ESORCISMI NEI RETROBOTTEGA, CANTI AZTECHI E PROIETTILI: IL CULTO DELLA SANTA MUERTE, LA “RELIGIONE IN PIÙ RAPIDA CRESCITA” DEL MONDO - IL VATICANO LA DEFINISCE “INFERNALE” (VIDEO)

In un mercato di Città del Messico si consumano “esorcismi” da 10 $ nei retrobottega dei negozi - “La Santa Muerte non fa distinzione tra bene e male. Ti darà tutto quello che le chiedi, ma devi dare qualcosa in cambio”, racconta una seguace. “Io prego per la salute della famiglia, ma molti vengono qui per concludere con successo attività criminali”...

Condividi questo articolo


VIDEO - L’ESORCISMO DELLA STREGA SANTA MUERTE

 

 

Da http://www.dailymail.co.uk

 

un criminale, fedele della santa morte un criminale, fedele della santa morte

Nel retrobottega di un piccolo negozietto in uno sporco mercato di Città del Messico, la “strega” Lukzero Agakhan vende oggetti di magia nera e regala spettacoli di esorcismo a mucchietti di 10 verdoni.

 

Davanti a uno scheletro incappucciato, una madonna da brividi, con in mano una falce e in testa una corona, si svolgono i rituali di culto della Santa Morte. Secondo gli esperti, si tratta della religione che sta subendo la più rapida crescita in tutto il mondo. Oggi arriva a stimare più di dieci milioni di seguaci da Buenos Aires, Los Angeles, al Giappone e l’Australia.

il culto della santa morte 9 il culto della santa morte 9 il culto della santa morte 8 il culto della santa morte 8

 

Nasce dalla malavita messicana, dove le violente guerre tra bande hanno alzato vertiginosamente il tasso di omicidi e fatto crollare il valore della vita. Qui per un criminale vali poco più poco meno di un nuovo paio di scarpe.

 

Si cominciarono a costruire santuari nascosti nelle case. I seguaci pregavano e chiedevano aiuto e protezione alla Santa Morte. Oggi le persone compiono riti di esorcismo per essere liberati dalla tristezza e dalla negatività, per purificare la propria anima.

 

“Un sacco di persone pregano la Santa Muerte per far accadere cose brutte”, spiega Lukzero. “Io prego per la salute e il benessere della mia famiglia, ma molte persone vengono qui per chiedere la sofferenza degli altri o concludere attività criminali con successo”.

 

il culto della santa morte 7 il culto della santa morte 7

“La Santa Muerte non fa distinzione tra il bene e il male”, ha aggiunto. “Ti darà tutto quello che le chiedi, ma devi darle qualcosa in cambio”. Cosa offrire dipende interamente da chi compie il sacrificio. Deve essere qualcosa che si ama molto e a cui è difficile rinunciare.

 

il culto della santa morte 6 il culto della santa morte 6

“Bisogna stare attenti. Se si riceve qualcosa da lei, ma poi non si ricambia con quanto promesso, lei ti distruggerà”.

 

Le pratiche della Santa Muerte sono profondamente radicate nel cattolicesimo, insieme ai collegamenti alle credenze azteche. Il Vaticano ha preso decise distanze dal culto, definendolo “sinistro e infernale”.

 

“La Signora Bianca (un altro nome dato alla Santa) non mi giudica per quello che faccio”, dice Alejandro Herrera, un criminale di Città del Messico. “Prego Santa Muerte per il successo dei miei crimini e per proteggermi dalla polizia”.

 

il culto della santa morte 5 il culto della santa morte 5

“Preghiamo Santa Muerte per molte cose, ma la più comune è una morte serena”, sostiene il parroco della chiesa Juan Carlos Ávila.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

media e tv

politica

DOPO LE ELEZIONI, CHE FARA’ MARIO DRAGHI? – PER LUI CI SONO QUATTRO STRADE APERTE: SEGRETARIO DELLA NATO, PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE EUROPEA, PRESIDENTE DEL CONSIGLIO EUROPEO. LA QUARTA È UNA NOVITÀ: MEDIATORE TRA UCRAINA E RUSSIA - LA FIGURA DELL'INVIATO SPECIALE SULLA CRISI UCRAINA È QUELLA CHE QUALCHE MESE ERA STATA PENSATA PER LA MERKEL E CHE ORA MELONI POTREBBE RISPOLVERARE PER MARIOPIO - NATO, COMMISSIONE E CONSIGLIO UE SONO NOMINE CHE SI GIOCHERANNO ALLA SCADENZA DEI MANDATI ATTUALI TRA 2023 E 2024 – E POI C’E’ SEMPRE IL SOGNO QUIRINALE…

business

cronache

sport

cafonal

LUCIO FOREVER – ARRIVA A ROMA LA MOSTRA ITINERANTE “LUCIO DALLA. ANCHE SE IL TEMPO PASSA” NEL DECENNALE DELLA SCOMPARSA DEL CANTAUTORE – ESPOSTI APPUNTI, DIARI, CAPPELLI, OCCHIALI, IL MITICO CLARINETTO, POSTER, DISCHI – ALLA PRESENTAZIONE CARLO VERDONE HA RICORDATO L’AMICIZIA NATA CON “BOROTALCO” E RENZO ARBORE HA RACCONTATO DI QUANDO, A 7 ANNI, HA FATTO DA BALIA  A DALLA: “SONO IL PIÙ ANTICO AMICO DI LUCIO. PER ME È STATO IL FIGLIO DELLA SIGNORA MELOTTI, LA MODISTA AMATA DA MIA MADRE...”

viaggi

salute