DAVID RIONDINO A DAGOSPIA: “LEGGO CHE LA SIGNORA LU COLOMBO AVREBBE SCRITTO ‘MARACAIBO’. MA L’HO SCRITTA IO: AVEVO COMPOSTO LA CANZONE CON QUELLA STORIA, QUELLE PAROLE E QUELLA MUSICA. C’E’ UN PROCEDIMENTO LEGALE CON LA SIGNORA COLOMBO SUI DIRITTI DELLA CANZONE” (VIDEO)

Condividi questo articolo

 

Lettera di David Riondino a Dagospia

 

DAVID RIONDINO DAVID RIONDINO

Gentile signora Simona Voglino Levy (giornalista di Libero, ndr), Mi scusi se la disturbo, ma ho letto una sua intervista che mi riguarda da vicino, e mi permetto di rubarle pochi secondi. Leggo che la signora Colombo avrebbe scritto Maracaibo, fantasia tropicale, sulla base di una storia raccontatale da chissà chi.

 

Il chissà chi ero io, come può facilmente verificare in rete. Avevo composto la canzone con quella storia, quelle parole e quella musica. Comprese le pistole machines, i pescecani, le zanne bianche e l'accento sulla i di Maracaibo.

 

LU COLOMBO LU COLOMBO

L'intervista mi stupisce dato che c'è un procedimento legale in corso con la suddetta Colombo a proposito dei diritti della canzone. La canzone fu poi elaborata da Colombo e altri professionisti, quindi editata da Carosello. Io ero legato a un altro editore, coeditare pareva complicato: come si usava a quei tempi, e in amicizia, le dissi di firmar lei, e che quando potevamo avremmo ridepositato, dividendo a metà i diritti.

 

La qual cosa, quando fu il momento, madame Colombo non volle più fare. Evidentemente, a forza di cantare solo quella, si è convinta di averla scritta: ma Zazà sa benissimo chi c'era a Maracaìbo. 

 

LU COLOMBO - MARACAIBO LU COLOMBO - MARACAIBO

La risposta, la darà un tribunale. Trovo però molto strano che, con una azione legale in corso, Colombo rilasci interviste così provocatorie. Anche perché in altre occasioni non ha avuto problemi a dichiarare che facevo parte della canzone: così come mai ne ho avuti io a dire che lei ne ha riadattato una parte.  Molto più semplice sarebbe andare a ridepositare finalmente il pezzo a nome di tutti e due, e finalmente pacificarsi con la cantica, che a quanto leggo spesso la crucciò. Poi, in caso, rovistare nelle segrete della Siae per vedere se qualcosa ne esce fuori.

 

(Leggo che avrebbe tradotto anche Joaquin Sabina: deve esserci un errore di trascrizione nell’intervista. Sergio Sacchi mi conferma che le traduzioni sono tutte sue).

David Riondino

 

LINK ALL'INTERVISTA DI "LIBERO" A LU COLOMBO

http://www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv/ricordate-tormentone-maracaibo-era-cavallo-battaglia-lu-140778.htm

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

LA LETTERA DI MELANIA RIZZOLI AI MALATI DI TUMORE AL CERVELLO: “NON FATEVI IMPRESSIONARE DALLA MORTE DI NADIA TOFFA, PERCHÉ LEI HA AVUTO UNO DI QUEI TIPI PER I QUALI NON CI SONO CURE CERTE E PER I QUALI LA SCIENZA E LA RICERCA STANNO LAVORANDO MOLTO. I SEGNI E I SINTOMI DELLA PRESENZA DI LESIONI OCCUPANTI SPAZIO NEL CRANIO SONO SIMILI, E RICONOSCERLI ALLO STADIO INIZIALE PUÒ MIGLIORARE LA PROBABILITÀ DI GUARIGIONE E DI SOPRAVVIVENZA, E QUANDO SI PRESENTA UNO DI QUESTI SINTOMI..."