO DISGRAZIATO SITO: “ NEGLI ANNI HA SAPUTO SVICOLARSI DAL PURO PETTEGOLEZZO, DIVENENDO UN AGGREGATORE DI NOTIZIE E SPAZIO D’INFORMAZIONE, TRA I PIÙ LETTI DEL WEB. ORMAI GLI INFORMATORI DI DAGOSPIA SONO DAPPERTUTTO. «VOI CREDETE DI ESISTERE, E INVECE ESISTE SOLTANTO LA VOSTRA IMMAGINE RIFLESSA NEL PIANETA ARTIFICIALE DI D’AGOSTINO», SCRIVEVA EDMONDO BERSELLI…”

-

Condividi questo articolo

 

 

Aldo Grasso per “Oggi”

Dago in redazione - ph Massimo Sestini Dago in redazione - ph Massimo Sestini

 

Vent’anni fa nasceva Dagospia, il «sito più irriverente d’Italia». Lanciato nel 2000 con un investimento di 10 milioni di lire e la diffusione di tre notizie al giorno: tre pettegolezzi, come si diceva allora. Roberto D’Agostino aveva una rubrica sull’Espresso, si chiamava Spia e viveva di indiscrezioni mondane, di «si dice» del mondo della comunicazione, di perfidie varie. Poi l’infortunio: una malignità su Gianni Agnelli e il rapporto con l’Espresso finisce seduta stante.

 

selvaggia lucarelli vs aldo grasso 6 selvaggia lucarelli vs aldo grasso 6

Di qui lo sbarco sulla Rete, in un periodo in cui la diffidenza nei confronti di internet era molto alta e nessuno osava prevederne i successivi sviluppi. Finire sulla Garzantina era già un grande titolo di merito: «Sito internet fondato nel 2000 dal giornalista Roberto D’Agostino. Ha innovato le cronache mondane privilegiando indiscrezioni e curiosità su personaggi del mondo dell’economia, dell’informazione e della politica, rispetto alle tradizionali spigolature rosa su jet set blasonato e spettacolo».

Guarda Dagospia Guarda Dagospia

 

Non era facile allora capire la filosofia del pettegolezzo. In inglese si dice gossip, che qualcuno fa derivare da «gospel», Vangelo, altri, più propriamente, da god-sip, cioè madrina (comare, vicina di casa). In italiano «pettegolo», secondo il linguista Giacomo Devoto, deriva dal veneto petégola, ovvero «piccolo peto».

 

dago con la redazione (giorgio rutelli francesco persili federica macagnone riccardo panzetta alessandro berrettoni) dago con la redazione (giorgio rutelli francesco persili federica macagnone riccardo panzetta alessandro berrettoni)

Un tempo, il pettegolezzo volava di bocca in bocca: nei salotti francesi di Madame du Deffand, il potin era una prova di smagliante intelligenza, all’epoca in cui il ridicolo poteva ancora uccidere una persona. Virginia Woolf aveva una sua curiosa teoria: amava mettere in difficoltà gli amici con torbidi pettegolezzi perché, diceva, «si amano molto di più le persone quando sono affrante, di quando trionfano nella buona fortuna» (una formula che credo piaccia molto a D’Agostino). Oggi è una forma di comunicazione fra le più praticate che ha trovato in Dagospia il suo santuario mondano.

 

Negli anni, Dagospia ha saputo svicolarsi dal puro pettegolezzo, divenendo un aggregatore di notizie e spazio d’informazione, tra i più letti del web. D’Agostino lo descrive come una grande «portineria elettronica che muore ogni sera e rinasce ogni mattina». Chi scrive finisce sovente sul sito.

roberto d'agostino roberto d'agostino

 

In buona parte, per la pubblicazione dei suoi pezzi apparsi sul Corriere della Sera e, per la restante parte, come oggetto di malumori.

 

Ormai gli informatori di Dagospia sono dappertutto: nelle industrie come nei giornali, nei ministeri come in Vaticano, nelle sedi dei partiti come nelle tv. «Voi credete di esistere, e invece esiste soltanto la vostra immagine riflessa nel pianeta artificiale di D’Agostino», scriveva Edmondo Berselli.

dago quelli della notte dago quelli della notte vincino 15 anni dagospia vincino 15 anni dagospia Nell attesa legge Dagospia Nell attesa legge Dagospia Dago in redazione - ph Massimo Sestini Dago in redazione - ph Massimo Sestini roberto d'agostino roberto d'agostino Dago in redazione - ph Massimo Sestini Dago in redazione - ph Massimo Sestini I SOPRANNOMI DI DAGOSPIA I SOPRANNOMI DI DAGOSPIA dagospia and friends a oxford dagospia and friends a oxford DAGO A QUELLI DELLA NOTTE DAGO A QUELLI DELLA NOTTE Roberto D'agostino Roberto D'agostino roberto d'agostino 2 roberto d'agostino 2 eva grimaldi roberto d'agostino eva grimaldi roberto d'agostino roberto d'agostino ph adolfo franzo' roberto d'agostino ph adolfo franzo' roberto d'agostino 5 roberto d'agostino 5 roberto d'agostino 7 roberto d'agostino 7 Dago in redazione - ph Massimo Sestini Dago in redazione - ph Massimo Sestini roberto d'agostino2 roberto d'agostino2 roberto d'agostino giampiero mughini foto di bacco roberto d'agostino giampiero mughini foto di bacco roberto d agostino nella videofactory di videocitta (4) roberto d agostino nella videofactory di videocitta (4) marco trani roberto d'agostino corrado rizza marco trani roberto d'agostino corrado rizza Dago in redazione - ph Massimo Sestini Dago in redazione - ph Massimo Sestini

 

Condividi questo articolo

media e tv

‘’MARADONA NON È MORTO, È SOLO ANDATO A GIOCARE IN TRASFERTA” – LA MORTE DEL GENIO DEL CALCIO HA COLPITO PAOLO SORRENTINO MENTRE STA GIRANDO A NAPOLI. “E' STATA LA MANO DI DIO” - A MARADONA SONO STATI DEDICATI NUMEROSI FILM DIRETTI DA REGISTI DIVERSI TRA LORO COME EMIR KUSTURICA, MARCO RISI,  ASIF KAPADIA – NERI PARENTI HA AVUTO L'ONORE DI DIRIGERE IL PIBE DE ORO IN UN CINEPANETTONE: TIFOSI (1999), IN CUI IL CAMPIONE INTERPRETA SE STESSO E SI FA RAPINARE DA NINO D'ANGELO

politica

CONTE È DAVVERO IN BILICO? NON FINCHÉ DURA IL COVID NON SARA’ PIATTO E VACCINATO - A FEBBRAIO, INVIATI I PIANI DEL RECOVERY FUND, CONTE SI TROVERÀ DAVANTI A UN BIVIO: O SI RICORDERÀ CHE È STATO MESSO DA DI MAIO A PALAZZO CHIGI PER MEDIARE TRA I PARTITI DELLA MAGGIORANZA, E NON PER FARE IL MONARCA ASSOLUTO, OPPURE TORNERÀ A FARE L'AVVOCATO – MATTARELLA CHIEDE IL NOME DEL SOSTITUTO DI CONTE MA NON C’E’ ACCORDO (DI MAIO ACCETTARE UN ISCRITTO PD). CERCASI UN ESPONENTE DELLA SOCIETA’ CIVILE O DEL ''DEEP STATE'' - IL PATTO BETTINI/GIANNI LETTA

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

“SERVE IL LOCKDOWN A MILANO, GENOVA, TORINO E NAPOLI” - WALTER RICCIARDI: “LA SEMPLICE RACCOMANDAZIONE A NON MUOVERSI DI CASA RIDUCE DEL 3% L'INCIDENZA DEI CONTAGI, IL LOCKDOWN DEL 25%. SE A QUESTO ACCOPPIAMO LO SMART WORKING, CHE VALE UN ALTRO 13% E IL 15% DETERMINATO DALLA CHIUSURA DELLE SCUOLE SI ARRIVA A QUEL 60% CHE SERVE PER RAFFREDDARE L'EPIDEMIA - IL RINVIO DI RICOVERI E INTERVENTI STA FACENDO AUMENTARE DEL 10 PER CENTO LA MORTALITÀ PER MALATTIE ONCOLOGICHE E CARDIOVASCOLARI”

salute